Brand War: Wrestling Matter #13

Ben ritrovati lettori di spazio wrestling, io sono Matteo “the Legend killer” Traversa e anche questa settimana sono pronto ad analizzare con voi i match di casa Stanford! Sette giorni fa Raw ha distrutto SmackDown, soprattutto per demeriti dello show blu. Come andrà questa volta? La rubrica dedicata al wrestling ce lo dirà! So…LET’S GO!

 

RAW

 

BROOKLYN STREET FIGHT: ENZO AMORE VS BIG CASS

RIASSUNTO: Cass attacca Enzo sulla rampa e gli spinge addosso il carrello della spesa pieno d’armi che proprio Amore aveva portato. Lo schianta contro le barricate e  lo butta nel ring. Prende una sedia dal carrello e la porta nel quadrato. La offre poi ad Enzo, ma quando prova ad usarla, lo atterra con un big boot. Dopo la pubblicità Big Cass è sempre in controllo e ci viene mostrato un lancio di braccio fuori ring.  Enzo reagisce con una jawbreaker, ma poi subisce uno splash all’angolo. Pugno di Amore e Cass lo posiziona sul paletto per colpirlo alla schiena con numerosi pugni. Enzo barcolla sull’apron e Cass prova un big boot in rincorsa, ma Amore si lo evita, facendolo cadere rovinosamente all’esterno del quadrato. Enzo prova a prendere la sedia, ma Cass rientra e gli schiaccia la mano con il suo piede. Enzo riprova ancora a prendere la sedia, ma Cass calpesta la sedia. Cass esegue una powerslam, poi va per l’Empire elbow, ma crolla a terra. Arrivano i soccorsi e l’arbitro chiama la vittoria di Enzo Amore per abbandono.

ANALISI: una rissa, neanche tanto bella, con qualche mossa e nemmeno la consolazione dell’uso delle armi. L’infortunio di Cass è la tegola definitiva su un incontro pessimo.

VOTO: 2,5

 

 

NIA JAX VS EMMA

RIASSUNTO: schiaffo e colpi di Emma, poi dropkick basso, ma subisce un body block. Due elbow drop, un lancio di braccio, però poi splash a vuoto all’angolo. Dropkick di Emma, caricamento di Nia che esegue il samoan drop vincente.

ANALISI: squash, l’ennesimo, ai danni di una wrestler talentuosa. Due mosse in croce e basta un samoan drop per la vittoria. Ridicolo.

VOTO: 2

 

 

ELIAS VS R-TRUTH

RIASSUNTO: clinch vinto da Elias, ma poi colpi di truth e spinebuster. Splash all’angolo e pugni. Gomitata di Elias, ma poi heel kick di r-truth. Nuovi colpi all’angolo, ma reazione di Elias con un calcio all’addome e poi drift away che vale il 3.

ANALISI: match che inizia come una buona rissa, ma poi si chiude con una e ripeto una mossa di Elias. Uno squash mascherato insomma.

VOTO: 4

 

 

DREW GULAK, NOAM DAR, TONY NESE e ARIYA DAIVARI VS RICH SWANN, MUSTAFÀ ALÍ, GRAN METALIC E CEDRIC ALEXANDER

RIASSUNTO: partono Gulak e metalik. Side head lock di Gulak, ma metalik si libera ed esegue una Arm drag con rimbalzo sulle corde. Camminata sulle stesse e dropkick. Entrano Daivari e Alí. Calcio a tradimento all’addome di Daivari e colpi all’angolo. Splash evitato con un capriola da Ali, che poi connette con un twisted crossbody. Head lock e poi tag a Swann. Scambio di prese al braccio e poi quasi a segno il calcio in giravolta. Entra Nese, ma subisce un dropkick, ripagato con una gomitata in corsa. Dopo la pubblicità Gulak sta trattenendo per una gamba Swann, ma si prende dei calci in faccia, poi dei pugni e infine un enziguri. Tag a Nese e Alexander. Cedric lo stende e poi fa lo stesso con Daivari e Dar, reverse enziguri a Nese e poi enziguri dall’apron dopo uno splash. Flying clothesline, ma Gulag interrompe lo schienamento. Metalik lo butta fuori in back body drop e poi esegue un moonsault su Daivari e Gulak verso l’esterno. Intanto enziguri con rimbalzo dalle corde di Alexander e lumbar check decisiva.

ANALISI: match godibile, anche se avrei preferito una fase finale più caotica visto il numero di contendenti. Gli heel non mostrano praticamente una mossa interessante, mentre i face alcune, soprattutto Alexander con i suoi spettacolari vari enziguri e metalik che dimostra di essere davvero il maestro delle corde.

VOTO: 6,5

 

 

SETH ROLLINS E DEAN AMBROSE VS THE HARDY BOYZ

RIASSUNTO: iniziano Ambrose e Matt, con uno scambio di prese al braccio. Tag a Jeff e splash più leg drop. Ginocchiata di Ambrose, tag a Rollins e running dropkick prima di uno e poi dell’altro. Jeff reagisce e tag a Matt. Doppio lancio di braccio e proiezione che schianta Rollins. Side head lock di Matt, poi reazione di Seth con sgambetto che fa finire di faccia il rivale sul paletto. Tag a Dean ed elbow drop seguito da knee drop. Chop di Ambrose, poi Matt reagisce lanciandolo alle corde. Seth si prende il tag e si getta su Matt, che lo evita. Entra Jeff e reverse dropkick su Rollins, che finisce nella twist of fate di Matt, ma lo respinge verso Dean, che prova la dirty deeds. Matt sfugge e i due team si confrontano a centro ring. Rissa a quattro, poi Matt spedisce fuori Ambrose e Jeff connette con una jawbreaker su seth e lo spedisce fuori in clothesline, per poi stenderlo con un volo dall’apron. Dopo il break Rollins inverte una twist of fate in enziguri e c’è il doppio tag. Forearm e clothesline di Ambrose. Bulldog respinto, ma poi Matt finisce fuori ring. Ambrose tenta il crossbody, ma Matt rientra tra le corde. Lancia Rollins in backbody drop e Poetry in motion verso l’esterno di Jeff che stende i due shield. Poi rimette sul ring Ambrose, stinger splash e whisper in the Wind, ma Seth toglie dalla traiettoria il compagno. Front face lock di Rollins, poi suplex. Tag e colpi a terra del lunatico. Presa alle gambe più al braccio sinistro. Si va in piedi e clothesline di Ambrose. Tag e doppio splash all’angolo. Sleeper su Jeff e subito tag ad Ambrose. Ginocchiate e pugni, nuovo tag. Jeff respinge le valanghe e connette su entrambi il whisper in the Wind. Tag e Matt attacca tutti e due. Testate sui turnbuckle, clothesline e bulldog. Gomitata dal paletto dietro il collo e side effect respinta. Tag ad Ambrose non visto da Matt, che subisce la combo spinebuster più sling Blade. Jeff salva tutto con un dropkick basso. Nuova rissa a quattro, con gli hardys che hanno la peggio finendo fuori ring. Doppio suicide dive dei campioni. Ambrose riporta sul ring Matt, ma si prende una ghigliottina alle corde. Seth prova a intervenire e side effect sull’apron per lui. Dirty deeds e rebound clothesline evitate, poi side effect a segno. Matt prova il Moon sault, ma Ambrose lo sgambetta, poi sale sul paletto. Lotta con Matt, che viene buttata giù, ma si rifà sotto, costringendo il rivale a tuffarsi. Tag di Jeff e twist of fate di Matt. Superkick di Seth su Matt, ma poi Jeff lo getta fuori, sale sul paletto e va per la senton, murata con le ginocchia da Ambrose. Dirty deeds respinta, ma poi tag di Seth che connette con la sua ginocchiata e Ambrose completa con la dirty deeds per la vittoria.

ANALISI: grande match, combattutissimo e incerto fino alla fine. Molte le interazioni e le mosse da ricordare, ma su tutte svetta la poetry in motion verso l’esterno del ring.

VOTO: 7,5

 

 

JASON JORDAN VS FINN BALOR

RIASSUNTO: clinch, ma subito Jordan vira sulla lotta a terra e tecnica. Finn riesce a reagire con una irish whip e un dropkick. Jason si rialza e porge la mano al rivale, che però lo attacca con dei calci. Presa al collo di Balor, ma Jordan ricambia e poi lo prende al volo schiantandolo a terra. Finn con un braccio teso lo spedisce fuori dal ring, per poi provare un dropkick al volo, ma rinuncia quando Jordan rientra nel quadrato.  Break e al ritorno Balor sta lavorando la gamba del rivale, che però para un calcio e connette con una clothesline. Doppia schiacciata a terra partendo da un suplex e elbow drop. Butterfly suplex e Butterfly lock. Tentativo di un secondo butterfly suplex, ma due volte Finn lo blocca. Ribalta in back body drop e  dropkick basso. Murato uno splash con i piedi, poi serie di forearm e chop. Jordan gettato fuori ring e dropkick tra le corde, seguito dal calcio dall’apron. Running dropkick in belly to belly suplex. Spear all’angolo e tentativo di mossa finale, ma Finn si rovescia e gli cade addosso. Overhead kick, ma poi Jordan ko carica all’angolo per ben tre volte. Cerca la spear, ma si prende un calcio in faccia, lo sling Blade, il running dropkick e il coup de grace vincente.

ANALISI: match apprezzabile, nonostante i due stili non molto compatibili. Jordan ci regala dei bei suplex e Balor   le sue accelerate spettacolari. Peccato per il finale un po’ anticlimatico.

VOTO: 6,5

 

 

THE MIZ E SAMOA JOE VS ROMAN REIGNS E JOHN CENA

RIASSUNTO: si parte con Cena e Joe. Il samoano lo colpisce subito, lo atterra e lo chiude all’angolo, dove dà il cambio a Miz. Il magnifico va con una gomitata e poi un calcio al volto. Prova a correre, ma è intercettato da John Cena che lo colpisce con un braccio teso! John si distrae con il pubblico e Miz ne approfitta e lo attacca prima con un calcio alla gamba sinistra e poi con una ddt. Porta Cena all’angolo, serie di colpi e poi tag a Joe, che lavora l’avversario al tappeto. Nuovo tag e Miz sale sul paletto e colpisce Cena alla testa. Prova poi a colpirlo all’angolo, però Cena si sposta e lo evita. Tag a Reigns e Samoa Joe abbattutto, come poi Miz.  Never Ending Story e big boot. Superman punch tentato, ma Joe lo atterra con un uranage. Tag a Miz, che spinge Roman fuori dal ring, poi distrae l’arbitro, favorendo l’interferenza di Bo Dallas. Miz riporta il rivale nel ring, poi you can’t see me a Cena. Yes kick a Roman, ma l’ultimo viene evitato, culla trasformata in powerbomb. Tag a Samoa Joe e pestoni a Reigns, seguita da una presa al collo. Roman si rialza, accenna una reazione, ma subisce lo splash all’angolo più l’enziguri. Cambio per Miz, che dopo aver provocato Cena, spinge Reigns fuori dal ring. Il big dog colpisce Axel con un drive by e Dallas con un Superman Punch!! Torna sull’apron, Miz prova a colpirlo, ma Roman si abbassa e lo fa finire fuori dal ring. Tag a Cena, spallata doppia  Proto Bomb. You can’t see me e tentativo di Five Knuckle Shuffles, ma arriva Samoa Joe che si mette dinanzi a Cena. Accenno di coquina Clutch, ma Reigns va per il Superman Punch. Joe lo vede e mette Cena in rotta di collisione. Joe spinge Roman fuori dal ring con una spallata e poi prova ad andare con un Suicide Dive, ma Roman lo intercetta con un Superman Punch. Nel ring Miz prova lo Skull Crushing Finale su Cena, ma lui la evita e connette con l’Attitude Adjustment vincente.

ANALISI: ottimo match di coppia, con a farla da padroni. Cena gigioneggia troppo, mentre Reigns è più concreto. L’highlight infatti è suo, con la powerbomb a partire da un roll up.

VOTO: 7

 

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 5

 

RIFLESSIONI: l’incidente (ma anche il match in sé) di Cass, l’ennesimo squallido match femminile e il semi squash di r-truth condannano Raw all’insufficienza. Peccato, perché i cruiser si erano riscattati e gli altri match erano stati davvero buoni, soprattutto lo scontro Hardy vs shield.

 

 

Raw ha sbagliato, SmackDown quindi può vendicarsi per la sconfitta di settimana scorsa. Ci riuscirà? Scopriamolo!

 

 

SMACKDOWN

 

AIDEN ENGLISH VS BOBBY ROODE

RIASSUNTO: Glorious taunt di Roode, mentre English dice che questo è il suo show e si inchina, ma Bobby lo colpisce con un calcio e lo getta fuori ring con una clothesline. Dopo il break pubblicitario troviamo English in controllo che deride la posa di Roode, ma viene caricato all’angolo e riempito di spallate e chop. Mura però uno splash e lancia Roode dalla parte opposta. Splash a vuoto e Atomic drop subito, poi forearm. Clothesline all’angolo e block buster. Si carica il rivale sulle spalle, ma questi reagisce ed esegue la director cut. Conto di due, English sale sulla terza corda e si butta su Roode, ma lui si sposta e poi esegue una spinebuster! Tutto è pronto per la glorious ddt che vale il conto di tre!

ANALISI: discreto incontro, soprattutto contando che il rischio di uno squash per esaltare il debutto di Roode era elevato. Il Glorious mette in mostra gran parte del suo arsenale e in esso risalta la block buster dalla seconda corda. Aiden non sfigura ed esegue una buona director’s cut, mossa interessante.

VOTO: 6

 

 

BECKY LINCH E NAOMI VS CARMELLA E NATALYA

RIASSUNTO: partono Carmella e Naomi, ma la princess of Staten Island dà subito il tag. Clinch e noi andiamo in pubblicità. Al ritorno leg drop di becky su Natalya. La campionessa chiede un time out, ma poi sgambetta all’angolo Becky e la riempie di pestoni. Sleeper hold, Becky si libera, ma subisce una discus clothesline e, dopo un cheap shot a Naomi, viene portata all’angolo. Natalya cerca il tag, ma Carmella scende dal ring. Roll up di Becky e poi enziguri. Carmella complotta con Ellsworth, mentre Natalya riesce a far cadere Becky dal paletto. Tentativo di suplex tramutato in culla, poi tag a Naomi. Enziguri dall’apron, sunset flip e presa di sottomissione, ma Natalya di libera, mentre Carmella aveva già in mano la valigetta. Prova la sharpshooter, però viene spinta all’angolo. Si difende con un big boot da uno splash di Naomi e poi dà il tag a una distratta Carmella. Lei si rifiuta di entrare, allora la insegue, ma si prende un calcio. Becky interviene e beckxploder su Carmella, poi Split legged moonsault di Naomi per il conto di 3.

ANALISI: match carino, anche se il fulcro è stata la psicologia del possibile incasso. Natalya trascinatrice e le face comprimarie, mentre Carmella è solo una comparsa. Le mosse migliori le fanno vedere Becky, con il suo Beckxploder, e Naomi, con l’enziguri dall’apron e lo Split legged moonsault.

VOTO: 6

 

 

SHINSUKE NAKAMURA VS THE SINGH BROTHERS

RIASSUNTO: i Singh accerchiano Nakamura, ma vengono stesi entrambi e chiedono consiglio a Mahal. Ci riprovano, ma non va meglio. Doppia good vibrations. Un Singh messo sul paletto e poi sopra il secondo, ginocchiata a entrambi! Poi getta fuori i fratelli e provoca Mahal, ma i Singh lo attaccano alle spalle. Colpi all’angolo dei Singh, irish whip, ma big boot per uno e cross Arm breaker per l’altro, tramutata in triangle choke. Il Singh cede subito!

ANALISI: praticamente uno squash, ma ci sta visti i contendenti. Mosse che si contano sulle dita di una mano e tra cui spiccano soltanto la doppia ginocchiata all’angolo e la transizione per la triangle choke.

VOTO: 3

 

 

THE HYPE BROS VS THE USOS

RIASSUNTO: partono Jey e mojo, il quale spinge il rivale all’angolo, poi evita uno splash e connette con una spear. Gutwrentch suplex e stinger splash, poi però Jimmy lo distrae e subisce un dropkick. Tag e stomp, poi running hip attack. Leg drop e sleeper hold. Mojo si libera, stende il fratello all’angolo ed evita uno splash di quello sul ring. Tag a Ryder! Serie di avambracci e poi facebuster. Colpi all’angolo, carica il broski boot, ma Jimmy tira fuori ring il fratello. Lì viene travolto da Mojo, che però si becca un superkick da Jey. Dropkick tra le corde di Ryder, poi è pronto a volare, ma Jimmy lo distrae e Jey lo tira giù. Superkick e 1, 2 e 3.

ANALISI: match breve, ma rapido e divertente. Gli Usos con le loro tattiche da codice penale sono sempre efficaci e credibili. Le mosse più ad effetto della contesa sono stranamente di Mojo, ossia il running body block e il gutwrentch suplex.

VOTO: 6,5

 

 

KEVIN OWENS VS AJ STYLES PER IL TITOLO US (ARBITRO SPECIALE: BARON CORBIN)

RIASSUNTO: Owens si rifugia subito fuori ring, ma Corbin non fa partire il conteggio. Owens finge di entrare, ma poi esce di nuovo. AJ si lamenta con Corbin e Owens lo attacca alle spalle. Dopo diversi colpi all’angolo, AJ reagisce  con un dropkick e poi vola oltre le corde sul rivale fuori ring con un forearm. Dopo il breaker, troviamo AJ che si libera da una presa a suon di pugni e connette il Pelè kick. Owens rotola fuori ring, Styles prova il calcio dall’apron, ma viene fatto cadere sullo stesso con uno sgambetto. Owens poi esegue una fall away slam sulle barricate. Presa al collo sul ring e poi ginocchiata su Styles che si stava liberando. Nuova sleeper prolungata, interrotta con una facebuster! Striking furioso e clothesline, poi Forearm basso! Kick up, stinger splash e fireman Carry neckbreaker. Nuovo splash, ma Owens lo manda sull’apron. Styles lo respinge e prova il phenomenal forearm, a vuoto, ma non così la calf crusher! Owens quasi tocca le corde, ma Styles rotola e lo riposiziona a centro ring. KO sta per cedere quando il lone Wolf lo costringe a mollare la prese perché Owens ha toccato le corde in precedenza!Styles protesta perché doveva tenere le corde, ma Corbin sostiene che ha interrotto la presa toccandole. Owens si riprende e spinge AJ contro Corbin! Il lone Wolf se la prende e spinge Styles in un roll up di Owens, ma solo 2! Nuovo roll up mentre Styles cercava di andare a protestare con Corbin, sempre 2! Doppia clothesline e entrambi i contendenti a terra. Arriva Shane e critica Corbin per i suoi conti veloci. Intanto Owens approfitta del caos per colpire con un low blow AJ e lo schiena. 1, 2…Shane trascina fuori ring Corbin e gli spiega di aver visto il colpo illegale. I due discutono e alla fine Corbin si toglie la maglia e la getta su Shane. Owens è disperato, ma Shane la indossa e diventa l’arbitro del match. KO risale e prende Styles dall’apron, ma subisce una ghigliottina alle corde e il phenomenal forearm vincente.

ANALISI: bel match, anche se si è puntato prevalentemente sul ruolo di Corbin e poi Shane, soprattutto nel finale, piuttosto che sul creare un incontro spettacolare. L’highlights è sicuramente la fall away slam sulle barricate di Owens.

VOTO: 7

 

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

 

RIFLESSIONI: nulla di eccezionale per lo show blu, ma tutti match solidi, apparte lo squash di Nakamura. Si può fare molto di più, ma vista la tragedia di settimana scorsa, non ci lamentiamo troppo.

 

 

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Nia Jax vs Emma. Squash inutile e brutto, non c’è molto altro da dire.

 

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: the Hardy Boyz vs Seth Rollins e Dean Ambrose. Scelta facile e purtroppo non solo per meriti dei due team, bensì anche per mancanza di concorrenza. Ciò non sminuisce l’incontro, che quasi è degno di un PPV.

 

CONCLUSIONI: SmackDown vince, senza strafare. Raw perde per una gestione bipolare dei match. Settimana magra per il lottato. Si può e si deve fare di più.

 

E con queste considerazioni la rubrica si chiude! Che ne pensate dei voti che ho assegnato? Concordate con il roster vincente o no? Fatemelo sapere come sempre nei commenti! Io vi aspetto settimana prossima, buon wrestling a tutti!