Brand War: Wrestling Matter #21

Ben ritrovati amici e amiche di Spazio Wrestling, qui è il vostro Matteo ‘the legend killer’ Traversa, pronto come ogni settimana ad analizzare con voi i match di Raw e Smackdown. Questa settimana chi avrà offerto il wrestling migliore? Scopriamolo insieme!

 

RAW

 

JACK GALLAGHER VS CEDRIC ALEXANDER

RIASSUNTO: inizia alla grande Alexander, ma una distrazione di Kendrick fa prendere vantaggio al Gentleman. Dopo una lunga sofferenza, Cedric trova la reazione e Swann mette fuori gioco Brian, permettendo all’amico di chiudere con la lumbar check.

ANALISI: discreto match, anche se manca lo spettacolo che dovrebbe sempre esserci tra i pesi leggeri. Sugli scudi Alexander, che mostra le mosse migliori, tra cui l’enziguri con rimbalzo alle corde.

VOTO: 5

 

SASHA BANKS VS ALICIA FOX

RIASSUNTO: subito tentativo di Bank Statement, poi Alicia con astuzia prende il sopravvento. Dopo un dominio della Fox, Sasha ribalta una tirt a whirl backbreaker in Bank Statement e costringe la rivale a cedere.

ANALISI: match da sbadigli, in cui l’unica mossa degna di nota è la tirt a whirl backbreaker della Fox.

VOTO: 4

 

ELIAS, LUKE GALLOWS E KARL ANDERSON VS JASON JORDAN, TITUS O’NEAL E APOLLO CREWS

RIASSUNTO: i face fanno subito piazza pulita, ma poi gli heel mettono crews in difficoltà. Quando Jordan si prende il tag, spazza via tutti gli avversari. Apollo si prende il tag in un momento di difficoltà di JJ, che colpisce con la spear Anderson e Gallows, lasciando campo libero a Crews che connette la sit out powerbomb vincente su Karl.

ANALISI: buon match, seppur senza squilli sul lottato. Grande prova come sempre di Jordan.

VOTO: 6,5

 

ALEXA BLISS E EMMA VS BAYLEY E MICKIE JAMES

RIASSUNTO: sostanziale equilibrio iniziale, poi le heel dominano su Bayley. La Hugger dopo aver sofferto lungamente riesce a reagire e far entrare Mickie che distrugge la Bliss fino all’interferenza di Emma, la quale però viene estromessa da Bayley, lasciando così campo libero al mick kick decisivo della sfidante sulla campionessa.

ANALISI: match molto basico, in cui nessuna atleta mostra grandi cose.

VOTO: 4,5

 

DEAN AMBROSE E SETH ROLLINS VS CESARO E SHEAMUS

RIASSUNTO: inizio equilibrato, poi una scorrettezza di Cesaro mette a malpartito Rollins. Dopo aver patito per molto, Seth riesce a dare il tag ad Ambrose che entra scatenando il putiferio. Gli sfidanti vanno comunque vicini alla vittoria, ma vengono sconfitti dalla combo king’s landing e dirty deeds su Cesaro.

ANALISI: ennesimo buon match tra i due team, anche se chiaramente si risparmiano. La mossa più bella è degli sfidanti, con Sheamus che lancia Rollins sullo european uppercut Cesaro.

VOTO: 7

 

STEEL CAGE MATCH

BRAUN STROWMAN VS ROMAN REIGNS

RIASSUNTO: dopo alcuni uppercut di Roman, Strowman fa valere la sua superiorità fisica, ma Reigns lo mette in difficoltà sfruttando bene la gabbia. Col tempo però il Mostro sale in cattedra e sbatacchia il rivale contro la gabbia ripetutamente. Un placcaggio a vuoto contro la struttura dà a Reigns la possibilità di reagire. Arriva addirittura a raggiungere la cima della gabbia, ma The Bar gli impedisce la fuga. Lo Shield interviene e Strowman nel frattempo riesce a trattenere Reigns, per poi connettere con un superplex dalle corde. Braun tenta la fuga, ma Reigns lo fa cadere con le parti basse sulle corde e lo colpisce con due superman punch, più un terzo su una tentata reazione dell’avversario. Quando il Big Dog è pronto per la spear, risuona la musica di Kane, il quale appare da sotto il ring e lo stende con due chokeslam. Strowman esegue la sua running powerslam e Kane la tombstone, poi Braun con una nuova running powerslam e schiena Reigns.

ANALISI: più rissa che match, ma comunque molto godibile. Il finale poi, con l’inatteso ritorno di Kane e la distruzione di Reigns, è spettacolare. L’highlight della contesa è senza dubbio il superplex dalle corde di Strowman, ma anche il superman punch al volo di Reigns è notevole.

VOTO: 7,5

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 5,5

RIFLESSIONI: puntata in chiaro scuro, rovinata da Cruiser e donne, come sempre punto debole dello show rosso. Il match con lo Shield coinvolto sono i punti più alti dello show e il resto è solido, peccato!

 

Raw ha fallito, quindi rischia di subiree un’altra sconfitta. Smackdown ha il coltello dalla parte del manico, saprà inferire il colpo di grazia? La parola spetta al ring!

 

SMACKDOWN

 

CHARLOTTE, BECKY LINCH E NAOMI VA NATALYA, LANA E TAMINA

RIASSUNTO: partono Natalya e Naomi. Big boot difensivo all’angolo dell’ex campionessa, ma quella attuale la fa cadere a terra di sedere dopo un rimbalzo sulle corde e la calpesta, per poi prendersi però una head scissor. Schiaffo in scivolata e Natalya fugge fuori ring. Lana e Tamina la raggiungono, ma Naomi stende la samoana e la campionessa con un cross body. Si torna sul ring e Natalya trova una reazione con un calcio e uno snapmare. Naomi riesce a liberarsi da una sleeper hold e fa entrare Becky. Calcio in giravolta e leg drop, poi tentativo di disarm her, ma Natalya fugge dal ring. Break pubblicitario e al ritorno Tamina schianta Naomi al suo angolo, per poi dare il tag a Lana che connette con un suplex. Applica una presa al braccio e nel frattempo ci viene mostrato come le heel hanno preso il sopravvento, ossia con un superkick di tamina dopo un blind tag. Lana si bea del suo operato e colpisce a tradimento Becky, poi ci prova anche con Charlotte, ma questa la evita. La Flair prova a vendicarsi e ciò consente un gang attack all’angolo nemico su Naomi. Naomi reagisce, esegue un roll up su Lana e riesce a far entrare Charlotte che stende tutte le rivali e poi riempie di chop lana. Knee drop, t-bone suplex e big boot. Figure four interrotto da Natalya che manda la Flair contro il paletto. Becky la punisce col becksploder, però si prende un superkick da Tamina e a chiudere il cerchio ci pensa Naomi con un crossbody. Lana prova un roll up, ma poi finisce nella figure 8 e cede!

ANALISI: nulla di eccezionale, ma anni luce dagli scempi di Raw. Buone interazioni e diverse mosse apprezzabili, su tutte i cross body di Naomi e i suplex di Becky e Charlotte.

VOTO: 6,5

 

BARON CORBIN VS SIN CARA

RIASSUNTO: clinch vinto da Corbin, poi colpi e dropkick di Sin Cara. Enziguri sull’apron e suicide dive. Ghigliottina alle corde e cross body dal paletto verso l’esterno. L’arbitro conta fuori Corbin e arriva a 10! Sin Cara batte per count out il campione.

ANALISI: un match fulmineo, eppure godibile per le numerose mosse di Sin Cara. Su tutte, da ricordare è il crossbody dal paletto verso l’esterno del ring.

VOTO: 6

 

BOBBY ROODE VS DOLPH ZIGGLER

RIASSUNTO: subito calcio e pugni di Dolph, ricambiati da una clothesline. Dolph fuori ring, Bobby lo raggiunge, ma viene spinto contro l’apron e steso con un dropkick. Dopo la pausa pubblicitaria troviamo Ziggler in controllo con una sleeper hold. Evita un backdrop, prova un dropkick, ma Roode lo blocca e lo manda sul paletto con un rocket launcher. Pugni di Roode, flying forearm e serie di clothesline, poi una schiacciata in giravolta. Clothesline all’angolo, volo, ma Ziggler evita e prova un roll up scorretto, solo 2. Glorious DDT, no, superkick, no. Roll up di Roode, placcaggio all’angolo evitato con un side step e roll up tenendo il costume che vale a Ziggler il conto di 3!

ANALISI: match deludente, come il precedente. Proprio quando sembra accendersi, arriva il pessimo finale.

VOTO: 5

 

SHINSUKE NAKAMURA E RANDY ORTON VS KEVIN OWENS E SAMI ZAYN

RIASSUNTO: iniziano Nakamura e Zayn, scambiandosi prese al braccio. Nakamura provoca Sami e parte con lo striking, connettendo un enziguri in giravolta. Good vibrations e tag ad Orton, ma Sami fugge al suo angolo e Owens si fa dare il cambio. Pugni e uppercut di Orton. Valanga respinta e anche il tentativo di RKO. Owens va fuori ring, The Viper lo insegue, ma Zayn si mette in mezzo. Orton lo stende, però si espone all’attacco alle spalle di KO, che lo manda contro il paletto e poi sulle barricate con una fall away slam. Al ritorno dal break Nakamura sta posizionando Owens sulle corde, parte per la ginocchiata, ma Sami toglie l’amico all’ultimo istante e l’artista sbatte male il ginocchio. Owens connette un chop block e poi dà il tag a Sami. I due heel lavorano il ginocchio del nipponico, poi senton di Owens e sleeper hold. Nakamura reagisce e stavolta esegue la ginocchiata al paletto. Doppio tag e serie di clothesline di Orton. Powerslam evitata, ma non il t-bone suplex. The Viper attacca poi KO, mandandolo sulle barricate con un backdrop, ma subisce una baseball slide di Sami. L’Underdog va per il suicide dive, ma Orton gli rifila un pugno. Tenta la silver spoon DDT, ma Sami reagisce. Tuttavia nulla può contro il backdrop sul tavolo si commento che implode. Si torna sul ring, Owens interrompe lo schienamento e connette con il superkick, salvo poi essere gettato fuori da Nakamura. Zayn va per l’helluva kick, ma si becca la powerslam! Kevin Owens tira giù dall’apron Nakamura e lo schianta sulle barricate, poi distrae l’arbitro, consentendo a Sami di rifilare un low blow ad Orton! Helluva kick a segno! 1, 2 e 3!

ANALISI: gran match di coppia, combattuto e incerto fino alla fine, con Zayn e Owens a farla da padroni, mostrando un efficiente gioco di squadra, mentre Orton e Nakamura difettano in questo campo e li pagano a caro prezzo. Il finale è perfetto, in quanto segna il definitivi passaggio di Sami tra gli heel. Il backdrop di The Viper sul tavolo è l’highlights della contesa.

VOTO: 7

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

RIFLESSIONI: puntata sufficiente, senza match eccezionali, ma in compenso quasi tutti solidi. Unica vera pecca Roode vs. Ziggler.

 

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Sasha Banks vs. Alicia Fox. Women’s Revolution un cavolo, le wrestler di Raw continuano a deludere e troppo spesso finiscono in questa disonorevole categoria.

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Braun Strowman vs. Roman Reigns in uno Steel Cage. Nuova ottima prova di alchimia tra i due, condita dal sorprendente finale.

 

CONCLUSIONI: Smackdown continua la sua striscia di vittorie, un po’ per suoi meriti e un po’ sfruttando il periodo nero di Raw (causato principalmente da donne e Cruiser). Settimana non eclatante per entrambe comunque, si può e si deve fare di meglio.

 

E anche per oggi è tutto! Io e Brand War vi diamo appuntamento a tra sette giorni, con l’augurio di avere una prossima settimana di wrestling grandiosa!

Comments

Commenta questo post