Brand War: Wrestling Matter #32

Ben ritrovati cari lettori al primo numero del 2018 di Brand war! I due show della WWE avranno fatto il buon proposito di regalarci del lottato migliore? Scopriamolo insieme!

RAW

JASON JORDAN VS CESARO

RIASSUNTO: Cesaro approfitta della distrazione di Jason per attaccarlo subito e farlo finire fuori dal ring. Seth è dunque già lì a raccomandare a Jordan di stare attento. Cesaro sembra in controllo all’inizio e colpisce con un uppercut Jordan che però poco dopo reagisce, solleva Cesaro e lo porta nell’angolo sbattendolo contro il paletto. Cesaro sembra in difficoltà e quindi interviene Sheamus che fa quel che basta purchè Jordan si distragga e cosi che Cesaro ne approfitti e colpisca Jordan. Dopo il break Cesaro è su Jordan e controlla il match chiudendolo in una mossa di sottomissione. Pare che Jordan abbia preso un colpo alla solita gamba dolorante ed ora, faccia un po’ di difficoltà. Cesaro prova allora a colpire sempre in quella zona, chiudendo l’avversario in una mossa di sottomissione che però non riesce a trovare compimento in quanto Jordan arriva alle corde. Jordan allora reagisce e assesta un paio di suplex su Cesaro, provando un conteggio che arriva solo a 2. Sheamus allora prova a intervenire, ma Rollins e lì attento e lo stende. Cesaro viene distratto da questa cosa e Jordan dal nulla connette il suo neckbreaker che gli vale il conteggio di 3 e quindi la vittoria.

ANALISI: match sufficiente e dunque sotto le aspettative, visti i contendenti di livello. L’unico vero highlight è il doppio northern light suplex di Jordan.

VOTO: 6

APOLLO CREWS VS BRAY WYATT

RIASSUNTO: Anche se Apollo Crews parte abbastanza bene e Titus e Dana Brooke lo incitano sin dall’inizio con foga, Wyatt fa veramente il minimo indispensabile e riesce a tenere a bada il suo avversario che prova a colpirlo con dei suplex ma si becca una fortissima clothesline e successivamente, sul suo tentativo di finisher viene controbattuto e si becca di tutta risposta una Sister Abigail che chiude una mai aperta contesa.

ANALISI: buon match tra i due, quando ci si poteva aspettare uno squash. Interessante la jaw breaker modificata dal paletto di Bray e le manovre aeree di apollo, degne di un cruiser. Il finale poi, con crews vicino alla vittoria, è un più.

VOTO: 6,5

ALEXA BLISS VS ASUKA

RIASSUNTO: Da subito la Bliss sente un sacco di pressione e sembra restia al combattimento nascondendosi dietro le corde. Questo, tuttavia, è solo un trucco e infatti Alexa appena può attacca Asuka, che però non si fa sorprendere e colpisce la bionda con un paio di colpi di fondoschiena facendola finire fuori dal ring.
Torniamo dal break e adesso Alexa ha chiuso Asuka in una mossa di sottomissione e continua a pressare per far cedere l’avversaria. Rivediamo intanto che Asuka è stata colpita da un forte calcio all’addome da Alexa. Asuka però si libera e colpisce Alexa tentando la Asuka lock ma la campionessa è lesta ad afferrare le corde per il ropebreak. Alexa risale sul ring e prova a spingere Asuka contro il paletto, ma la giapponese reagisce e prova il roll up, trovando solo un conto di due. Alexa allora prende Asuka e le assesta un ceffone in piena faccia che fa eco in tutta l’arena. La nipponica allora si arrabbia e colpisce ancora Alexa Bliss con un neckbreaker e poi riesce a connettere la sua arm-bar con la quale fa cedere la campionessa WWE.

ANALISI: match abbastanza noioso, quantomeno abbiamo assistito al primo non-squash di asuka, anche se, contando che era con la campionessa, era prevedibile.

VOTO: 5

BRAUN STROWMAN VS RHYNO

RIASSUNTO: Il match non è nemmeno lontanamente ai livelli di Rhyno che intanto che le sta prendendo, a un certo punto, aggredisce Strowman con Slater. Alla fine, il mostro schianta entrambi con un paio di running powerslam e chiude la contesa in poco tempo.

ANALISI: match abbastanza pessimo e insensato per l’interferenza di slater che andava punita con la squalifica.

VOTO: 4,5

SAMOA JOE VS ROMAN REIGNS

RIASSUNTO: I due partono subito molto aggressivi e infatti Joe si becca subito un samoan drop con Roman che prova il conteggio, ma trova la pronta risposta di Joe, che lo chiude in una veloce mossa di sottomissione. I due si colpiscono e sembrano equivalersi, ma Joe riesce a colpire con una forte ginocchiata Reigns e a chiuderlo in una mossa di sottomissione dalla quale Roman poco dopo riesce a liberarsi, ma viene sbattuto contro il paletto e si becca anche un pele kick. Joe prova il conteggio: 1..2..no, troppo presto! Reigns, intanto sbatte forte contro il paletto, ma riesce a colpire anche Samoa Joe con un violentissimo braccio teso e a spedirlo nell’angolo dove gli assesta diversi bracci tesi prima di colpirlo ancora con un big boot. Joe però non ci sta e torna nel ring, lancia Roman fuori e poi vola con un suicide dive davvero molto bello, con il quale investe il campione in pieno e lo fa rotolare verso l’apron. Joe ora sembra essere in totale controllo e lancia ancora Reigns fuori dal ring. Reigns prova il superman punch, ma Joe lo intercetta e lo sbatte forte contro i gradoni d’acciaio. Joe prova a sbattere nuovamente Reigns sui gradoni, ma questo reagisce e manda a sua volta Joe contro i gradoni. Subito dopo lo colpisce con il superman punch, poi lo rispedisce sul ring e ancora superman punch dopo il quale tenta il conteggio trovando incredibilmente solo il conto di 2!
Roman allora prova a chiudere la contesa, ma Joe lo spinge contro l’arbitro, che comincia ad accusare Roman di averlo colpito! Roman e l’arbitro provano a spiegarsi e il campione si accorge giusto in tempo dell’attacco a sorpresa di Joe riuscendo a far scansare per poco anche l’arbitro che rischiava di essere travolto. Tutto ciò però lo fa distrarre e Joe prova a chiuderlo nella coquina clutch dalla quale però Reigns si libera e connette la sua spear con la quale ottiene il conteggio di 3 e la difesa del suo titolo!

ANALISI: più una guerra che un match, ma comunque apprezzabile. L’highlight è la poderosa uranage di Joe.

VOTO: 6,5

CEDRIC ALEXANDER e GOLDUST VS ARIYA DAIVARI E DREW GULAK

RIASSUNTO: Alexander comincia sul ring con Daivari che inizialmente lo infastidisce un po’, tuttavia poi Alexander riesce bene a destreggiarsi tra colpi dati e mancati, cambia per Goldust che colpisce prima Daivari con una facebuster e poi Gulak prima con uno schiaffo e poi con un atomic drop salendo successivamente sul paletto e lanciandosi in un crossbody! Cambio per Alexander che prende Daivari e connette la Lumbar check! 1..2..3!

ANALISI: contesa discreta e apprezzabile soprattutto per il coinvolgimento di un non cruiser. Cedric è l’mvp della contesa e il suo flying clothesline doppio il momento più esaltante.

VOTO: 6

THE CLUB VS ELIAS e THE MIZTOURAGE

RIASSUNTO: Il match dura ben poco, il tempo per Finn di dare il cambio a Gallows che fa piazza pulita e connette la sua magic killer su Dallas e conclude il tutto Balor con il suo Coup de Grace! e anche questa pratica è archiviata.

ANALISI: match poco coinvolgente, in cui l’unica parte d’interesse è la combo finale magic killer e coup de grace.

VOTO: 5

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 5,5

RIFLESSIONI: puntata abbastanza deludente, senza picchi e senza crolli, ma mediocre. Non da ricordare.

Raw è partito col piede sbagliato, smackdown commetterà lo stesso errore o no? Lasciamo la parola allo show blu!

SMACKDOWN

THE USOS VS CHAD GABLE e SHELTON BENJANIN

RIASSUNTO: A dare inizio al match sono Shelton e Jimmy. Gable riceve il cambio, ma viene fatto cadere dall’apron. Jimmy va sulla terza corda, ma Shelton lo manda al tappeto con uno slam. Gable esegue uno shot dalla terza corda e ottiene un conto di 2, in quanto Jey effettua il salvataggio. Lo show va in pausa.

Torniamo dal break e Jimmy dà il cambio al fratello. Anche Shelton riceve il cambio. Shelton viene spedito fuori dal ring. Jey torna sul ring e carica su Gable, mandando anche lui fuori. Jey si lancia e atterra Gable. Gli Usos vanno alle corde insieme, ma Shelton afferra la gamba di Jey e lo lancia sull’apron. Jimmy spedisce Gable fuori dal ring. Arriva Shelton con un big knee su Jimmy. Gable e Shelton attaccano in squadra Jimmy con una powerbomb dalla terza corda. I due ottengono lo schienamento e conquistano i titoli di coppia!

Dopo il match, gli Usos discutono con l’arbitro, mentre i nuovi campioni se ne vanno con le cinture e festeggiano. Un altro arbitro arriva e dice qualcosa ai due. Il secondo arbitro sale sul ring e parla con l’arbitro originale. Sembra che Jey fosse l’uomo legale. Vediamo un replay sul grande schermo. Il replay mostra chiaramente che non era Jimmy l’uomo legale. Greg Hamilton parla con l’arbitro e afferma che questi ha riconosciuto il suo errore. Il match viene fatto ripartire. Gable e Benjamin discutono con il secondo arbitro, mentre lo show va in pausa.

Torniamo dalla pausa e gli Usos attaccano Benjamin e Gable fuori dal ring per una veloce rissa. I team tornano sul ring e suona la campana. Jey esegue un Samoan Drop e combatte contro entrambi gli sfidanti. Benjamin torna sul ring e affronta Jey. Shelton con uno spinebuster. Benjamin solleva Jey per un’altra double team powerbomb dalla terza corda, ma Jimmy effettua il salvataggio con un big superkick. Jimmy finisce per unirsi a Jey per un big dpouble superkick. Jey sale sulla terza corda per un big splash e ottiene lo schienamento, mantenendo i titoli.

ANALISI: ottimo match e interessante il segmento con l’apparente vittoria degli sfidanti. Molte le belle mosse, tra le quali spiccano il belly to belly dal paletto di Shelton e il moonsault di gable, mentre per gli usos l’enziguri al terzo giro e il superkick sul volo di gable.

VOTO: 7

XAVIER WOODS VS AIDEN ENGLISH

RIASSUNTO: English assume il controllo del match all’inizio,ma Woods contrattacca. Woods atterra English e ottiene un conto di 2. English carica, ma Woods lo spedisce fuori dal ring. Woods manca il bersaglio e finisce anche lui fuori dal ring. Rusev si avvicina, ma indietreggia in quanto Kofi Kingston e Big E sono sull’altro lato del ring. Woods manca un Honor Roll fuori dal ring. English riporta l’azione sul ring ed effettua il cover trovando il conto di 2. Vediamo Jinder Mahal e i Singh Brothers che osservano il match dal backstage. English effettua una serie di attacchi su Woods. English ancora offensivo, prima di bloccare Woods a terra con un headlock. Woods si libera e i due finiscono a terra nello stesso momento. Dal pubblico partono cori per i New Day. Woods e English si rialzano e si attaccano al centro del ring. English sferra un calcio a Woods, ma Woods lo intercetta. Backbreaker di Woods, che trova il conto di 2. Parte uno scambio di tentativi di schienamento tra i due. English atterra Woods con una powerbomb per un altro conto di 2. English porta Woods sulla terza corda per un super facebuster, ma Woods contrattacca e sbatte English al tappeto con un backdrop. Big E urla a Woods di finire English. Woods sale sulla terza corda e indica Rusev, prima di eseguire un big elbow drop su English per la vittoria. Woods avanza nel torneo.

ANALISI: match molto godibile, occasione per mettersi in mostra sfruttata da entrambi. Belle la back breaker dalla torture rack e l’elbow drop con camminata sulle corde di woods, così come la sit out spinebuster di english.

VOTO: 6,5

NATALYA, CARMELLA e TAMINA VS THE RIOTT SQUAD

RIASSUNTO: A dare inizio al match sono Liv Morgan e Natalya. Parte uno scambio di prese tra le due e Liv si prende gioco di Natalya con un po’ di trash talk. Liv evita una clothesline, ma Natalya esegue una discus clothesline, trovando il conto di 2. Natalya va per realizzare la Sharpshooter, ma Liv va fuori dal ring. Ruby e Sarah controllano le sue condizioni, mentre lo show va in pausa.
Tornati dal break, Sarah atterra Carmella e la blocca. La presa viene interrotta, ma Sarah impedisce a Carmella di dare il cambio atterrando Natalya sull’apron. Tamina ottiene il cambio e carica su Sarah. Tamina fa cadere Liv dall’apron. Ruby accorre, ma riceve un superkick da parte di Tamina. Ruby rotola fuori dal ring. Tamina afferra Sarah ed esegue un Samoan Drop. Tamina sale sulla terza corda, mentre Lana la incoraggia. Liv spinge Tamina e la fa cadere dalla terza corda, mentre Ruby distrae l’arbitro. Sarah sferra un big knee dietro al collo di Tamina e la schiena, trovando la vittoria.

ANALISI: match noioso e per un six women è scandaloso. Nessuna mossa d’impatto e ridicolo il finale, con la mossa della logan che tutto sembra tranne che una finisher.

VOTO: 4,5

AJ STYLES VS SAMI ZAYN

RIASSUNTO: La campana suona e AJ atterra immediatamente Sami. AJ lavora su Sami nell’angolo e ottiene il controllo, mentre i fan inneggiano il suo nome. AJ atterra Sami e ottiene il conto di 2. Sami atterra AJ con un colpo basso, mentre Owens fa un po’ di trash talk a bordo ring. Sami lavora su AJ, ma AJ contrattacca. Sami tenta lo schienamento, ma ottiene il conto di 1. I due corrono alle corde e AJ connette con un dropkick. Sami esce dal ring e Owens controlla le sue condizioni. AJ lo segue e scambia qualche parola con Owens. Shane e Bryan arrivano per assicurarsi che vada tutto bene. AJ riporta Sami sul ring e si gira verso Owens per un secondo. AJ sta per rientrare sul ring, ma Sami lo afferra e lo fa cadere sul collo, trovando il conto di 2. Owens incoraggia Sami, mentre lo show va in pausa. Tornati dal break, Sami ha atterrato AJ. AJ contrattacca, prima di atterrare Sami. AJ attacca Sami nell’angolo. Quindi, esegue un Gutbuster e trova il conto di 2. Owens urla all’arbitro, dicendo che era un conto di 1. Sami si ritira sull’apron. Quindi, atterra AJ. Sami sale sulla terza corda, ma AJ lo atterra con un neckbreaker e trova il conto di 2. Styles chiama la Styles Clash. Sami contrattacca ed esegue una Blue Thunderbomb, trovando il conto di 2. Sami aspetta che AJ si rialzi e carica con un Helluva Kick, ma AJ esegue un roll nella Calf Crusher, tra il boato del pubblico. Sami fa per raggiungere le corde, ma AJ esegue un roll e mantiene la presa a centro ring. Finalmente, Sami raggiunge la prima corda e interrompe la presa. Owens appare sollevato. AJ esegue un pele kick, ma Sami cade nelle corde. AJ carica nell’angolo, ma Sami lo fa finire sull’apron. AJ con un forearm. AJ sta per eseguire un Phenomenal Forearm, ma viene fatto atterrare in piedi. I due si affrontano sull’apron e l’arbitro viene fatto cadere fuori dal ring. Owens controlla le sue condizioni, mentre AJ ha effettuato un roll su Sami. Owens impedisce all’arbitro di salire sul ring per contare. Quando ci riesce, Sami scalcia sul conto di 2. Shane arriva e chiede a Owens cosa diavolo stia succedendo, mentre AJ discute con l’arbitro. Owens si butta a terra, ma sembra che stia cercando di far apparire come se Shane lo avesse spinto. Shane sale sull’apron e parla con l’arbitro, ordinandogli di cacciare Owens da bordo ring. Owens non è per niente contento. Bryan prende il microfono e dice che se Shane caccia Owens, forse allora dovrebbe andarsene anche Shane. Owens sale sull’apron, ma AJ lo atterra con un forearm. Sami ne approfitta ed esegue un Helluva Kick su AJ, trovando la vittoria.

ANALISI: buon match,benché un po’ sotto le aspettative. L’highlight è l’innovativa pumphandle gutbuster di styles. Il finale caotico è perfetto come storytelling, un po’ meno per il lottato.

VOTO: 6,5

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

RIFLESSIONI: pochi match, ma di qualità. Unica pecca l’incontro femminile. Se fosse stato decente almeno, avremmo avuto una grande puntata.

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Absolution vs Welcome commitee. Match lento, noioso e senza spunti, da pre-women’s revolution.

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Chad gable e shelton Benjamin vs the usos. Buonissimo match e queste due coppie non hanno ancora mostrato il loro meglio. In ppv farebbero un piccolo capolavoro.

CONCLUSIONI: vittoria netta, a dispetto del voto, di smackdown. Tre match coinvolgenti contro a malapena uno di raw. Lo show rosso deve darsi da fare, quello blu continuare così, limando la questione femminile.E così si conclude il primo brand war del 2018! Non è un inizio col botto, ma almeno smackdown ci fa ben sperare! Come sempre fatemi sapere la vostra opinione! Io vi do appuntamento a tra sette giorni!