Brand War: Wrestling Matter #34

Benvenuti fedeli lettori di Spazio wrestling a questo nuovo numero di Brand war! Dopo la delusione di settimana scorsa, entrambi i roster si devono riscattare. Chi ci riuscirà? Cominciamo dallo show rosso!

RAW

THE BAR VS TITUS WORLD WIDE

RIASSUNTO: Apollo e Sheamus cominciano sul ring con l’irlandese che cambia subito per Cesaro che colpisce con una gomitata e un uppercut Apollo. Crews riesce però a divincolarsi e cambia per Titus che fa valere la sua elevata stazza contro il nemico, atterrandolo con una spallata. O’Neil per il momento sembra reggere bene alla furbizia di Cesaro e quando può, spinge il nemico al paletto colpendolo con violente chop. Anche Cesaro ci prova, ma Titus sembra più infastidito che dolorante e colpisce l’avversario con una powerslam. Subito dopo Titus cambia per Apollo che in poco tempo si fa rigirare dai due Heel e inizia ad andar sotto. Sheamus e Cesaro provano a cambiarsi più spesso e riescono ad assestare un paio di mosse combinate e a tentare uno schienamento che ottiene però solo il conto di 2. Apollo Crews è in difficoltà, ma riesce a reagire e a colpire Cesaro con un enziguri, cambiando per Titus che sembra fare sul serio e schianta i suoi avversari contro il paletto, travolgendoli con dei bracci tesi. Titus va allora per la chiusura e connette una powerslam trovando solo il conto di 2. Titus allora rincara la dose e spedisce fuori dal ring Cesaro e evita un brogue kick di Sheamus! O’Neil prova ancora il conteggio ma decide poi, dopo l’esito negativo di dare il cambio a Crews. Il momento è confusionario con entrambi i team che provano a fare il possibile per prevalere sui rispetti avversari. Il match va quindi per volgere al termine quando all’improvviso parte la canzone di Jason Jordan, che appare sull’apron per dar fastidio a Sheamus e Cesaro. I due, come previsto dal figlioccio di Angle si distraggono e Crews trova il roll up che gli vale il conto di 3!

ANALISI: match sufficiente, che non regala molte emozioni, eccetto per il finale particolare. L’highlight è lo standing moonsault di Crews.

VOTO: 6

CEDRIC ALEXANDER VS TONI NEESE

RIASSUNTO: Il match sin dall’inizio è molto gradevole e Tony Nese, nonostante i pochi spazi, quando è in azione il suo lo fa, colpendo Alexander con qualche colpo sporco. Cedric dalla sua ha la sua grande agilità e infatti evita molti attacchi pericolosi di Nese colpendolo anche con un Uppercut e con un consecutivo Enziguri. Amore prova a dare fastidio ma Goldust, imitando la sua camminata, lo mette poco dopo in fuga. Alexander prova allora la chiusura con un lumbar check ma Nese è bravo a schivare e a colpirlo con una gomitata. Tuttavia Alexander è troppo in palla e poco dopo sfugge a una sottomissione e connette veloce il lumbar check, trovando il pin vincente!

ANALISI: buon match, in cui entrambi fanno la loro parte. Manovre più d’impatto sono la gutbuster di neese e la paydirt con salto dalla seconda corda di Alexander.

VOTO: 6,5

ASUKA VS NIA JAX

RIASSUNTO: Le due si studiano e Nia fa valere la forza con un paio di spallate che mandano al tappeto Asuka. La Jax a un cero punto la solleva e la lancia verso il ring. Asuka è sicuramente in inferiorità di forza ma non di velocità e tecnica e infatti riesce a scansare qualche colpo pericoloso e a chiudere Nia Jax in un Armbar! La Jax con qualche difficoltà riesce però a liberarsi e ad alzare Asuka in braccio colpendola con una forte Power Bomb! Va allora per sollevarla nuovamente ma Asuka è lesta nella reazione e la chiude in una mossa di sottomissione alla gamba alla quale Nia Jax quasi cede ma stringe i denti e riesce ad arrivare alle corde. Le due finiscono allora fuori dal ring e Nia viene però colpita da Asuka sui gradoni di acciao mentre li risaliva e cade in malo modo su di essi. In particolare la gamba sembra essere rimasta incastrata e infatti la Jax riesce a salire sul ring giusto in tempo per non essere contata fuori ma non riuscendo a stare in piedi l’arbitro chiama la fine del match, la spunta Asuka!

ANALISI: match sorprendentemente piacevole, con asuka che fa valere soprattutto le sue mosse di sottomissione e nia quelle di potenza. Notevoli le powerbomb della Jax, la prima contro il paletto dopo un sollevamento da un’arm bar e la seconda parando un calcio.

VOTO: 6,5

THE REVIVAL VS LOCAL COMPETITORS

RIASSUNTO: i revival dominano in lungo e in largo la contesa, per poi chiuderla con la shatter machine.

ANALISI: uno squash, ma quanto meno i revival lo sfruttano per mostrare alcune buone manovre, in primis la ginocchiata dal paletto e il front suplex.

VOTO: 5

MIZTOURAGE VS ROMAN REIGNS

RIASSUNTO: Reigns sembra ben deciso a prendersi una bella rivincita per il pestaggio di settimana scorsa e infatti colpisce con molta violenza quando può i suoi avversari. La superiorità numerica, comunque permette ai due, aiutati da The Miz che distre Roman provando a rubare la cintura, di andare in vantaggio per parte del match, fino a che almeno Roman non si scoccia e decide di farla finita, colpendo prima Axel sul ring con un Superman Punch e poi scendendo lesto e colpendo anche Bo Dallas. The Miz sembra rimasto dunque solo e Roman pare avere tutta la voglia di colpirlo ma risale sul ring, evita un braccio teso e colpisce Axel con una spear, chiundendo la contesa.

ANALISI: match che risulta inaspettatamente piacevole, soprattutto grazie a the miz che favorisce costantemente i suoi due sgherri. La mossa più interessante è il big boot di Reigns su dallas che così connette una ddt su axel.

VOTO: 6

SONYA DEVILLE VS SASHA BANKS

RIASSUNTO: La Deville parte aggressiva ma è da subito Sasha la più pericolosa che per poco non chiude l’avversaria nella Banks Statement, evitandola per un pelo. La Deville prova allora con calci e pugni, impensierendo Sasha che però va dal paletto e prova il crossbody. Sonya però la intercetta e la colpisce con un forte calcio con la quale trova subito il conteggio di 3!

ANALISI: match poco coinvolgente, in cui l’unica mossa degna di nota è il calcio della Deville sul volo dalle corde di Sasha.

VOTO: 5,5

WOKEN HARDY VS HEATH SLATER

RIASSUNTO: Hardy è quasi sempre in controllo se non per qualche secondo, con Slater che lo colpisce con una contromossa e si gasa ma inutilmente poichè subito dopo Hardy chiude con la Twist of Fate.

ANALISI: match base e senza spunti. Da citare solamente il suplex contro il paletto di Hardy

VOTO: 5

SETH ROLLINS VS FINN BALOR

RIASSUNTO: I primi minuti sono frenetici, con i due che si assestano qualche colpo, Rollins colpisce con una chop Finn e quest’ultimo che lo becca con un calcione dritto in faccia. Rollins inizialmente sembra essere in difficoltà e infatti Finn lo controllo in una mossa di sottomissione che però Rollins reversa e lancia Balor fuori dal ring e colpendolo come sempre senza pensarci troppo con una suicide dive e un neckbreaker non appena rientrato sul ring, che gli vale però solo il conto di 2. Finn però anche è molto reattivo ed evita un braccio teso, connettendo un double stuff e un enziguri ma trovando anche lui, solo il conto di 2. Intanto Balor colpisce Rollins con un missile dropkick e poi prova la chiusura che effettivamente sembrava esserci, ma non si capisce perchè, l’arbitro conta soltanto 2. Il match allora entra nel vivo con Rollins che lesto raggiunge Balor sul paletto e connette da lì un forte suplex su Finn. Intanto però Sheamus e Cesaro arrivano sull’apron e Jordan, capisce subito di doversela dare a gambe. Gallows e Anderson intanto gli sbarrano la strada per consegnarlo al the bar ma quando i quattro arrivano a distanza ravvicinata, provano a colpire Jordan che si scansa e quindi parte una rissa tutti contro tutti, con Balor che va in aiuto dei suoi compagni volando dalla terza corda e travolgendoli. Rollins intanto sul ring viene raggiunto di nuovo da Balor che trova apparecchiato e prova la coup de grace: Rollins evita però e approfittando del caos Jason Jordan colpisce Balor, lo consegna a Rollins che connette con il blackout e chiude: 1..2..3!

ANALISI: match molto veloce e coinvolgente, peccato per il finale sporco. Molti gli highlights, tra i quali il calcio dall’apron e la senton oltre la terza corda verso l’esterno di finn, mentre per Rollins la sweet chin music sulla l rincorsa di Balor e la combo superplex-falcon arrow.

VOTO: 7

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

RIFLESSIONI: sufficienza convincente, con i buoni match dei cruiser, di Asuka e la Jax e soprattutto del main event. Peccato per l’altro match femminile e i due squash che abbassano la media.

Raw è in netta ripresa rispetto a settimana, ma sarà abbastanza per battere lo show rivale? Scopriamolo subito!

SMACKDOWN

XAVIER WOODS VS JINDER MAHAL

RIASSUNTO: Subito superkick in faccia di mahal che stende woods! Dopodiché duri colpi, ginocchiata alla testa e knee drop. Reazione di woods stroncata con una gomitata. Headlock, ma woods si libera e connette con un dropkick, però la sua valanga è respinta con una gomitata. Colpo in salto di Mahal e andiamo in pubblicità. Al ritorno sempre mahal in controllo con una presa al braccio sinistro. Woods si libera con una jawbreaker e un superkick all’addome, ma braccio teso di Jinder. Ora soffoca woods alle corde con il ginocchio e poi con il suo piedone. Serie di ginocchiate in salto con l’ausilio delle corde, mentre fuori ring kofi e big E cacciano i singh a suon di pancakes lanciati. Sleeper hold di Mahal, woods si libera, ma il maharaja lo fa cadere di gola sulle corde. Ora lo trascina sull’apron e lo soffoca con il telone. Woods è fuori ring e rientra al 9! Woods combatte, ma subisce una tremenda irish whip! Chin lock con ginocchio sulla schiena dell’ex campione mondiale. Woods si libera e respinge uno splash all’angolo con il piede, poi tenta un attacco in capriola, ma viene intercettato con una ginocchiata al volto. Di nuovo pubblicità e al ritorno mahal sta tentando un superplex, ma viene gettato al suolo a suon di testate e subisce un missile dropkick! Scambio di colpi tra i due, vinto da jinder con un colpo alla gola. Woods si rifà sotto con dei forearm e uno in giravolta che stende il rivale. Rincorsa verso il paletto, mahal lo manda sull’apron e lui atterra in piedi, pugno all’avversario e ddt da tra le corde, respinta! Non l’enziguri! Shining wizard! I singh salgono sull’apron e il new day li scaccia fino al backstage! Intanto backdrop di woods, che poi sale sul paletto. Camminata sulle corde e Flying elbow drop a vuoto perché mahal si sposta. Lo lancia poi di gola contro la corda bassa, stordendolo, dopodiché lo stende con la khallas che gli vale la vittoria.

ANALISI: davvero ottimo matcg, oltre le aspettative di chiunque credo! Mahal dominatore assoluto e xavier perfetto underdog. L’highlights è la ginocchiata difensiva di Mahal sulla capriola di Woods.

VOTO: 7

BOBBY ROODE VS MOJO ROWLEY

RIASSUNTO: Clinch vinto da mojo che sbatte a terra di faccia Roode e lo schiaffeggia sulla nuca! Nuovo clinch, stavolta headlock, presa al braccio e schiacciata a terra di Roode, poi glorious taunt! Nuova headlock, poi chop all’angolo e running back elbow che stende mojo. Diverse prese alla testa, ma poi mojo si libera e lo placca in stile football americano. Testata e calcio all’addome. Reazione di roode con una chop, ma viene subito steso con un pugno. Roode va fuori ring e viene travolto con un placcaggio che lo sbatte sulle transenne e noi andiamo in pubblicità. Al ritorno mojo applica un abdominal stretch e roode si libera con un lancio di braccio, però poi va a vuoto con l’elbow drop e si becca un big boot! Placcaggio alla schiena di mojo, poi placcaggi al paletto! Semi abdominal stretch con roode a terra. Il glorioso si rimette in piedi, ma viene steso con una ginocchiata. Splash e spear al paletto, ma la seconda spear va a vuoto e mojo si schianta di spalla sul paletto! Pugni di Roode e flying forearm, clothesline all’angolo e neckbreaker! Roode sulla seconda corda e blockbuster! Glorious ddt, no, mojo lo carica sulle spalle e lo fa cadere in una sorta di gorilla press slam. Ora lo schianta ripetutamente di schiena sul paletto e cerca il suo pugno in rincorsa, ma si becca un dropkick difensivo e poi la spinebuster! Glorious taunt e ddt! 1, 2 e 3!

ANALISI: match solido, con una buona prova, un po’ a sorpresa, di Rowley. Il suo gorilla press slam è la manovra migliore della contesa.

VOTO: 6,5

THE RIOTT SQUAD VS CHARLOTTE, BECKY LINCH E NAOMI

RIASSUNTO: Iniziano Charlotte e Liv Morgan con un clinch stravinto dalla queen. Calcio parato e liv gettata a terra di faccia. Ora charlotte domina la Morgan con prese a terra, ma la biondina trova la reazione con un calcio e un pugno. Trash talking e per questo viene punita con un overhead suplex! Tag a ruby che entra di gran carriera, ma viene sgambettata e poi stesa con un calcione. Head scissor della queen che scaglia qua e là la riott. Tag a becky e combo di chop e uppercut, chiuso da un flying forearm della irlandese. Tag a naomi e flying clothesline bassa. Ruby rotola fuori ring, ma c’è il tag a becky e un suo forearm dall’apron! Break pubblicitario e al rientro Ruby sta applicando una sleeper hold su becky. La rossa prova a reagire, ma viene tirata a terra per i capelli. Tag a Liv, che sale sul paletto e offre il suo ginocchio per sbattere il viso di becky, poi connette con un bulldog! Liv se la tira, sdraiadosi a centro ring, ma subisce così la reazione di Becky. Riesce ad evitare il tag soltanto tirando per i capelli la rossa e fa entrare sarah logan. Questa applica una presa al braccio e poi stende la Linch, che si era liberata, con una spallata. Becky riesce a gettare fuori ring la rivale, che però rientra in tempo per stendere charlotte e impedire il tag! Prova una bodyslam, ma Becky scivola giù e la abbatte con una clothesline! Tag a naomi e a Liv! Clothesline di naomi e colpo a ruby, poi beautiful disaster a liv! Serie di calci chiusi da un dropkick! La Morgan la spedisce sull’apron, ma si becca un enziguri. Crossbody con rimbalzo dalla terza corda e conteggio interrotto dalla Logan, che viene punita da una spear di charlotte! Liv spinge naomi alle corde per provare un roll up, ma miss glow la respinge, soltanto che subisce un illegale enziguri di Ruby dall’apron, seguito dal code breaker modificato di Liv che risulta decisivo!

ANALISI: match ben combattuto e con qualche buona interazione, soprattutto nel finale. La mossa migliore è la particolare code breaker di Liv Morgan

VOTO: 6,5

JINDER MAHAL VS BOBBY ROODE

RIASSUNTO: Si parte con Roode chiaramente dolorante alle costole e infatti perde il clinch. Mahal prova un calcio proprio sulla parte dolorante, ma viene bloccato e riempito di pugni. Il maharaja riesce a mettere a segno un calcio e stende roode, per poi riempirlo di pestoni all’angolo. Roode trova la reazione, sbatte mahal all’angolo e sale sulle corde per rifilargli i classici dieci pugni. Irish whip, calcio di mahal, che però poi finisce fuori ring grazie alle corde abbassate da Roode. Il glorioso lo segue, ma viene schiantato prima sull’apron e poi suo gradoni. Adesso front suplex con atterraggio sulle transenne e si va in pubblicità con un Roode messo malissimo. Al ritorno mahal sta tirando da fuori ring per un braccio e una gamba bobby contro il paletto, poi ce lo sbatte di faccia. Rientra sul ring e anche bobby ci prova, ma viene spinto giù dall’apron sulle transenne e vi impatta malamente. Mahal lo recupera e lo rigetta sul ring. Abdominal stretch, ma pugni di roode! Rincorsa, però ginocchiata all’addome di mahal e poi dropkick basso alla schiena. Ginocchiate con rimbalzo sulle corde ora. Scambio di pugni vinto da Roode, altra rincorsa, ma il risultato è simile al precedente con un jumping knee di Mahal che lo stende. Colpi alle costole a terra e poi presa alle braccia. Roode riesce a rimettersi in piedi e a liberarsi con dei pugni. Scambio di irish whip e sunset flip che vale un conto di due, ma subito dopo c’è il superkick di Mahal! Pugni al volto su un esanime roode e pestoni al costato. Gomitata difensiva di roode e clothesline che manda mahal fuori ring, seguita da una clothesline dall’apron! Roode ributta jinder sul ring e connette con un crossbody che il maharaja ribalta! Conto di due! Mahal porta all’angolo il rivale, ma un suo tentativo di spallata viene respinto con una ginocchiata! Clothesline a valanga di Roode e bulldog, no! Roode si difende da uno splash all’angolo alzando le gambe, poi sale sulla seconda corda e mette a segno il blockbuster! Solo conto di due! Glorious ddt, no! Mahal lo carica sulle spalle, roode scivola giù e prova il roll up, ma la manovra è invertita da Jinder che quasi vince! Doppia clothesline ed entrambi a terra! Gomitata difensiva di mahal, ma subito dopo c’è la spinebuster di roode. Glorious ddt, no, roll up di jinder e solo due! Calcio all’addome e khallas! NO, invertita in GLORIOUS DDT! 1, 2 e 3!

ANALISI: finale buona, però non da ppv, quindi meglio sia stata svolta qui. Considerando che era il secondo match per entrambi però, c’è da lodarli per l’impegno.

VOTO: 7

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 7

RIFLESSIONI: puntata all’insegna del torneo us che si rivela molto avvincente dal punto di vista del lottato. Gran merito agli autori del doppio match, roode e mahal.

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Woken Hardy vs Heath Slater. Incontro inutile e con pochi spunti, evitabilissimo.

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Jinder Mahal vs Xavier Woods. Incontro sorprendentemente coinvolgente! Woods è un lottatore di tag e mahal non ha mai brillato sul lottato, dunque meritano questo titolo più dei preparatissimi Balor/Rollins.

CONCLUSIONI: Smackdown domina con la combo pochi match-tanta qualità. Raw non è un disastro, ma nemmeno eccelle e per questo perde la sfida.

E con questo è tutto gente! Siete d’accordo con i miei voti o avete opinioni diverse? Come sempre, vi invito a farmelo sapere nei commenti! Intanto io vi do appuntamento a tra sette giorni e auguro buon wrestling a tutti!