Brand War: Wrestling Matter #15

Ben ritrovati amici e amiche di Spazio wrestling, qui è il vostro Matteo Traversa, pronto a condurvi in una nuova disamina del lottato di casa Stanford. Chi vincerà questa settimana tra Raw e SmackDown? Scopriamolo insieme!

 

 

RAW

 

 

JASON JORDAN VS JOHN CENA

 

RIASSUNTO: inizio lentissimo, con molto wrestling amatoriale da parte di Jordan, a cui Cena risponde con brawling. L’incontro poi si accende, con i contendenti che si scambiano continuamente il vantaggio. Nel finale Jordan evita due AA e connette due northern light suplex, ma non basta e Cena chiude con una AA improvvisa.

 

ANALISI: buon incontro, anche se l’inizio è decisamente noioso. L’interazione migliore si ha nello scambio di mosse di sottomissioni tra i due.

 

VOTO: 6,5

 

 

JEFF HARDY VS THE MIZ PER L’INTERCONTINENTAL TITLE

 

RIASSUNTO: nelle prime fasi Jeff cerca numerosi schienamenti, poi  Miz prende temporaneamente il controllo. Jeff ha una grande reazione, culminata in un tentativo di swanton, ma l’intervento del miztourage rovina tutto. Entra allora in azione Matt, che attacca i due e tutti e tre vengono cacciati dal ring side. Da lì la contesa diventa molto combattuta, fino al finale in cui Jeff connette con la twist of fate e la poetry in motion dai gradoni, tenta la swanton, ma Maryse sveglia Miz, che così evita la mossa e connette con la skull crushing finale decisiva dopo aver respinto una twist of fate.

 

ANALISI: bel match, ancora di più quando gli esterni vengono cacciati. Innovative le reversal di Miz al leg drop tra le gambe e al rope aided dropkick, culminate con un ddt e il buisaku knee. Spettacolare anche lo spot dello stesso a Jeff sull’apron e la poetry in motion dello stesso Hardy.

 

VOTO: 7

 

 

SHEAMUS E CESARO VS RHYNO E HEATH SLATER

 

RIASSUNTO: subito gli ex campioni in controllo su Slater, finché questi non riesco a dare il tag a Rhyno che distrugge i rivali, ma sul più bello si distrae per cacciare dal ring Cesaro e subisce il brogue kick per il conto di tre.

 

ANALISI: match molto sbrigativo e senza mosse eccellenti, un po’ deludente.

 

VOTO: 4,5

 

 

NOAM DAR, DREW GULAK E TONY NEESE VS ENZO AMORE, CEDRIC ALEXANDER E GRAN METALIK

 

RIASSUNTO: face in controllo, finché Neese fa partire la reazione su Enzo. Amore patisce a lungo, ma il vento del match cambia con l’ingresso di Alexander. Enzo poi si prende il tag non visto e schiena Gulak dopo avergli messo le dita negli occhi e colpito con la eat defeat.

 

ANALISI: match guardabile, anche se nulla di che. Le cose migliori le mostra Alexander, come la head scissor con capriola all’indietro e l’enziguri con rimbalzo dalle corde. Bella anche la doppia senton oltre la terza corda verso fuori ring sempre di lui e Metalik. Gli altri sono solo comparse e non fanno vedere quasi nulla.

 

VOTO: 5,5

 

 

EMMA E NIA JAX VS ALEXA BLISS E SASHA BANKS

 

RIASSUNTO: dopo un iniziale equilibrio, la Boss finisce vittima delle rivali. Sasha riesce a dare il tag e la Bliss riequilibra l’incontro, a spese di Emma. Quando arriva il tag a Nia, cambia di nuovo tutto. La samoana asfalta Alexa e solo l’intervento di Sasha salva la situazione. Tag alla Boss che prova la Bank statement, ma viene respinta e stesa con la combo body block e leg drop, anche se a effettuare lo schienamento vincente è Emma che ruba il tag alla Jax.

 

ANALISI: incontro passabile, nulla di più, a dispetto del buon tempo a disposizione. La Jax è sempre uguale a se stessa e annoia, Emma non brilla e Alexa lotta col freno a mano tirato. La trascinatrice è la Boss, che regala le uniche mosse spettacolari, ossia il double knees basso e lo shining wizard.

 

VOTO: 5,5

 

 

KARL ANDERSON E LUKE GALLOWS VS SETH ROLLINS E DEAN AMBROSE

 

RIASSUNTO: inizio favorevole ai due dello shield, poi quelli del club prendono il controllo su Ambrose. Quando finalmente entra Rollins, si scatena l’inferno. Cesaro e Sheamus provano ad intervenire, ma questo si rivela un boomerang, in quanto i campioni riescono a sfruttare la distrazione a loro vantaggio, con Rollins che schiena con un roll up Anderson dopo averlo fatto sbattere contro lo svizzero.

 

ANALISI: incontro discreto, tutto qui. Le mosse migliori sono la chokebomb di Gallows, il back drop in neckbreaker del Club e senza dubbio l’huracarana dalla terza corda di Seth.

 

VOTO: 6

 

 

BRAUN STROWMAN VS BIG SHOW IN UNO STEEL CAGE MATCH

 

RIASSUNTO: Strowman parte fortissimo con tre splash contro la gabbia, ma Show al quarto tentativo lo stende con il ko punch. Show sbatte numerose volte il rivale contro la gabbia, poi tenta la scalata, ma viene raggiunto e fatto cadere con le parti basse sulle corde, però subito dopo a Strowman tocca la stessa sorte. Show connette con un elbow drop dalla terza corda e tenta di uscire dalla porta, ma se la prende in faccia, restituita immediatamente a Strowman. Doppio body block ed entrambi sono stesi, ma si rialza prima Show. Chokeslam in ddt,  scambio di colpi in ginocchio e poi in piedi, fino all’improvvisa chokeslam di Show. Tentativi rispettivamente di ko punch e powerslam evitati, poi Show sale sulla gabbia, ma Strowman lo raggiunge in tempo, lo tira giù e lo schiaccia con una valanga contro la gabbia. Superplex di Strowman, ma il ring regge stavolta. Dopo il mostro connette la sua running powerslam che risulta risolutiva.

 

ANALISI: davvero un bel match, anzi una guerra tra i due colossi. Colpi duri e grande uso della gabbia. Gli highlights sono l’elbow drop dalla terza corda di Big Show e il superplex di Strowman.

 

VOTO: 7

 

 

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

 

 

RIFLESSIONI: buona puntata di Raw, pur senza match epici. La differenza la fanno i cruiser e le divas, che stavolta non trascinano a picco lo show.

 

 

Raw ci ha regalato del wrestling solido, riuscirà SmackDown a fare di meglio? Lasciamo la parola ai match!

 

 

SMACKDOWN

 

 

CARMELLA VS NATALYA

 

RIASSUNTO: inizio equilibrato, con le due che si scambiano il vantaggio. Carmella prende il controllo con una body scissor prolungata, ma poi Natalya la trasforma in una bodyslam. Superkick di Carmella, Ellsworth sale sull’apron pronto a passare la valigetta e la fa cadere sul ring. L’arbitro pensa ad un incasso, ma Carmella smentisce. Si distrae a riprendere Ellsworth è Natalya la schiena con un roll up.

 

ANALISI: incontro breve, ma rapido e combattuto. L’highlight è sicuramente la bella headscissor di Carmella.

 

VOTO: 6

 

 

AIDEN ENGLISH VS SAMI ZAYN

 

RIASSUNTO: completo dominio di Zayn, ma dopo un crossbody a vuoto English lo schiena con un inside cradle.

 

VOTO: simile ad uno squash, non fosse che colui che ha dominato alla fine ha perso. C’è poi una sola vera mossa di wrestling, ovvero la headscissor di Zayn. Uno schifo, sia come match che come risultato.

 

VOTO: 4

 

 

BARON CORBIN VS TYE DILLINGER

 

RIASSUNTO: Dillinger parte alla grande, aggredendo fuori ring il lone wolf che era distratto a provocare AJ seduto al tavolo di commento. Poi però Corbin prende il controllo, finché Tye non reagisce e il match accende. Nelle fasi finali Corbin rifila un cheap shot alla gola a Dillinger e lo sconfigge con la end of days.

 

ANALISI: discreto match, anche se i due non sembrano fatti per interagire. Nessuna mossa o scambio degno di nota.

 

VOTO: 6

 

 

SHINSUKE NAKAMURA VS RANDY ORTON

 

RIASSUNTO: dopo alcune fasi di studio, con diversi tentativi di mosse respinti a vicenda, Orton prende il controllo. Nakamura reagisce grazie al suo striking, ma Randy resiste e va vicino alla vittoria con un superplex. L’incontro prosegue con continui scambi di vantaggio e alla fine Nakamura ha la meglio tramutando una RKO in back breaker e connettendo la sua Kinshasa.

 

ANALISI: GRANDE MATCH! Già dalla partenza i due fanno scintille, poi, dopo una fase statica, è un continuo crescendo. Tante le mosse e contromosse interessanti, tra cui il superplex, la powerslam a ribaltare la Kinshasa e Powerbomb dalla triangle choke di Orton, mentre per Nakamura le due reversal alla RKO, ossia l’arm bar e il Back breaker.

 

VOTO: 7,5

 

 

 

MEDIA VOTI COMPLESSIVA: 6

 

RIFLESSIONI: pochi match, due normali, uno pessimo e uno grandioso, il ché conduce ad una sufficienza risicata.

 

 

 

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Aiden English vs Sami Zayn. Una sorta di squash, anche se atipico.

 

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Shinsuke Nakamura vs Randy Orton. First time ever che non delude affatto, quasi da PPV.

 

 

CONCLUSIONI: entrambi gli show ci propongono un lottato sufficiente, con pochi picchi, ma almeno anche poche schifezze.

 

 

E anche per oggi abbiamo finito la nostra cavalcata! Voi che pensate dei miei voti? Concordate o avete altre idee? Fatemelo sapere nei commenti! Io vi do appuntamento a settimana prossima, have good wrestling!