Enzo Amore: “Avevo una grande rapporto con Vince McMahon”

L’ex Superstar della WWE, Enzo Amore, è stato recentemente ospite del Steve Austin Show. Durante il podcast l’ex wrestler ha rivelato di come Vince McMahon investisse più tempo con lui che con qualsiasi altra Superstar, durante la sua permanenza nella compagnia.

Ecco le fasi salienti dell’intervista.

Sulla vita dopo il wrestling: “Questo può finire oggi come può finire domani. Non puoi saperlo con certezza. Mi sono chiesto, cosa farai dopo che avrai finito con il wrestling? Quando avrai finito, vorrai essere quel tipo di persona aziendalista che fa turni, fa il ruffiano, dice ciao a tutti e beve caffè? Non puoi mettere in un cubicolo Enzo Amore, non puoi mettere in un cubicolo Eric Arndt. Io sono un intrattenitore in tutti sensi, e cercherò sempre di mettermi in mostra anche rischiando di metterci la faccia perché non ho paura di fallire”

Sulla sua vita durante i suoi problemi legali: “Per quattro mesi sono stato o a mandare email o a chiamare e a mettermi in contatto coni miei avvocati ogni giorno e di solito venivo richiamo due settimane dopo.Quello che è successo è che quando questa ragazza ha fatto il famoso tweet si sono accorti che lei aveva fatto un esposto già ad Ottobre, ma si stava per disintossicare e cosi non la abbiamo presa sul serio e non abbiamo investigato. Quando ad un tratto, i miei avvocati mi hanno informato. Io non avevo soldi in quel momento perché ero stato licenziato. Comunque riesco a pagare i miei avvocati per metterli in contatto con la polizia per capire cosa stesse succedendo e l’unica cosa che è emersa è che c’era un investigazione e il mio nome era venuto fuori.

Finalmente, dopo queste ridicole comunicazioni, abbiamo avvertito la polizia che saremmo andati su qualsiasi social media e che Enzo avrebbe iniziato a parlare.Io lo stavo per fare perché com’è possibile che se davvero era stata violentata, l’investigazione fosse partita 5 mesi dopo il presunto misfatto, solo grazie a un tweet? Questo è assurdo. E quindi ho dovuto pagare decine di migliaia di dollari per provare la mia innocenza, solamente per poter dire al mondo che ero innocente.E non è stata certo una passeggiata.”

Sul suo ruolo in WWE: “ Puoi dire quello che ti pare sul mio conto in WWE ma io in quello spogliatoio ho trovato solo ottime persone e anche io non credo di essere stato da meno. Cosi per un anno e mezzo sono stato in tv a 205 Live e Raw, ero in tv più di ogni altro wrestler nella compagnia e questo era perché Vince McMahon riservava più tempo a me che ad ogni altra star. Il tempo è denaro e questo significa che credeva davvero in me. Se pensi ai ragazzi con cui ho lavorato, nessuno di loro era una cattiva persona. Nei miei sei anni nel business mi sono accorto di aver avuto l’opportunità di incidere sulla vita delle persone e capivo che non era una cosa da prendere sottogamba.

Ora se vedi e osservi la persona che mi ha denunciato mi viene da chiedere, perché non fa nulla la polizia adesso?

Quando è emerso che ero innocente è venuto fuori uno o due settimane dopo.

Innocente nel senso che non dovevo andare sotto processo. Nel frattempo io avevo da pensare a mia madre, alla mia famiglia e ad un conto in banca che stava sprofondando, avevo contro la gente e i fan. Per fortuna sono riuscito a fare una cosa intelligente, ovvero mantenere il silenzio sui miei social per 4 o 5 mesi perché sapevo che se avessi parlato, avrei passato altri guai.

Fonte: WRESTLINGNEWSSOURCE.COM