IMPACT WRESTLING: Davey Richards parla della sua carriera nella compagnia

Davey Richards ha rilasciato un’intervista a RealSport riguardo la sua carriera in Impact Wrestling.

Ecco i punti più salienti:

Rimpiangi lo scioglimento dei The Wolfes?

“Assolutamente no. Era tempo per entrambi di concentrarci sulle nostre carriere in singolo e vedere dove saremmo potuti arrivare. Sia io che Eddie stiamo avendo un grande successo per conto nostro. Non si può mai sapere cosa conoscerà in futuro, ma entrambi amiamo ciò che stiamo facendo perché è qualcosa che abbiamo creato grazie anche all’aiuto dei fan. ”

Cosa puoi dirmi riguardo alla possibilità di diventare Impact World Heavyweight Champion?

” Non lo so, penso succederà presto. Ma vedremo. La competizione in Impact è molto serrata! Ho vinto il titolo del mondo in ogni compagnia con la quale ho lavorato, ma non ho mai trovato un livello di competizione così alto. Ho portato Lashley al limite, e mi piace portare al limite Alberto El Patron e magari sconfiggerlo o sottometterlo. Voglio un’altro scontro con Lashley, e una  che avrò finito con l’ex campione Eddie Edwards, voglio affrontarli tutti. Per me essere campione è importante,ma mai quanto lo è essere conosciuto e rispettato come wrestler. Penso che una volta che diventi il migliore, il titolo venga da solo, quindi arriverà il mio momento.”

Il 2017 sarà il tuo ultimo anno nel mondo del wrestling professionale?

“L’ho detto diverse volte, e ho realizzato di non avere molto tempo a disposizione. Non so ancora quanto di preciso, perché ci sono giorni in cui mi sveglio e penso che adoro il wrestling e vorrei fare questo lavoro per sempre. Altri giorni, invece, lo odio, perché per me è una passione fortissima, come un matrimonio. So bene che prima o poi non potrò più lottare a causa delle circostanze della vita, come ad esempio diventare padre. Mi sento in salute, e non smetterò finché riuscirò a fare match di qualità e finché mi divertirò e i fan saranno felici di vedermi lottare. Ma non penso che lotterò ancora tra cinque anni, in ogni caso. Inoltre, non voglio essere l’atleta di cui il pubblico che assiste agli show dirà: “Sai, una volta lui era davvero bravo.” Io voglio andarmene quando avrò raggiunto l’apice, e penso che anche i fan se lo meritino. Quindi vedremo cosa succederà. Magari non smetterò alla fine quest’anno, ma potrei avere ancora non più di un paio di anni davanti. Vedremo cosa succederà.”

Benedetta Fortunati

staffer