INSIDE PPV #14: WWE Elimination Chamber 2018

Amici di Spaziowrestling benvenuti ad una nuova edizione di Inside ppv. In questo numero analizzeremo l’ultimo ppv targato Raw prima di Wrestlemania, ovvero Elimination Chamber.

RAW WOMEN’S CHAMPIONSHIP ELIMINATION CHAMBER MATCH

Alexa Bliss (c) vs Mandy Rose vs Sonya Deville vs Mickey James vs Bayley vs Sasha Banks

Non si poteva chiedere di meglio come opener dello show. Per la prima volta nella storia abbiamo visto cimentarsi le women’s wwe in questo tipo di stipulazione e come stato anche per il money in the bank o la royal rumble, le aspettative non sono state tradite. Un match dove ognuna delle contendenti ha fatto al meglio la sua parte senza risparmiarsi. Oltre a mostrarci le loro qualità tecniche, hanno tirato fuori quel lato violento che in questi tipo di stipulazioni non guasta mai. Match interessante anche dal punto di vista narrativo che racconta non solo il solito dominio di Alexa Bliss, ma soprattutto lo scontro tra Bayley e Sasha, che sicuramente avranno dato il via ad un nuovo e attesissimo feud.

VOTO: 7

RAW TAG TEAM CHAMPIONSHIP
Titus O’Neil & Apollo (con Dana Brooke) vs Sheamus & Cesaro (c)

Match certamente godibile e svolto bene, ma sinceramente in un ppv ci si aspettava qualcosa in più. Titus e Apollo sicuramente hanno dimostrato di essere atleti validi, ma a mio avviso non erano ancora pronti per affrontare gli attuali campioni che ci hanno abituato a match sicuramente di ben altro livello. Putroppo la categoria tag di Raw attualmente non offre chissà quale scelta, e dopo la rottura del team Rollins-Jordan era difficile trovare altri avversari per i campioni in carica. Speriamo che per Wrestlemania si riesca a costruire un match con ben altro appeal.

VOTO: 5.5

Nia Jax vs Asuka
If Nia wins, the Women’s Championship match at WrestleMania becomes a Triple Threat

Sicuramente rientra tra le note liete della serata e la cosa non era del tutto scontata. Due atlete completamente diverse con stili di lotta agli antipodi che rischiavano di non creare quel giusto appeal sul ring che serve per dare vita a un grande match. Nia jax nonostante la grande mole fisica è riuscita a stare dietro ai ritmi frenetici a cui ci ha abituato Asuka, dando vita ad una contesa senza esclusione di colpi. Purtroppo però non è bastato per interrompere la striscia vincente della nipponica che arriva al match di mania con Alexa Bliss più lanciata che mai.

VOTO:7

ONE ON ONE MATCH
Matt Hardy vs Bray Wyatt

La wwe ha puntato molto sulla “nuova” gimmick di Hardy pensando di poter riscuotere lo stesso successo avuto in passato, ma putroppo cosi non è stato. Effettivamente la gimmick che più si poteva sposare meglio con quella di “Woken” Hardy non poteva che essere quella di Bray Wyatt, ma non è servito in ogni caso a creare il giusto appeal attorno a questa rivalità. Il match tutto sommato a livello tecnico non lo valuterei negativamente, ma il poco hype sicuramente ha influenzato il giudizio generale. Vittoria di Hardy che passa quasi inosservata vista la poca considerazione che si ha attualmente di Wyatt. Un personaggio che ha bisogno da tempo di un evoluzione che alla fine non è mai arrivata.

VOTO: 5

ELIMINATION CHAMBER N°1 CONTENDER MATCH
Roman Reigns vs Seth Rollins vs Finn Balor vs Braun Strowman vs The Miz vs Elias vs John Cena

Main event della serata decisamente godibile e di buon livello. Ogni partecipante ha dato sfoggio delle proprie capacità dando vita ad un match intenso e tirato fino alla fine. Purtroppo però su questa Elimination Chamber pendeva una grossa spada di Damocle, ovvero la scontatissima di vittoria di Roman Reigns. Questo ha fatto si che la distruzione messa in atto da Strowman, che ha eliminato tutti i partecipanti, venisse considerata con poca credibilità da chi ha assistito il match. La prestazione di Stroman era stata studiata proprio per far credere fino alla fine ad una sua vittoria, lasciando tutti nell’incertezza, ma in realtà è apparso solo un mezzo per fare uscire Reigns ancora piu forte e credibile in vista del match contro Lesnar.

VOTO: 6.5

GIUDIZIO GENERALE PPV

Show tutto sommato piacevole, ma considerando che si trattava dell’ultimo prima di Wrestlemania, forse si poteva fare qualcosa in più. Purtroppo la gestione della chamber maschile ha lasciato un pò di amaro in bocca. Da accogliere positivamente invece il segmento che ha visto come protagonista Ronda Rousey che non ha partecipato ad alcun match, ma attaccando Triple h ha mandato un segnale forte e chiaro in vista di Wrestlemania.

VOTO: 6.5