Inside PPV #5: WWE Great Balls of Fire 2017

Amici di SpazioWrestling sono Carlo Ferraro e vi do il benvenuto ad una nuova edizione di Inside PPV. In questo numero analizzeremo i match di Great balls of fire, PPV esclusivo di raw.

KICKOFF:CRUISERWEIGHT CHAMPIONSHIP: NEVILLE (c) vs. AKIRA TOZAWA

Match negativo da molti punti di vista. Innanzitutto a livello lottato c’è stato un passo indietro rispetto ai soliti standard di questa categoria che ci ha sempre abituato a match spettacolari. In questo caso invece di spettacolare abbiamo visto ben poco, match breve e abbastanza noioso. Anche il modo in cui Neville ha raggiunto la vittoria è del tutto rivedibile. Ci sta che un heel come lui si serva di una scorrettezza, ma vedere il suo avversario andare immediatamente ko in seguito ad un colpo nelle parti basse non è molto credibile a mio avviso. Al di là di tutto esito scontato visto che servono avversari di altro livello per contrastare il dominio di Neville che ormai è padrone della categoria da fin troppo tempo.

Voto 4.5

SETH ROLLINS vs. BRAY WYATT

Sicuramente una delle delusioni della serata. Dai due ci si aspettava molto di più visto anche la faida costruita quasi per caso che non aveva suscitato moltissimo interesse. Di conseguenza si sperava che si potesse rimediare a questa errata costruzione, tramite un match avvincente e spettacolare e invece così non è stato. I due contendenti si sono limitati al loro compitino senza dare mai quel qualcosa in più che ci aspettavamo da loro. Esito che a mio avviso nè rilancia le ambizioni di Wyatt nè rovina lo status di Rollins. È stata solo transizione.

Voto 5

ENZO AMORE vs. BIG CASS

Se per i due precedenti incontri il giudizio è stato negativo, in questo caso si inverte la tendenza. Non tanto per il match in sè ma per la coerenza con cui è stata costruita e sviluppata tutta la faida. Ci sta che Big Cass per far valere le sue capacità si divida dal suo compagno storico tradendolo all’improvviso, come del resto ci sta lo sviluppo del match stesso. Dominio di Cass contro un Enzo Amore, che è stato emotivamente coinvolgente in questa storia,ma di fronte ad un avversario così nettamente più forte, non poteva fare molto.

Voto 6

30-MINUTE IRON MAN TAG TEAM MATCH FOR THE RAW TAG TEAM CHAMPIONSHIP:THE HARDY BOYZ (MATT e JEFF) vs. SHEAMUS & CESARO (c)

Ad essere sincero nutrivo molti dubbi sulla riuscita di questo match, soprattutto considerando la tenuta fisica degli Hardy. Alla fine però mi sono dovuto ricredere. Match spettacolare e davvero palpitante specialmente nella parte finale dove gli Hardy per poco non riuscivano nella clamorosa rimonta. Forse l’unico neo è stato il finale in quanto il pinfall allo scadere del tempo è un qualcosa già visto e rivisto, ma sicuramente non pregiudica tutto quello che era stato fatto in precedenza.

Voto 7

RAW WOMEN’S CHAMPIONSHIP: SASHA BANKS vs. ALEXA BLISS (c)

Match a mio avviso difficile da giudicare. A primo impatto verrebbe da dare un giudizio negativo ma se si riguarda con attenzione l’incontro effettivamente a livello tecnico non è stato affatto male. È normale che da 2 atlete del genere ci si aspetti sempre il massimo ma non  considererei questo incontro come un disastro. Sicuramente evitabile la sconfitta di Alexa per cont out. Sono esiti a mio avviso che non servono e non portano a nulla. Il post match invece mi è piaciuto abbastanza. Vedere tale aggressività da parte delle altete femminili è sempre una cosa che da nell’occhio e poi è un modo per farci capire che tra le due sicuramente non finisce qui.

Voto 5.5

WWE INTERCONTINENTAL CHAMPIONSHIP:THE MIZ (w/ MARYSE, BO DALLAS e CURTIS AXEL) (c) vs. DEAN AMBROSE

Ennesimo match tra i due che sono arrivati al culmine di una lunghissima faida che ci ha regalato alti e bassi sia fuori che dentro al ring. A mio avviso questa volta il giudizio è estremamente negativo. Preparazione al ppv davvero noiosa con momenti davvero trash (vedi Ambrose vestito da orso) e match altrettanto brutto e scontato. Sinceramente si poteva concludere in maniera più dignitosa questa rivalità e i mezzi per farlo non mancavano visto i protagonisti che ne facevano parte. In ogni caso ci sta la vittoria di The Miz che ha dato molto di più rispetto ad Ambrose in questo feud , sia sul ring che al microfono. Spero che si intervenga presto su Ambrose perché cosi si rischia di bruciare un immenso talento.

Voto 5

AMBULANCE MATCH: BRAUN STROWMAN vs. ROMAN REIGNS

A mio avviso una dei migliori feud dell’ anno e anche questo capitolo non mi è dispiaciuto affatto. Come ci avevano già abituato i due hanno tirato fuori un match violento e aggressivo e non poteva essete altrimenti visto i 2 pesi massimi. La stipulazione secondo me si poteva evitare in quanto non portava nulla di più al match, se non i momenti al di fuori dal ring e in prossimità dell ambulanza. Azzeccato secondo me anche il finale e il post match. Giusto far vincere Strowman per lanciarlo definitivamente al top ma giusto anche il contrattacco finale di Reigns che non può essere estromesso dai piani alti. C’è chi ha storto il naso sul segmento finale ma a me sinceramente è piaciuto molto forse perché mi ha riportato con la mente ai momenti “attitude” che tanto mi piacevano e che ora di certo non rinnego. E se qualcuno si fosse indignato pazienza, questo è wrestling non danza classica.

Voto 7

CURT HAWKINS vs. HEATH SLATER

Non capisco il senso e la motivazione di tutto questo. Non c’è nemmeno la giustificazione di dover dare la possibilità ai fan di staccare prima del main event, perché 2 minuti sicuramente non cambiavano molto. Di conseguenza evito di commentare perché questa volta davvero non saprei esprimermi.

Voto N.C

WWE UNIVERSAL CHAMPIONSHIP: SAMOA JOE vs. BROCK LESNAR (c)

Alla fine tanto fumo per niente. Ebbene si perché si era arrivati a questo match con una costruzione perfetta che ci ha regalato per la prima volta un Lesnar in completa difficoltà. Tutto questo per poi assistere ad un match brevissimo con solo 2 mosse eseguite da Lesnar e con Joe che perde alla prima F-5 ricevuta. Ci sta la vittoria di Lesnar e ci mancherebbe pure, ma sinceramente trovo di un’incoerenza spaventosa la gestione di Joe. Se lo fai arrivare come l’unico in grado di mettere in seria difficoltà Lesnar, non farlo perdere così perché lo ridimensioni totalmente. A mio avviso fin quando Lesnar sarà campione assisteremo a cose del genere. Già abbiamo un campione che non si vede mai e che fa al massimo 5 minuti di match, se poi quei 5 minuti li gestisci pure allora è tutto un disastro.

Voto 5

GIUDIZIO GENERALE PPV: Se leggo la card sicuramente posso affermare che si poteva fare molto più. Un ppv che è stata un altalena, un sali e scendi tra momenti positivi e momenti negativi. Peccato che le note negative arrivano da match con protagonisti come Rollins, Ambrose o Lesnar. Avevamo già espresso in passato la perplessità riguardo i ppv esclusivi di Raw e dopo Great balls of Fire la situazione non cambia di certo. Speriamo che dopo Summerslam qualcuno nei piani alti si svegli finalmente.

Voto 6