Inside Storyline: Raw e Smackdown, PPV poco memorabili

Con l’imminente arrivo di TLC, prossimo evento monobrand del Roster rosso, aumentano sempre più coloro i quali sono pronti a gridare allo scandalo per la card poco allettante dello show a pagamento, e sopratutto dell’esiguo numero di titoli e faide importanti in ballo. Inoltre, persino Smackdown non se la passa bene, dato che non vi è traccia di alcuna costruzione, con il prossimo PPV targato blu che si terrà tra non meno di un mese. Inside Storyline inizia con la sua consueta analisi:

Come detto, le cinture di campione Universale, Intercontinentale e di coppia, non verrano difese, a favore di uno scontro un po’ storico un po’ frettoloso tra il rinato Shield e il team misto di The Miz, Cesaro, Sheamus, Braun Strowman e Kane, con il fratellastro di Undertaker che dovrà spiegare il perché di questo attacco a Roman Reigns. Le innumerevoli varianti rendono davvero piccante questa contesa, che merita quantomeno la sufficienza.

Il solo debutto di Asuka, e l’imprevedibilità di Sister Abigail, brillanti mosse per creare hype, non bastano tuttavia a coprire i restanti quattro Match, con Sasha Banks relegata contro Alicia Fox, Kalisto alla sua prima difesa titolata contro Enzo Amore, Alexa Bliss che fronteggerà Mickie James ed un Match tra pesi leggeri quasi inutile.

Card che quindi, nei suoi punti alti crea un interesse buono, ma non sufficiente a sopperire i clamorosi Match riempitivi quasi da Live Event. Passando alla controparte blu, non si naviga in acque migliori:

Aj Styles sembra voler a che fare con Jinder Mahal per il titolo WWE, con il campione che tuttavia prova a lanciare una sfida con Brock Lesnar, che risponderà alla prossima puntata di Raw.

Gli Usos rimandano qualsivoglia discorso legato ai titoli, Corbin scappa davanti alla minaccia Sin Cara, e Natalya non entusiasma nelle vesti di campionessa.

Tuttavia la premiata ditta Kevin Owens-Sami Zayn dovrà fronteggiare il primo grande ostacolo della loro neonata amicizia: settimana prossima tornerà Shane McMahon e dovrà dire la sua. Chissà cosa succederà.

Inside Storyline termina qui, con il bicchiere piuttosto mezzo pieno e tante buone idee per gli show settimanali. Appuntamento a settimana prossima, con la speranza che TLC possa regalare qualcosa da trascrivere negli annali.

Francesco Muolo

Nato nel 1995, ho cominciato a seguire la WWE dal 2002 e ho smesso il giorno in cui è morto Eddie Guerrero. Nel 2012, ho riscoperto il mondo del pro-wrestling grazie alla Royal Rumble, il mio PPV preferito da bambino. Ho, quindi, ricominciato a seguire la WWE e non solo, ma anche la NJPW, grazie al Bullet Club