Report: NXT 18-10-2017

Ciao a tutti amici e amiche di Spazio Wrestling! Io sono Benedetta Fortunati e come ogni settimana vi guiderò nell’ultima puntata di NXT.

Cominciamo!

Dopo i soliti video di introduzione alla puntata e di promozione della card della serata, ci dirigiamo senza indugi al tavolo di commento dove il nostro Mauro Ranallo ci dà il benvenuto allo show.

Entriamo subito in azione con il match di qualificazione per l’NXT Women’s Championship match che si terrà a NXT Takeover: WarGames.

NXT WOMEN’S CHAMPIONSHIP MATCH

Sonya Deville vs. Ember Moon vs. Ruby Riot

Il ring sembra fin da subito rovente con queste tre atlete. Un bell’head scissors della Riot, che però viene appiattito da una clothesline. Assistiamo a un bel lavoro di Ruby e Ember dopo che Sonya viene temporaneamente esclusa dai giochi. Sembra che le due si siano alleate per tenere la specialista delle MMA fuori dal ring. Sonya riesce a rientrare sul ring e lei e Ruby ricevono entrambe un dropkick da Ember, che realizza il cover e quasi schiena ciascuna delle due. Sonya esegue un paio di big knees contro Ember, spin kick e tentativo di schienamento, ma nulla da fare. Lo show va in pausa.

Eccoci di ritorno. Questa volta ad essere allontanata dall’azione è Ruby. Springboard di Ember, ma viene intercettato a mezz’aria da una spear di Sonya. Il pubblico non sembra essere sicuro di cosa pensare riguardo a questo match, nonostante tutte e tre le atlete stiano lavorando davvero sodo. Sonya lavora su Ruby, costruisce un momentum, ma viene spedita fuori dal ring. Ruby va per eseguire una mossa d’impatto fuori dal ring, ma vieme subito fermata da Sonya. Ember torna in azione. Mossa aerea della Deville, ma Ember realizza un dropkick. Ruby, come al solito la più coraggiosa delle tre, esegue un dive fuori dal ring dalla terza corda atterrando entrambe le avversarie. Sembra si sia infortunata a una gamba o a un piede. Sonya si concentra sulla parte infortunata di Ruby con un ankle lock. Ruby cerca il rope break, ma non vale in un triple threat. Sonya blocca la caviglia ancora più in profondità. Mentre sembra che Ruby stia per cedere, Ember esegue l’Eclipse su un’ignara Sonya. La Deville rotola fuori dal ring e lo schienamento viene eseguito sulla già infortunata Ruby. A qualificarsi è Ember Moon.

Vincitrice per schienamento: Ember Moon

Vediamo un filmato della sicurezza che ci mostra un incontro tra The Undisputed Era e Roderick Strong nel parcheggio. Gli atleti si scambiano una maglietta e qualche parola e il team di commento parte con le sue speculazioni riguardo l’accaduto.

Christy St. Cloud è nel backstage con Mr. Regal. Mentre lui è in procinto di annunciare un match per la settimana prossima, Billie Kay e Peyton Royce lo interrompono. Lui continua e annuncia che la prossima settimana si svolgerà una battle royal al femminile per decretare l’ultima sfidante dell’NXT Women’s Championship match di NXT Takeover: WarGames.

Procediamo con il secondo match di serata.

Raul Mendoza vs. Aleister Black

Mentre suona la campana, Velveteen Dream arriva a bordo ring per rubare e indossare il gilè di Aleister Black. Non sembra una buona idea, anche se distrae temporaneamente Black. Mendoza esegue un fantastico dive fuori dal ring. Tornati sul ring, uno springboard senton ci porta ad un conteggio di due. Mendoza sta per finire il lavoro con un calcio, ma Black gli afferra la gamba e lo guarda in modo molto minaccioso. Dà inizio ad una serie impressionante di calci, realizza uno springboard moonsault, e si riprende di prepotenza il controllo del match. Esegue la sua Black Mass e finisce il lavoro in maniera davvero sublime.

Vincitore per schienamento: Aleister Black

Dopo il match, Velveteen Dream esce di scena e Black sembra alquanto turbato.

Dopo il break ci aspetta un’esclusiva intervista con l’NXT Champion Drew McIntyre.

Christy St.Cloud si appresta ad intervistare McIntyre. Lui sembra davvero onorato e felice di essere l’attuale NXT Champion e dice che questo è il suo sogno. Continua dicendo che non è stato facile arrivare fino a qui, specialmente dopo il suo primo run con la WWE quando era stato messo sotto contratto alla tenera età di 21 anni. Racconta, quindi la storia di come lui e la sua fidanzata si fossero trasferiti nella loro prima casa solo quattro giorni prima che lui venisse rilasciato dalla WWE. Hanno entrambi deciso che lui doveva portare avanti il suo sogno, quindi eccolo di nuovo a NXT. Ora il suo obiettivo consiste nell’ispirare le persone…Zelina Vega interrompe l’intervista. Afferma che Almas e McIntyre hanno molto in comune. Chiede a McIntyre se stia evitando Almas. Drew riconosce che lei è molto brava nel suo lavoro, e ripete che affronterà chiunque, dovunque e in qualunque momento. Se davvero vuole così disperatamente un match con lui, Almas dovrà chiederglielo di persona.

Kassius Ohno vs. Cezar Bononi

Bononi è un atleta molto fisico. Indirizza subito una serie di colpi contro il veterano. Quindi esegue un devastante dropkick. Muay Thai knees contro Ohno che appare in difficoltà. Un altro dropkick di Bononi manda Ohno fuori dal ring. Tentativo di schienamento, ma solo conto di 2. Bononi sta per eseguire un altro dropkick, ma riceve una senton di Ohno. Ohno spedisce fuori Boni e realizza un wrecking ball dropkick. L’azione torna sul ring e un devastante rolling elbow dietro al collo di Bononi chiude i giochi.

Vincitore per schienamento: Kassius Ohno

È tempo di main event!

Undisputed Era vs. SAnitY

A iniziare il match sono Wolfe e Fish. Wolfe attacca, ma Fish evita. Wolfe afferra la gamba dell’avversario ed esegue un forearm. Ranallo ci ricorda la performance di Wolfe all’ultimo Takeover. O’Reilly e Eric Young ricevono il cambio. I SAnitY mettono in campo un tradizionale tag team wrestling fatto da veloci cambi e fasi offensive destabilizzanti. Dain assume il vantaggio grazie alla sua stazza e restituisce il cambio a Eric Young. O’Reilly colpisce la gamba di Young. Fish torna in azione e assistiamo ad un altro bel lavoro di squadra. Fish realizza un roundhouse kick. Young esce dal ring per riprendersi, mentre lo show va in pausa.

Tornati dalla pausa vediamo che è stato dato il cambio a Adam Cole, che ora sta lavorando su Young e continua il velocissimo scambio di tag. Fish tenta lo schienamento, ma solo conto di 2. O’Reilly e Fish eseguono un tandem suplex e abbiamo un lungo conto di 2 su Young. Ora un furioso Killian Dain vuole disperatamente il cambio. Young esegue la sua Beast of Belfast. Un front dropkick e una senton di Dain. Dain solleva sia Fish che O’Reilly per una combo tra un Samoan Drop e un Fallaway Slam. Vader Bomb di Dain su Fish, ma nessun cover perchè il piede di Fish è sotto alle corde. Il ring si infiamma ora che tutti gli uomini sono coinvolti. Cole viene lasciato tutto solo con i tre membri dei SanitY. Dain lo afferra e lo riporta sul ring per i capelli. I SAnitY stanno per chiudere i giochi…ma parte la musica degli Authors of Pain!

Il match termina in No Contest

Gli Authors of Pain fanno il loro ingresso e si scagliano contro i SAnitY, mentre i membri dell’Undisputed Era percorrono la rampa. Gli AOP eseguono la loro Super Collider power bomb e lasciano i SAnitY a terra senza forze. I membri dell’Undisputed Era sembrano piuttosto preoccupati mentre osservano dalla rampa gli Authors of Pain che si ergono vittoriosi a fianco di Paul Ellering.

Su queste immagini si chiude la puntata.

Io vi ringrazio per aver scelto il nostro report e per seguire Spazio Wrestling, vi saluto e vi do appuntamento a giovedì prossimo per un altro report di NXT. Ciao a tutti!

 

 

Benedetta Fortunati

staffer