THE DEBATE: Money in the Bank 2018

Salve ragazzi e bentornati in questa nuova edizione del THE DEBATE, con Tommaso e Jacopo, oggi andremo ad analizzare uno dei PPV  più importanti dell’anno, Money in the Bank!

TOP MATCH: (Tommaso)

MITB maschile. Anche quello femminile è stato molto bello, ma in questo mi sentivo più coinvolto in quanto non faccio il tifo per una divas nello specifico. Strowman è stato gestito molto bene con degli ottimi spot, che hanno reso il match molto godibile. Più in generale abbiamo visto delle belle interazioni con le scale, soprattutto la caduta di Kevin Owens sul tavolo.

TOP MATCH: (Jacopo)

Money in the Bank femminile. Una contesa ricca di spot interessanti e senza troppi momenti morti, forse macchiato un po’ da alcuni errori di “tempistica”. Però l’ho apprezzato molto e mi sento di premiare il lavoro svolto dalle ragazze. Inoltre il risultato è stato assolutamente inaspettato.

FLOP MATCH: (Tommaso)

Bobby Lashley vs Sami Zayn…..mamma mia che brutta faida, speriamo sia finita. Oltre a questo abbiamo visto uno squash che il povero Zayn non meritava, ormai inizio a credere che in WWE non vincerà mai niente, per quanto riguarda l’atleta di colore non possiamo dire granché, fino ad ora ha avuto solo match di basso rilievo.

FLOP MATCH: (Jacopo)

Lashley vs Zayn. Il povero Sami si ritrova ad interpretare il ruolo da giullare sparring partner di Lashley. Quello che una volta era l’underdog from the underground in grado di resistere contro Braun Strowman ora è solo una macchietta comedy che personalmente fatico a mandare giù per l’immenso spreco di talento.

TOP MOMENTS: (Tommaso)

1) Non mi sarei mai aspettato l’incasso di Alexa nella stessa serata in cui ha vinto la valigetta, e secondo me, nonostante abbia già tenuto a lungo il titolo, è stata la scelta giusta. Come ho detto in passato, Ronda è ancora troppo acerba per avere la cintura, ma non poteva neanche subire una sconfitta nel suo primo match 1 vs 1. Nia invece non ha perso credibilità nonostante la perdita del titolo.

2) Finalmente un match tra AJ Styles e Nakamura che ha rispettato le mie aspettative, anche perché in una stipulazione del genere sono pochi i match che hanno deluso. A dirla tutta la prima parte dell’incontro era stata sui livelli di quelli precedenti, ma poi, considerando anche un OTTIMO finale, è migliorato sempre di più.

3) Il finale di Elias vs Seth Rollins. Ho pensato seriamente che il Drifter potesse portarsi a casa la cintura durante quella fiammata conclusa con un Elbow Drop degno del miglior Randy Savage. Invece The Architect, grazie alla sua furbizia, ha vinto con un roll up, complice anche il problema al ginocchio, venduto splendidamente. Una garanzia.

TOP MOMENTS : (Jacopo)

1) Lo spot tra Kevin Owens e Braun Strowman. Tutta l’essenza di questa stipulazione è racchiusa in quel frangente, KO che vola da un’altezza siderale frantumando dei tavoli. Magnifico e sempre d’effetto.

2) Il finale di Nakamura vs Styles. La contesa a parer mio è partita un po’ a rilento, ma nelle fasi conclusive tutta la drammaticità di questa rivalità è venuta fuori, con degli sguardi di fuoco e  con i due atleti disposti a tutto pur di portarsi a casa la cintura. Bellissima la Forearm da dentro a fuori ring sul tavolo dopo un Low Blow devastante.

3) Ronda vs Nia Jax. Mi aspettavo una contesa di tutt’altro tipo, con la Rowdy a dominare, invece Nia si è comportata ottimamente e le due hanno offerto uno spettacolo godibile e credibile, ciliegina sulla torta l’incasso finale di Alexa Bliss

FLOP MOMENTS: (Tommaso)

Io non sono arrabbiato per la vittoria di Strowman, ma per me quella valigetta aveva scritto su di essa un solo nome: The Miz.
Sarebbe stato il giusto ringraziamento per tutto quello che ha fatto in questi anni, e credo proprio che nessuno avrebbe detto nulla in contrario.

Questa l’unico “flop” che ho trovato in questo PPV, apparte l’intero match tra Sami e Bobby di cui ho parlato prima.

FLOP MOMENTS: (Jacopo)

1) Strowman? Seriamente il gigante necessita di questa title shot? A mio modo di vedere a tutti gli altri partecipanti la valigetta sarebbe servita per rilanciarsi o per costruire qualcosa, mentre il Mostro ha uno status elevatissimo e sarebbe l’unico credibile per affrontare e battere Brock Lesnar senza l’utilizzo del contratto. Scelta rivedibile.

2) Un po’ troppi errori di tempistica sia nel MITB maschile che in quello femminile, me ne vengono in mente almeno tre tra Naomi, Becky Lynch e The Miz. Secondo me rovinano l’emozione e il pathos del momento perché palesemente le superstar cercano di temporeggiare per farsi bloccare.

3) Il pubblico. Conosciamo la gente di Chicago, fanno casino e spesso aggiungono quel qualcosa al match, ma durante Reigns e Mahal ho trovato davvero di cattivo gusto i cori Boring dopo nemmeno 5 secondi. Ognuno spende i suoi soldi come vuole, ma un minimo di rispetto per degli atleti che si fanno il mazzo per 365 giorni l’anno ci vorrebbe.

CONSIDERAZIONI FINALI: (Tommaso)

Ottimo modo per iniziare un’estate all’insegna del wrestling, con un ottimo PPV che ha buone prestazioni e poche note negative, a mio avviso un 7/7+ è più che meritato

CONSIDERAZIONI FINALI: (Jacopo)

Avevo delle aspettative molto alte e in buona parte  sono state rispettate, mi sono divertito parecchio e nel complesso è stato godibile, per me è un bel 7.