The Mirror #19- Sasha Banks: “Da umili origini verso grandi imprese”

Bentornati tra le pagine di storia di The Mirror, che quest’oggi vi presentano una grande novità che pian piano si innesterà sempre più nella programmazione dell’editoriale, ovvero la narrazione della storia delle atlete femminili della WWE, partendo dalle artefici principali della Rivoluzione Femminile, entrata ormai nel vivo, arrivando a toccare anche le vicende sul ring di vecchie glorie della divisione femminile.
Questo nostro percorso alternativo inizia dunque con la fantastica storia di una delle Four Horsewomenle quattro atlete che più significativamente hanno inciso sulla realizzazione di questa rivoluzione rosa: il suo nome è Mercedes Kaestner-Varnado, nata a Fairfield il 26 gennaio 1992. Tutti noi siamo abituati a conoscerla ed amarla, però, col nome di Sasha Banks.
Andiamo senza ulteriori indugi a scoprire come Sasha sia divenuta, da semplice fan del wrestling come siamo tutti noi, passando per il ruolo di Boss della categoria femminile, leader della rivoluzione che ha investito la WWE.

Mercedes rientra a pieno titolo nella categoria di persone baciate dalla sorte che, con tanto impegno, sono riuscite a trasformare una passione profonda nel loro lavoro. Fin da piccola, infatti, la donna ha sempre nutrito grande rispetto e ammirazione per gli eroi che vedeva esibirsi sul ring della WWE, traendo ispirazione soprattutto dal suo idolo indiscusso, Eddie Guerrero, custodendo nel cuore l’ambizione di diventare come loro, un giorno, una lottatrice.
L’occasione di mostrarsi per la prima volta su un ring di wrestling si presenta alle porte di casa Mercedes nel 2010, appena compiti i 18 anni. Siamo ad agosto, precisamente l’ottavo giorno, quando Mercedes KV combatte per la prima volta nella New England Championship Wrestling, disputando e vincendo un match di coppia. Dal 2010 al 2012 militerà presso questa federazione e anche alla corte della Chaotic Wrestling: in questa seconda esperienza riuscirà a vincere anche il suo primo titolo femminile. Il suo sarà un regno fantastico, rimanendo imbattuta per la durata eccezionale di 260 giorni, quando, nell’agosto del 2012, deve rendere vacante il titolo, poichè un’occasione più grande si sta affacciando sulle sue prospettive future: il suo nome è WWE.

Il giorno stesso in cui rende vacante il titolo della Chaotic Wrestling, la giovane Mercedes dichiara di aver appena apposto la firma su un contratto di sviluppo con la WWE, che vede in lei un materiale ancora grezzo che da dover raffinare, ma con le potenzialità di divenire un diamante.
Il suo debutto avviene dapprima in un house show, con ancora il nome di Mercedes KV: vince il primo match tag team in coppia con Audrey Marie, sconfiggendo niente meno che Paige  ed Emma.
Poco dopo il suo ring name viene cambiato in quello ben più celebre di Sasha Banks. Le caratteristiche del suo personaggio ancora non sono ben delineate, per questo viene inserita negli show televisivi in una storyline abbastanza grottesca, che vede Sasha ricevere delle lettere da parte di un ammiratore, che si rivela poi essere la sua vecchia compagna di team, Audrie Marie, gelosa del successo che l’amica sta riscuotendo. La faida vede dapprima Audrey in vantaggio, ma i piani vengono del tutto cancellati quando quest’ultima viene licenziata dalla federazione.
Ma la federazione ha ben in mente il ruolo da costruire attorno alla ragazza e per far prendere forma a questo progetto si avvale dell’aiuto di Summer Rae. La bionda instilla nella mente di Sasha la bramosia del successo ad ogni costo, tanto da ispirare un turn heel del suo personaggio, che assume la gimmick famosissima di “The Boss of NXT”, in seguito ad una sconfitta patita per mano di Paige. Il sodalizio tra la Banks e Summer viene definitivamente sancito con la costituzione delle BFF (Beautiful, Fierce Female), nome del loro team. In seguito anche la figlia di Ric Flair, Charlotte, si unirà al gruppo.

Passano le settimane e Summer Rae viene promossa nel main roster, lasciando sole nel team Charlotte e Sasha: dapprima fanno fronte comune contro Bayley, aiutata solo dalla magnanima Natalya. Charlotte romperà il legame con Sasha Banks quando intervenendo a favore dell’ex nemica, Bayley, ostacola la Boss.
Sasha Banks punta quindi il suo mirino sulla cintura detenuta da Charlotte, l’NXT Women’s Championship. Nonostante i tanti tentativi di divenire campionessa, Sasha fallisce più volte nella sua impresa.

Questo fino all’evento NXT TakeOver: Rival, che prevede nella sua card un fatal 4-way match per l’alloro femminile: le contendenti sono Charlotte, Bayley, Sasha Banks e Becky Lynch. Sasha risulta la vincitrice del match e diviene per la prima, ed unica, volta campionessa di NXT.

 

Una volta arrivata sulla cima della montagna, Sasha difende strenuamente la sua posizione di supremazia contro Becky Lynch e Alexa Bliss, in due match ben riusciti che la vedono trionfante. A NXT TakeOver: Brooklyn Sasha affronta Bayley, in un match che viene definito come il più bello ed appassionante che abbia mai coinvolto due donne sul ring. La contesa dai tratti mitici ha il risultato di abdicare la Banks dal suo trono di Boss indiscussa del roster giallo, innalzando al suo posto la fantastica Bayley.

Durante la puntata del 13 luglio 2015 di RawStephanie McMahon si trova sul ring insieme a Paige e al Team Bella, composto dalle Bella Twins Alicia Fox, quando dichiara di voler dare l’avvio ad una vera e propria rivoluzione nella categoria femminile della WWE. Per fare ciò, introduce al pubblico i debutti di Charlotte, Becky Lync e, naturalmente, la nostra cara Sasha Banks. Mentre la Lynch e la Flair si schierano subito al fianco di Paige, la Boss si unisce a NaomiTamina , fondando il Team B.A.D., sigla di Beautiful and Dangerous.
I tre team così costituiti si danno battaglia per la supremazia nella divisione femminile.

 

La Banks subisce un infortunio, e ritorna a combattere solo durante la Royal Rumble del 2016, tra i face. Si allea con Becky Lynch contro la sua vecchia stable delle B.A.D., distaccandosi così dalla formazione.
La strada comune intrapresa dalle due novelle amiche giunge subito ad un bivio, quando si contendono tra di loro la Number One Contendership al titolo massimo di Charlotte. In due occasioni le due si affrontano a viso aperto, concludendo un match in pareggio e l’altro in doppia squalifica, non riuscendo di fatto a proclamare una sfidante al titolo. Per questo motivo viene sancito un Triple Threat Match per Wrestlemania 32, in cui Sasha deve affrontare sia la campionessa Flair che l’amica Lynch. L’occasione sfugge tra le mani della Banks, che non riesce a conquistare il titolo in questa occasione, a causa dell’interferenza di Ric Flair, che favorisce la vittoria della figlia.

Mercedes dovrà attendere il 25 luglio del 2016, la prima puntata di Raw dopo la Brand Extension, per poter sollevare finalmente sulla testa il titolo femminile, conquistato arduamente sconfiggendo Charlotte. Nemmeno un mese di regno viene concesso alla donna dai capelli viola, che deve cedere il suo dominio già a SummerSlam nel rematch contro la stessa Flair. Alla beffa si aggiunge anche il danno, quando Sasha scopre di essersi infortunata alla schiena durante il match.
Arriva il 25 settembre, e con esso anche il prossimo ppv, Clash of Champions: Sasha Banks non può usufruire del suo rematch one-on-one contro Charlotte, poichè nella loro faida si intromette Bayley, in cerca della conquista del titolo. Sarà proprio Bayley a prendersi il pin da parte della campionessa Charlotte, permettendo a quest’ultima di preservare la proprio supremazia.

Servono solo due settimane a Sasha per riorganizzarsi e affrontare nuovamente Charlotte, questa volta senza aggiunta di altre atlete, durante Raw, conquistando per la seconda volta il titolo femminile.
Intanto Sasha fa la storia, annunciando che ad Hell in a Cell difenderà per la prima volta nella temibile gabbia d’acciaio il suo titolo femminile. L’avversaria, inutile dirlo, risulterà essere Charlotte, continuando quindi questa magnificente serie di match tra le due atlete, che finiscono per costituire la punta di diamante della Rivoluzione rosa dell WWE. Il match incorona nuovamente Charlotte come campionessa.

Pensate sia finita qui la storia tra Charlotte e Sasha? Beh, vi sbagliate!
Dopo un ulteriore incontro terminato per doppio count-out, Sasha strappa la cintura di campionessa per l’ennesima volta dalla vita della rivale figlia d’arte. La fine della grande rivalità giunge a Roadblock: End of the Line, quando Charlotte vince un Iron Woman Match di 30 minuti con un punteggio di 3-2, risultato segnato tra l’altro fuori tempo limite. Alla fine del match Sasha Banks viene attaccata da Nia Jax.

Giungiamo nella nostra narrazione a tempi recenti, in cui Sasha è stata impegnata in diverse faide,conquistando soltanto un’altra volta il titolo femminile di Raw, in occasione dell’edizione di SummerSlam del 2017, quando ha sconfitto Alexa Bliss. Nel tempo passato all’interno dei ranghi del main roster  Sasha ha quasi sempre avuto un atteggiamento da face, abbandonando progressivamente la gimmick di Boss che l’aveva portata alla ribalta ad NXT, facendola apprezzare sempre più dal pubblico. Soltanto nelle ultime settimane stiamo assistendo, forse, ad un cambio nell’atteggiamento di Sasha, soprattutto nel suo rapporto con Bayley, in precedenza idilliaco, essendo le due presentate come grandi amiche fedeli. Io, personalmente, adorerei il cambio heel della Banks, più naturale e capace nell’interpretare quel personaggio pieno di se, arrogante e viziato, come faceva magistralmente in passato. L’affetto degli appassionati nei suoi riguardi, tra l’altro, non potrà mutare e il tifo nei suoi confronti sarà sempre sostenuto, se non addirittura accresciuto.
Speriamo di rivedere presto Mercedes sollevare nuovamente un titolo mondiale, magari anche nel roster di SmackDown, effetto del prossimo shake-up.

Per oggi il nostro tempo a disposizione è giunto al termine. Commentate e fatemi sapere la vostra sul personaggio di Sasha Banks e sui prospetti per il suo futuro.
Un saluto a tutti!

Archivio
The Mirror #1- Chris Jericho
The Mirror #2- Aj Styles
The Mirror #3- Kurt Angle
The Mirror #4- Shinsuke Nakamura
The Mirror #5- Triple H
The Mirror #6- Randy Orton
The Mirror #7- Finn Bàlor
The Mirror #8- Goldberg
The Mirror #9- The Miz 
The Mirror #10- Brock Lesnar 
The Mirror #11- Seth Rollins   
The Mirror #12- Samy Zayn
The Mirror #13- Dean Ambrose
The Mirror #14- Eddie Guerrero 
The Mirror #15- Roman Reigns
The Mirror #16- Kevin Owens
The Mirror #17- Steve Austin
The Mirror #18- The Undertaker (parte 1)
The Mirror #18- The Undertaker (parte 2)

Francesco D'Agostino

Nato a Cassino, il 2 Giugno 1997, si appassiona al wrestling fin da piccolo, iniziando a seguirlo con assiduità però dal 2010. Editorialista per SpazioWrestling da Maggio 2017, dove scrive il "The Mirror". Wrestler preferito: Seth Rollins.