WWE: Bret Hart e Steve Austin parlano del loro match a WrestleMania 13

Stone Cold Steve Austin e Bret Hart sono stati recentemente ospiti dell’ “E&C Pod of Awesomeness”, il podcast condotto da Edge & Christian, ed hanno parlato in dettaglio del loro Submission Match di Wrestlemania 13. Ecco gli spunti più interessanti:

Austin su come ha saputo del match: “Non dimenticherò mai:  erano due settimane prima dell’incontro, credo” – ha ricordato Austin – “Mi trovavo a San Antonio e stavo guardando Raw, quando ad un tratto ho visto annunciato per WrestleMania Austin vs. Hart, in un Submission Match, ed ero incazzato perchè non sono un wrestler che ha uno stile adatto a quella stipulazione. Ho avuto in infortunio al collo e sono diventato un brawler. Stavo cominciando ad avere riscontri molto positivi da babyface, ma ero orgoglioso di essere heel. All’improvviso, devo avere questo match contro Bret ‘The Hitman’ Hart, cosa di cui ero entusiasta, ma la stipula della sottomissione mi ha lasciato spiazzato. Ho parlato dei miei dubbi a riguardo con Vince McMahon perchè pensavo che mi avrebbe lasciato in una posizione molto compromettente, dato che non sono un wrestler da sottomissioni. Tutti sanno che ho 3-4 mosse, e tutto il resto sono stropicciamenti agli occhi, low blows, e cose del genere, quindi questo match non faceva per me. Pensavo che sarebbe andata male, lo pensavo davvero. Ed abbiamo fatto tutto, tranne fare schifo. E’ stata una performance da cinque stelle per entrambi.”

Bret Hart sulla visione di Vince McMahon per il match: “Penso che Vince [McMahon, ndr] meriti del credito per la visione del Submission Match.” – ha detto Hart – “La pensavo come Steve. Pensavo sarebbe stato un brutto, bruttissimo match per mostrare il nostro talento. Sarebbe dovuto essere un re-match se proprio, senza alcuna stipula. Un Submission Match ci avrebbe limitato, o almeno così pensavo. Ed appunto, ero d’accordo con Steve, ma sapevo anche che Vince aveva cominciato il mio turn heel, e voleva che turnassi definitivamente. I fan improvvisamente avevano cominciato a tifare gli heel molto di più, non so se grazie alla ECW o meno, ma ricordo che gli heel iniziarono ad andare sempre più over, e che iniziarono a stare dalla parte di Austin perchè era una cosa “figa” da fare.”

Hart sui suoi dubbi per il match: “Prima di Wrestlemania, pensavo che i Submission Matches, o comunque i match con una stipula simile, fossero solo una sentenza di morte per il pubblico. Ricordo un match contro Bob Backlund, un “I Quit Match”, che probabilmente è stato il mio peggior match in PPV, senza offesa per Bob.” – ha spiegato Bret – “Togli metà dei falsi finali togliendo gli schienamenti. Voglio dire, puoi fare molti meno spot, tagliano il match a metà.”

Austin sulla longevità del match: “Con tutti gli high spots e le acrobazie dei giorni odierni, questo match, nonostante sia avvenuto a Wrestlemania 13… dopo tutti questi anni, questo match è ancora un piacere da guardare oggi, e lo sarà per sempre, per via della sua intensità” – ha detto Austin – “Non c’è nulla di veramente folle in questo incontro, ma dato che è sembrato così reale, rimarrà per sempre un ricordo bellissimo da rivedere”.

FONTE: 411mania.com