Drew McIntyre: “Gli atleti della WWE non hanno passione”

Drew McIntyre è un uomo con una grande esperienza alle spalle. Durante il suo primo stint con la WWE era l’uomo d’oro della compagnia ed era chiamato The Chosen One (“il prescelto”), prima di essere rilasciato.

Lo scozzese ha poi lavorato nel circuito indipendente, dove si è costruito un’ottima reputazione, per poi tornare in WWE, dove è diventato NXT Champion. Infine, ora, è approdato nel main roster.

Drew McIntyre ha parlato con il WWE Hall of Famer Jim Ross durante l’ultimo episodio del The Ross Report, dicendo che non bisogna dare per scontato il proprio ruolo in WWE e spiegando perchè un atleta deve faticare per andare in televisione e per essere utilizzato negli show:

“Non si può dare la colpa allo staff creativo. Non puoi restartene lì seduto con il muso lungo, devi immaginare la storia e raccontarla, perchè ci sono molti atleti a NXT che non aspettano altro che prendere il tuo posto se a te non interessa fare un passo avanti a Raw.”

McIntyre ha poi parlato con franchezza del suo ritiro e ha ripercorso la sua carriera nel mondo del wrestling:

“Sono stato rilasciato, ed è stata la cosa migliore che potesse capitarmi perchè mi ha permesso di ritrovare quel fuoco, quella passione. Potevo annegare o nuotare per salvarmi a quel punto. So che Raw è lo show migliore del mondo, il miglior prodotto del mondo. Abbiamo cinque ore tra Raw e Smackdown ogni settimana, e per quanto sia una bella cosa, ci sono molti spazi da riempire e ci sono molti atleti che non hanno nulla da fare.”

Drew ha anche commentato la situazione degli atleti che non vengono utilizzati:

“Non hanno passione, tutto qui. Posso dirlo con certezza, perchè un tempo ero come loro. Sono molto deluso di me stesso se ci penso, non facevo tutto quello che potevo per arrivare in cima, non mi allenavo in palestra, non mi concentravo sulle storyline, non provavo a diventare un atleta migliore.”

L’ex campione Intercontinentale ha poi analizzato le differenze tra il circuito indipendente, NXT e la WWE e i loro atleti:

“Penso che le persone si dimentichino che sono in WWE e diventino pigre e indolenti. Questo mi fa stare davvero male perchè se guardate le scene indipendenti potete vedere con i vostri occhi quanto talento c’è là fuori.”

Infine, McIntyre ha raccontato il suo passaggio dall’essere The Chosen One alla sua nuova carriera:

“Sono stato NXT Champion e so quanto talento c’è lì. Quegli atleti hanno il fuoco negli occhi e sono pronti ad accaparrarsi i loro posti. A Raw non c’è più posto per nessuno, ma si può sempre migliorare e io sono pronto per instillare un po’di passione negli atleti.”

Fonte: Sportskeeda.com

Benedetta Fortunati

staffer

  • https://twitter.com/Polst19 Polster19

    Secondo me gli atleti finsicono col perdere la passione per colpa della WWE…le gestioni schizofreniche ad un certo momento finiscono col demotivare gli atleti,che,a quel punto,pensano solo ai soldi e si limitano a svolgere il compitino.