WWE: Intervista a Neville

Neville ha rilasciato un’intervista per la sezione Extra Mustard di Sports Illustrated.

Ecco i punti più salienti.

Cosa puoi dirci della guida di Triple H?

“Hunter è un modello per tutti. Ho molto rispetto per lui. Non mi preoccupa sapere se lui mi rispetti o meno.                  Tutto quello che mi preoccupa riguarda me stesso. Non sono sempre stato così.

Per molto tempo ho provato a piacere a tutti, incluso il WWE Universe.

Ora non mi importa. Se piaccio o meno a Triple H non mi importa. A me importa solo di me stesso. Mi ci è voluto tanto per ammetterlo.”

Quale motivazione ti spinge ad essere un Cruiserweight nella terra dei pesi massimi?

” Qui non ho rivali. Questo è sempre stato il mondo dei giganti, e per i più piccoli, abbiamo sempre combattuto una battaglia dura.

La categoria dei Cruiserweight è composta da ragazzi sotto ai 92. 9 kg di peso, ma non serve che io vi dica cosa faccio. Potete guardarmi e allora capirete cosa faccio e di cosa sto parlando.

Austin Aries parla meglio di quanto lotti. Io, invece, sono prima di tutto un lottatore. Questo è un business per uniti grandi e grossi, quindi se sei un “piccoletto” sai già che ti toccherà combattere più duramente.

Per troppo tempo sono stato trascurato e non rispettato. Ecco perché ho deciso di entrare a far parte di 205 Live.

Sono sempre stato troppo buono e ho provato a giocare seguendo le regole, ma non ha funzionato. Ora mi prenderò quello che mi spetta da tempo.”

 

 

The following two tabs change content below.
Avatar

Ultimi post di Benedetta Fortunati (vedi tutti)