Brand War: Wrestling Matter #50

Benvenuti cari lettori al cinquantesimo numero di Brand War! Ultime puntate prima di Money in the Bank e nei due brand siamo alle battute finali prima del pay-per-view. Chi avrà offerto il miglior show? Scopriamolo insieme!

RAW

ALEXA BLISS VS. EMBER MOON VS. NATALYA VS. SASHA BANKS

RIASSUNTO: Il match inizia in modo confusionario ma è Ember Moon che per prima colpisce forte Alexa Bliss, che subito approfitta e si finge di nuovo infortunata alla gamba. Alexa esce dal ring ma viene presa da Natalya e schiantata contro le barricate. Ember colpisce allora Sasha con un dropkick e apre con Sasha un giro di roll up e tentativi di schienamento che non portano a nessun risultato. Interviene allora Natalya ma doppia ginocchiata di Sasha Banks che poi comincia ad azzuffarsi con Ember Moon ed ha la peggio, cadendo in modo brutto dal ring e con l’atleta di colore che salta per un bellissimo quanto violento suicide dive che schianta Sasha contro le barricate. La Moon torna sul ring e se la vede ora con Natalya ma viene buttata fuori da un ritorno della Bliss che prima la butta fuori dal ring e poi comincia a colpire Natalya alla gamba infortunata. Sasha entra e salva tutto. Alexa risponde con un calcione ma ancora Sasha la colpisce con una doppia ginocchiata. Ember Moon allora ritorna e prova a sollevare le avversarie dal paletto, tuttavia lesta arriva Natalia che si intromette e connette una powerbomb su Sasha e Ember! Alexa resta sul paletto e parte per la sua mossa finale ma furba Sasha alza le ginocchia e la disinnesca. Le quattro sono al tappeto sul ring e Natalya prova a chiudere Sasha nella Sharpshooter ma la Boss resiste. Entra di gran carriera Ember Moon che stende Sasha e connette l’Eclipse! Ember va per il conteggio ma Alexa la tira fuori dal ring e prova a vincere lei! Salva tutto la Banks che però viene spedita fuori. Torna allora Natalya che approfitta di una distrazione di Alexa e connette su di lei la sua mossa di sottomissione, la Sharpshooter, che le vale la vittoria!

ANALISI: Finalmente da qualche tempo a questa parte abbiamo rivisto un match decente dalla parte femminile di Raw. Inizio confusionario ma bello quando si tratta di questi match a più elementi. Poi i soliti momenti di pausa con delle headlock o mosse mirate alla gamba di Natalya che comunque con una vistosa fasciatura alla gamba riesce a fare una bella figura. Infine il finale di match torna ad alti livelli con molte interferenze come la Bliss che sfrutta l’Eclipse di Ember Moon per poter vincere. Tutte le atlete si sono ben comportate con Alexa che continua a comportarsi da heel molto bene (stile Kevin Owens), Ember Moon sempre spettacolare come il suo suicide dive su Sasha Banks. Quest’ultima, anche, ottima con delle variazioni alle solite mosse all’angolo. Infine, Natalya che deve, per storyline, subire di più durante il match a causa del ginocchio; alla fine riesce a connettere la Sharpshooter e vincere il match. Voto giustamente sufficiente.

VOTO: 7

BREEZANGO VS. DREW MCINTYRE & DOLPH ZIGGLER

RIASSUNTO: Ziggler comincia subito aggressivo su Breeze e dopo qualche scorretto colpo lo porta al paletto alleato e cambia con Drew. Dopo qualche mossa combinata rientra Ziggler che colpisce con un superkick l’avversario. Breeze riesce a cambiare poi per Fandango, ma entra anche McIntyre. Dopo un breve buon inizio di Fandango, la superiorità fisica di Drew comincia a sentirsi e i due fanno praticamente quello che vogliono. Cambiano di nuovo, colpiscono Fandango con una mossa combinata e poi Claymore su Breeze. Ziggler chiude e i due vincono in fretta.

ANALISI: Ritornano, a richiesta di nessuno, gli squash match per Ziggler e McIntyre. A rimetterci sono i Breezango che hanno ancora un po’ di hype rimasto da Smackdown ma devono vendere a Drew e Dolph che vincono subito e facilmente. Voto che non può avvicinarsi alla sufficienza.

VOTO: 4.5

ROMAN REIGNS VS. SUNIL SINGH

RIASSUNTO: Lo scagnozzo di Mahal non sembra essere entusiasta di partecipare al match ma viene caricato dal suo capo e mandato sul ring. Il match non comincia nemmeno poiché Roman lo stende prima con un Superman Punch e poi con una Spear, trovando il conto di 3.

ANALISI: Cosa dire? La campanella nemmeno suona ma alla fine l’arbitro conta il 3 di Reigns su Singh. Non sapevo neanche se considerarlo un vero e proprio match. Match senza voto.

VOTO: 0

THE B TEAM VS. RHYNO & HEATH SLATER

RIASSUNTO: A dare inizio al match sono Slater e Axel. Slater atterra Axel con un forearm e fa cadere Dallas dall’apron. Entra in azione Bo e trova un conto di 2 grazie ad una STO. Bo trova un altro conto di 2 su Slater. Torna in azione Axel e prova ad avere la meglio sugli avversari. Axel e Dallas sferrano un neckbreaker in double team su Slater e Axel trova il conto di 3.

ANALISI: Eccoci a un altro squash match che, escluso la tag team battle royal, continuano ad avere questi match della durata di tre/quattro minuti dove alla fine vincono grazie alla loro back suplex neckbreaker. Match anche questo insufficiente.

VOTO: 5

RUBY RIOTT VS. BAYLEY

RIASSUNTO: Subito violenta, la Riott colpisce duramente Bayley e la schianta in un angolo. Quindi, Ruby, mette a segno un paio di pugni, ma poi Bayley ha un ritorno e la stende con una serie di colpi alla testa. Ruby viene colpita poi da un facebuster e pare essere in difficoltà visto che si becca anche uno spinning elbow e viene tirata fuori dalle compagne per rifiatare. Bayley però scende giù dal ring e colpisce ancora Ruby con un suplex.

Poco dopo però, la Riott reagisce e chiude l’avversaria in una mossa di sottomissione al braccio. Reazione di Bayley che poi prova ad andare dal paletto ma viene colpita da un roll up con la quale Ruby trova solo un conteggio di 2. Le due provano allora una serie di roll up ma non arrivano a nulla. Liv Morgan interviene e distrae l’arbitro. Sarah Logan prova ad entrare. Bayley la allontana ma si distrae e viene lanciata contro il paletto da Ruby che poi connette il Riott Kick e trova il conteggio di 3.

ANALISI: Anche questo match femminile non è dispiaciuto dove Bayley ha provato a tener testa alle continue interferenze di Liv Morgan e Sarah Logan. Distrazioni che, però, gli sono fatali e permettono a Ruby Riott di connettere la sua finisher e vincere il match. Quest’ultima disputa un match alquanto confusionario un po’ come la gimmick del suo team. Riguardo al voto oggi voglio essere buono e dare la sufficienza al match.

VOTO: 6

CURT HAWKINS VS. NO WAY JOSE

RIASSUNTO: No Way Jose arriva sul ring, ma al momento della theme song di Hawkins nessuno si presenta. La musica riparte ma ancora nessuno pare palesarsi, fino a che un ballerino del gruppo di Jose non si toglie la maschera e prova il roll up! È Curt Hawkins! Jose però è lesto a rialzarsi e nonostante il furbo piano anche oggi Hawkins non vince! Jose chiude il match praticamente subito. Hawkins perde ancora.

ANALISI: C’è veramente qualcosa da dire sul match? Per me no.

VOTO: 0

BRAUN STROWMAN VS. KEVIN OWENS VS. FINN BALOR VS. BOBBY ROODE

RIASSUNTO: Il match comincia e Strowman comincia a giocare con i suoi avversari, sbattendoli a destra e sinistra nel ring. I tre allora decidono di allearsi dopo le richieste continue di Owens e si avventano su Strowman. Braun viene messo all’angolo e colpito da una serie di bracci tesi. Poco dopo, però, reagisce e colpisce forte prima Balor e poi gli altri due. Owens si dà alla fuga ma Strowman lo insegue fin negli spogliatoi per poi lanciarlo di nuovo sull’apron per poi lanciarlo contro gli schermi. Strowman non ne ha abbastanza però e dopo aver abbattuto qualche scala, fa allontanare i telecronisti dal tavolo di commento e inizia a liberarlo per poterlo usare. Owens viene preso, ma intanto Balor e Roode prendono una scala e colpiscono ripetutamente Strowman, spingendolo verso il tavolo e sistemandocelo sopra. Owens prende allora la scala, sale in cima e vola da lì con una frog splash! Strowman viene travolto completamente con il tavolo di commento che va in frantumi e con Owens esamine a terra. Sul ring allora cominciano a darsele Balor e Roode, con Balor che colpisce l’avversario con una swing blade e poi con un dropkick, sistemandolo al centro del ring. Balor fa per tuffarsi, ma torna Owens che lo fa impattare con le parti basse sulle corde. Roode allora va per il suplex dal paletto su Balor, ma intanto viene alzato da Owens in una powerbomb! I tre sono tutti a terra! Incredibile però, mentre i tre sono a terra distrutti, Strowman si rialza da sotto ai pezzi del tavolo e sembra voler tornare sul ring. Owens prova a darsi nuovamente alla fuga tra il pubblico, ma viene raggiunto e abbattuto da un colpo al torace. Strowman comincia a correre intorno al ring e travolge i suoi avversari con delle spallate, prima di alzare le braccia al cielo e caricarsi. Sul ring però Strowman viene sorpreso da un enziguri kick di Balor e poi da un dropkick e ancora Coup De Grace! Subito dopo Roode si alza e colpisce Strowman con una Glorious DDT! Prova il conteggio ma arriva Owens che prima salva e poi va dal paletto e colpisce Strowman con un’altra DDT! Va per coprire e 1..2..NO! Incredibile, dopo aver subito le finisher da ogni suo avversario e dopo che nemmeno dieci minuti fa è stato schiantato su un tavolo, il Mostro tra gli Uomini è ancora in piedi! Owens è disperato e prende una scala, colpisce Strowman le prime volte ma poi questo intercetta, lo colpisce con una chokeslam e poi connette la running powerslam su Owens e sulla scala.

ANALISI: Finalmente Raw torna ad avere un main event. Match che ha quasi una storyline dove tutti vanno contro Strowman e riescono a schiantarlo sul tavolo di commento. Così Roode e Balor riescono a scambiare sul ring con delle pause che ci devono essere in questi match ad alto ritmo. Owens che prova a intervenire nel match e riesce in qualche occasione a tenere il controllo. Divertente il segmento dove Strowman si riprende e prende di mira Owens in faccia terrorizzato. Braun, che dopo i soliti attacchi in corsa a bordo ring, subisce una Coupe di Grace, una Glorious DDT e un Frog Splash e riesce a uscire dal conteggio. Owens ci prova con la scala ma ci viene schiantato sopra da Strowman che si è ripreso e riesce a vincere il match. Voto al match non ottimo perché si può fare molto meglio ma a discapito degli ultimi main event ma un incontro molto bello e dinamico. Distinto.

VOTO: 8

RIFLESSIONI: Raw che continua a non brillare con gli squash match ma i fatal four way match riescono a tener su lo show.

Per Smackdown sarà difficile superare un Raw che è tornato sulla media. Ci riuscirà? Vediamolo insieme!

SMACKDOWN

DANIEL BRYAN VS. SHELTON BENJAMIN

RIASSUNTO: Benjamin parte piuttosto aggressivo e attacca Bryan prima in un angolo e poi in un altro. Bryan prova ad applicare uno Yes Lock, ma Benjamin lo blocca. Benjamin atterra Bryan sull’apron e poi lo spedisce fuori dal ring con un colpo al ginocchio. L’arbitro inizia a contare, mentre Bryan si tiene il ginocchio. Benjamin esce dal ring e schianta il ginocchio di Bryan contro il tavolo di commento, facendolo urlare dal dolore. Tornati dal break, Benjamin ha intrappolato Bryan in una half-crab. Bryan riesce a raggiungere le corde e interrompe la presa. Bryan esegue un Dragon Screw leg whip ed inizia a caricare i suoi “yes!” kicks. Bryan atterra Benjamin. Bryan porta Benjamin sulla terza corda, ma lui si libera e sferra un big knee. Quindi, si arrampica ed esegue un superplex, trovando un conto di 2. Alla fine, Bryan intrappola Benjamin in un Heel Hook, costringendolo a cedere.

ANALISI: Match che dalla parte della storyline non ci diceva niente e quindi ci regalavano un match di pieno lottato. E così è stato. Un classico incontro sufficiente dove abbiamo visto mosse di sottomissione mirate alle gambe a eccezione della “Yes! Lock” di Bryan. Un Benjamin non male e un Bryan come sempre sopra la media. Il match che poi termina con Bryan che vince grazie al Heel Hook che da diverse settimane lo porta alla vittoria aiutato anche dalla sua faida con Cass. Voto sufficiente, non male.

VOTO: 6

SAMOA JOE VS. RUSEV (THE MIZ Arbitro Speciale)

RIASSUNTO: Joe carica subito Rusev nell’angolo. Joe scambia qualche parola con Miz e Rusev lo attacca. Joe esce dal ring per rifiatare. Joe spedisce Rusev fuori dal ring ed esegue un suicide dive. Joe atterra Rusev e Miz controlla le sue condizioni. Joe trova un conto di 2. Rusev con un big running splash nell’angolo e un heel kick. Joe evita un Machka Kick e va per eseguire una Coquina Clutch. English va sull’apron per una distrazione e Joe colpisce per errore Miz. Joe schiena Rusev, ma Miz non conta, a causa di quanto appena accaduto. Joe se la prende con Miz. Rusev ne approfitta ed esegue un Machka Kick che gli vale lo schienamento vincente.

ANALISI: Match che mi sarei aspettato molto più lungo e con Miz come arbitro speciale mi sarei aspettato un po’ più di conteggi un po’ lunghi o non fatti proprio (stile Dean Ambrose quando era in faida con AJ Styles). Tuttavia l’incontro dura poco e poi un intervento di English fa in modo che Miz venga colpito da Joe che successivamente viene colpito dal Machka Kick di Rusev che riesce a ottenere la vittoria. Voto per quello fatto vedere sufficiente ma ripeto incontro un po’ corto.

VOTO: 6

JEFF HARDY VS. SHINSUKE NAKAMURA

RIASSUNTO: I due partono subiti molto aggressivi e si attaccano nell’angolo. Jeff ottiene il controllo nella fase iniziale. L’azione si sposta fuori dal ring e Jeff schianta Nakamura contro le barriere. Tornati dal break, Nakamura ha atterrato Hardy al centro del ring. Jeff atterra Nakamura con un forearm ed esegue un inverted atomic drop. Quindi, trova un conto di 2 con un leg drop e un dropkick. Nakamura blocca una Twist of Fate, ma manca un running knee nell’angolo. Quindi, blocca un Hardyac Arrest e atterra Jeff con un big shot. Jeff sale sulla terza corda e realizza un Whisper In The Wind, ma Nakamura resiste allo schienamento. Nakamura tenta una Kinshasa, ma Jeff esegue una Twist of Fate. Jeff trova un conto di 2. Nakamura blocca una Twist of Fate e sferra un low blow a Jeff, facendo scattare la squalifica.

ANALISI: Incontro molto veloce e dinamico con Jeff che mette difficoltà a Nakamura e per qualche istante rischia la vittoria. Match condizionato dalla storyline di Shinsuke che continua a contare gli avversari a terra. Anche la vittoria di Jeff arriva per la squalifica di Nakamura a causa di un low blow dopo aver evitato la Twist of Fate. Incontro che è sufficiente anche con un finale rovinato.

VOTO: 6

CHARLOTTE FLAIR, ASUKA, BECKY LYNCH, LANA & NAOMI VS. PEYTON ROYCE, BILLIE KAY, MANDY ROSE, SONYA DEVILLE & CARMELLA

RIASSUNTO: A dare inizio al match sono Naomi e Sonya Deville. Sonya sferra un calcio a Naomi. Entra in azione Lana e trova un conto di 2 su Sonya. Sonya schianta Lana nell’angolo ed entra in azione Carmella. Carmella tenta un Bronco Buster, ma Lana si scansa. Becky ottiene il cambio e carica su Carmella. Becky trova un conto di 2 su Carmella. Accorre Sonya, ma riceve un calcio da Becky. Carmella ne approfitta, ma viene atterrata da Becky. Becky fa cadere Billie dall’apron, ma Peyton ottiene il cambio e trova un conto di 2. Billie ottiene il cambio e le due attaccano Becky in double team e trovano un altro conto di 2. Entra in azione Sonya. Tornati dal break, Carmella e Billie attaccano Becky. Sonya ottiene il cambio, ma Becky blocca un suplex e trova un conto di 2 grazie ad un roll up. Sonya trova un conto di 2 su Becky con una Spear. Entra in azione Billie e tiene a terra Becky. Charlotte ottiene il cambio. Charlotte sale sulla terza corda per un moonsault, ma Peyton alza le ginocchia. Mandy e Sonya attaccano Charlotte. Entra in azione Asuka che applica subito un Asuka Lock a Mandy, ma la mossa viene interrotta dalle IIconics. Alla fine, Asuka affronta Carmella e la costringe a cedere grazie ad un Asuka Lock.

ANALISI: Molto coraggio per i dirigenti di Smackdown che nel main event schierano le IIconics con Carmella e dall’altra parte Lana. Quattro atlete che non hanno mai brillato sul quadrato. Avevo basse aspettative per questo match dove si rischiava un qualcosa di ancor più deludente. Invece, le donne di Smackdown, mi hanno fatto ricredere. Oltre alle ormai confermate Charlotte, Asuka, Lynch e Naomi il resto si ben comporta portando il match a un livello gradevole. Tuttavia nel match alcuni momenti di confusione come nel finale quando diventa un tutti contro tutti e Asuka rimane sola sopra il ring. Nel dettaglio, però, bene la Deville che non era dispiaciuta neanche la settimana scorsa; una discreta Lana che salva l’incontro dopo il calcio di Carmella su Asuka; Mandy così così mentre deludenti le IIconics. Match che tutto sommato passa velocemente e vede trionfare le partecipanti al MITB Ladder Match.

VOTO: 6.5

 RIFLESSIONI: Per Smackdown uno show godibile con nessun match insufficiente. Una puntata sufficiente come la maggior parte dei match

 

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: CURT HAWKINS vs NO WAY JOSÈ / ROMAN REIGNS vs SUNIL SINGH. A pari merito non posso non dire questi match se si possono chiamare così.

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: BRAUN STROWMAN VS. KEVIN OWENS VS. FINN BALOR VS. BOBBY ROODE. Match, come possono essere i fatal four way, regala divertimento e i ritmi si alzano in un secondo.

CONCLUSIONI: Settimana alla fine buona per entrambi gli show, ma con Smackdown migliore a un Raw in ripresa. Smackdown che questa settimana viene battuto nel main event da Raw. Raw paga gli squash match, Smackdown tutto sufficiente.

 

E anche per oggi abbiamo finito amici di Spazio Wrestling. Non mancate di farmi sapere, come al solito, i vostri pareri e commenti. Vi invito anche a non perdere, domani, Inside Storyline, visti i molti match condizionati dalle rivalità. Io intanto vi do appuntamento alla settimana prossima sempre qui su SpazioWrestling.it. Alla prossima!!