Daniel Bryan “Dopo il ritiro volevo tornare subito a combattere in WWE”

Qualche giorno fa, Booker T ha intervistato Daniel Bryan per il suo podcast Heated Conversations. Entrambi hanno trattato diversi temi e di seguito vi proponiamo l’intervista:

“È stata una vera lotta per molto tempo. Penso che sia perché ho fatto questo per tutta la mia vita da adulto. Ho iniziato a fare Wrestling dall’eta di 18 anni. Penso che una delle cose sia che il Wrestling è il modo in cui mi sono occupato delle cose. Quindi, quando accadono cose brutte nella tua vita, qualunque cosa sia, come ok, ho avuto questo sbocco creativo che stava lottando. Non mi è mai importato di quanti soldi ho fatto o qualcosa del genere. Se qualcosa va male, va bene. Uso la mia creatività. Una delle cose più difficili è stata la morte di mio padre. Ora, quando penso a ciò, non so bene come affliggermi. Sono seduto a casa e mia moglie è in viaggio, e questo è in realtà prima che mi ritirassi dopo il mio intervento al collo, quindi non avevo proprio questa presa per rilasciare questo genere di cose”

”C’era solo un certo punto dopo essere andato in pensione che pensavo non l’avessi mai più fatto. In realtà, una volta che mi hanno riportato come GM e una volta che mi sono seduto in prima fila per quella partita, ho pensato che dovrò tornare a lottare senza se e senza ma. Non sono mai arrivato a quel punto in cui è stato, non potrò mai fare questa cosa che amo di nuovo. Il giorno in cui mi sono ritirato mi sono sentito così. Per i prossimi due mesi, dopo che mi sono sentito così. Il giorno in cui mi sono ritirato, in realtà, era molto difficile perché quello, e stavo cercando di raggiungerlo con il punto di vista dell’accettazione e della gratitudine, ma quest’idea che non volevo essere amareggiato. Non voglio essere triste nel modo in cui l’ho presentato”

FONTE: 411MANIA