WWE: Jonathan Coachman risponde alle accuse di molestie sessuali

Come forse avrete sentito, l’annunciatore della WWE Jonathan Coachman è uno dei tanti ex dipendenti ESPN che sono stati accusati di vari gradi di molestie.

Coachman ha lasciato la WWE nel 2008 dopo aver ricevuto un’offerta da ESPN. Aveva persino richiesto un rilascio anticipato perché non vedeva l’ora di unirsi.

Ha lasciato ESPN solo lo scorso ottobre e, ironia della sorte, non vedeva l’ora di tornare nella WWE. Il cocchiere è tornato nello spettacolo del 25 ° Anniversario di RAW e al tavolo degli annunciatori la settimana seguente, sostituendo Booker T.

Adrienne Lawrence sostiene che Coachman abbia utilizzato il “playbook dei predatori di ESPN”, nel quale si è offerto di guidarla dopo che aveva contattato lui.

Ha detto che le cose hanno preso una svolta personale e dopo aver menzionato il fatto che aveva un fidanzato, ha rotto il contatto.

Afferma inoltre che Coachman ha molestato sessualmente altre dipendenti di sesso femminile presso l’ESPN, tra cui l’ex conduttrice di SportsCenter Sara Walsh. La signora Walsh deve ancora commentare la questione.

Coachman ha ora rilasciato una dichiarazione sulle accuse, proclamando la sua innocenza. Coach ha detto:

“Affronterò il discorso solo una volta perché oggi sono ribollente, in 21 anni di carriera PROFESSIONALE non sono mai stato più offeso nella mia vita, nei miei 9 anni, posso contare su una mano la quantità di volte in cui ho interagito con chiunque altro oltre un co-conduttore. Permettere a qualcuno di diffondere bugie viziose non va bene ed è ora che qualcuno si difenda da solo. @jemelehill ha parlato della sua menzogna ieri sera. Non faccio parte di questa causa perché ho la mia reputazione che parla da sola, e chiunque abbia mai lavorato con me lo sosterrà. Sono anche offeso dal fatto che qualcuno possa pericolosamente buttare i nomi delle persone in qualcosa per il chiaro tentativo di ottenere titoli. Affrontalo perché non faccio parte di questa causa, il mio cuore si rivolge a chiunque sia falsamente accusato di qualcosa, credimi non è bello, ma molti di voi sono stati incredibili e solidali.”
Anche la WWE aveva precedentemente commentato la questione, dicendo:

“Prendiamo molto seriamente queste cose e stiamo investigando”.

FONTE: SPORSKEEDA