AEW: CM Punk parla del suo ritorno e di AJ Lee

CM Punk ha fatto il suo ritorno al wrestling professionistico a AEW Rampage: The First Dance quasi due settimane fa.

Alla star di AEW è stato chiesto ripetutamente perché sia tornato. In un’apparizione in Moose e Maggie di Wean, Punk ha fornito diverse motivazioni che lo hanno indotto a decidere che fosse per lui il momento giusto. Ecco che cosa ha detto Punk:

«Beh, ci sono una serie di ragioni. Ci sono una dozzina di buoni motivi per essere tornato. Quando me ne sono andato non c’era la AEW. Molte persone pensano che probabilmente sarei andato direttamente lì. Non so quanto sia vero, ma vederli fare un grande salto in questi due anni è stato decisivo. Per due anni sono rimasto a gurdare come si sviluppavano le cose. E mi sono reso conto che questo posto è forse tutto ciò che ho sempre voluto nel wrestling professionistico. In realtà, la domanda è: ‘perché non dovrei andarci adesso?’

Essendo stato via per ben 7 anni, a Punk è stato chiesto come cambiato rispetto a come era nel 2014 quando fece alla Royal Rumble la sua ultima apparizione in WWE. Punk ha spiegato di voler continuare a dedicare energia al wrestling professionistico, ma bilanciandone la priorità con la sua vita personale, per mantenersi felice e in salute.

Sette anni sono tanti”, ha detto Punk. “Penso di aver imparato da molti errori che ho fatto. Tirandomi fuori da una brutta situazione.. l’ambiente in cui mi trovavo era progettato per essere così, dovevi proteggere il tuo posto e avere sempre la guardia alta e tutto il resto. Ha davvero spremuto la gioia fuori dalla mia vita. Quindi, sono diverso ora, darò priorità al mio cane, darò priorità a mia moglie. Per così tanto tempo è stato solo wrestling, ed era più facile farlo quando non sei sposato e non hai figli. Ora, penso che il wrestling, anche se può essere una priorità, non deve essere la priorità numero uno. Puó ancora essere qualcosa a cui dedico il 100% delle mie energie, ma non è 24 ore su 24, 7 giorni su 7. E penso che cambierà molto per me, per quanto riguarda l’essere sano e felice”.

Ovviamente nessuna intervista a Punk è completa senza domande su AJ Lee e un potenziale ritorno al wrestling. Mentre Punk ha affermato ancora una volta che l’infortunio al collo le impedisce di tornare, è pur sempre qualcosa che vorrebbe veder accadere.

Mi piacerebbe vederlo. Mi viene posta questa domanda ogni volta che faccio un’intervista e mi piace. Purtroppo credo che non succederà. Fisicamente è minuta e il suo collo è in pessime condizioni. Penso che la durata della carriera per le donne nel wrestling sia molto più breve rispetto agli uomini. E penso che oggi sia concentrata su quello che sta facendo, scrivere sceneggiature. Sta lavorando a un milione di progetti diversi, viene trascinata in così tante direzioni. Penso che anche se potesse e volesse, in questo momento non sarebbe materialmente possibile. È troppo concentrata sulle sceneggiature dei film e sull’adattamento televisivo di un libro a cui sta lavorando”.

FONTE: WRESTLINGINC.COM 



Rispondi