AEW: Tony Khan rivela come e perché ha avviato la AEW

In una nuova intervista con Business Insider, il presidente dell’AEW Tony Khan si è aperto sulla decisione di avviare la All Elite Wrestling nel gennaio 2019, ammettendo che il numero di free-agent disponibili sul mercato in quel momento era un’opportunità troppo buona per lasciarsela sfuggire.

“C’erano così tanti lottatori senza contratto o con il contratto che stava per scadere entro il 2019”, ha detto Khan.

Il comproprietario dei Jacksonville Jaguars ha aggiunto che suo padre, Shahid Khan, non era convinto quanto Tony che una nuova società di wrestling avrebbe avuto successo. Ma visto che i soldi alla fine sarebbero passati a lui, Shahid ha dato a Tony l’opportunità.

“Mio padre si aspettava che fallisse, ma l’ho convinto a fare un salto nel buio”, ha detto Khan. “Mi ha dato i soldi perché ha detto che li avrei ereditati comunque, quindi potrei anche ‘buttarli subito'”.

Tony crede che l’intenzione originale della AEW di essere un’alternativa si sia evoluta in qualcosa di più grande. Ma incoraggia anche i fan a guardare qualunque cosa attiri la loro attenzione, poiché ci sono molte opzioni da vedere.

“Uno dei motivi per cui la AEW è davvero popolare è che è una grande miscela di stelle che hanno acquisito esperienza lottando in altri luoghi assieme a stelle che sono cresciute organicamente”, ha detto Khan. “Deve essere una buona miscela di giovani star e star affermate. Quando abbiamo iniziato, siamo partiti da zero. Ora siamo solo una grande compagnia di wrestling. Ma i tifosi non devono fare una scelta”.

FONTE: WRESTLINGINC.COM 



Rispondi