Cody: “Ho imparato tante cose da mio padre per il booking”

È difficile non notare le somiglianze tra la carriera di Cody e quella di suo padre. Soprattutto ora che si trova a dirigere a livello creativo una federazione di wrestling. Cody ha parlato recentemente con l’ESPN di ciò che ha imparato da suo padre e che porterà con sé nel suo nuovo ruolo con All Elite Wrestling.

“Mio padre è stato produttore esecutivo di WCW ed è stato il booker di Jim Crockett Promotions”, ha detto Cody. “Ho imparato tanto da essere suo figlio. Sarò onesto – non mi piace quando gli altri lo dicono, ma posso dirlo – ho imparato dalle cose che ha fatto bene e ho anche imparato dalle cose che ha sbagliato perché ha dovuto vivere con loro per un buona parte della sua carriera. Ha avuto un sacco di critiche.”

Cody ha ribadito che i wrestler debbano avere una certa libertà creativa.

“Una cosa che stiamo cercando di fare qui è lasciare che i ragazzi escano e suonino la loro musica”, ha continuato. “Se investo in un talento come, ad esempio MJF [Maxwell Jacob Friedman], non è il mio lavoro microgestirti.”

Il 33enne è considerevolmente più giovane di molti di quelli che sono stati messi in situazioni simili. Tuttavia, Cody è nato nel wrestling professionale ed è motivato a creare cambiamenti positivi nel settore. Crede che il talento con libertà creativa sarà un fattore chiave del cambiamento nel business.

“Se guardiamo al periodo di massimo splendore della WWF alla fine degli anni ’80 e al tipo di wrestling che amo molto, quelli erano uomini cresciuti che sapevano quale fosse la direzione, hanno ottenuto un traguardo, hanno avuto un tempo e sono andati là fuori e consegnato ciò che hanno consegnato. Non era qualcosa che era microgestito. Forse leggermente consigliati, ma erano le stelle, quindi perché microgestirli? Non gestiremo nessuno “.

 

FONTE: SEScoops.com