NJPW: Kenny Omega parla di Okada e del 2016

La sezione “Extra Mustard” di Sports Illustrated ha chiesto a Kenny Omega un suo parere sul suo prossimo match contro il campione dei pesi massimi IWGP, Kazuchika Okada, a Dominion l’11 giugno. Ecco alcuni dei punti salienti:

Mantenere una forma fisica sana prima del suo ritorno contro Okada:

“Okada e io abbiamo avuto il miglior tour di Best of the Super Juniors  e sono stati fatti dei miracoli per la mia salute sia fisicamente che mentalmente. Anche se sono passate solo alcune settimane, sono migliorato fisicamente, sono guarito da varie lesioni fastidiose e ho trovato nuove fonti di ispirazione per i match futuri. Penso a cose importanti come il rematch con Okada, sto sempre pensando alla mia narrazione per tutto l’anno e immagino idee o elementi nuovi nella mia testa per un uso futuro. Alla fine della giornata, sono un wrestler professionista, quindi ci sarà sempre un sacco di dettagli al di là del mio controllo. Ecco dove avere idee e modi per modificare situazioni sfavorevoli “.

Volendo massimizzare la sua performance:

“Vincere, perdere, regnare  … sì, possono essere importanti, ed per alcuni è tutto. Come esecutore, voglio massimizzare tutte queste situazioni se il mio personaggio è al centro della storia o no. Nel prossimo incontro con Okada, che ho già detto in precedenza, spero di creare qualcosa di molto diverso rispetto al mach di Tokyo Dome. In realtà sarebbe facile copiare la vecchia formula per una facile valutazione di 4.5, ma non sono mai stato un tipo del genere”.

La sua evoluzione dell’ultimo anno:

“Penso che questo è il motivo per cui sono particolarmente orgoglioso del mio anno nel 2016. E ‘stato un viaggio incredibile che non avevo minimamente preparato. Sono stato quasi costretto a crescere a causa delle circostanze (le partenze di AJ e Shinsuke Nakamura) e ad evolvermi in volo. In un certo senso, tutti i miei sostenitori e i sostenitori della NJPW hanno preso il viaggio con me, cosa che ha reso tutto più speciale. La serie online di ‘Being The Elite’ con i Bucks ha anche aiutato molto a raccontare la storia umana che a volte manca nel pro wrestling “.

Francesco Muolo

Nato nel 1995, sono un grande fan della WWE dai tempi di Smackdown con Ciccio Valenti. Dopo la morte di Eddie Guerrero, mi sono allontanato dal mondo del pro-wrestling, per poi ritornare sui miei passi nel 2012. Ho ampliato i miei orizzonti, avvicinandomi al mondo della NJPW e del Bullet Club.