giovedì, Maggio 23, 2024
HomeNewsNJPW: Marty Scurll spiega la differenza fra lui e Will Ospreay

NJPW: Marty Scurll spiega la differenza fra lui e Will Ospreay

Marty Scurll è stato intervistato dalla New Japan Pro Wrestling su un certo numero di temi di wrestling. Ecco alcuni dei punti salienti:

La differenza tra Will Ospreay e lui:
“C’è una differenza tra me e Will Ospreay. Will è ovviamente un’atleta incredibile, può fare delle cose sul ring che nessun altro può fare ed è un talento fuori dal comune. Ma al tempo stesso Will non è un grande rappresentante del mio paese, forse non posso fare metà delle cose che può fare lui, ma la verità è che se i tifosi hanno la possibilità di guardare Marty Scurll o Will Ospreay, sceglieranno di guardare me, perché sono autentico, reale, organico, quando mi vedono, sanno cosa vedono. Con Ospreay, una volta che hai visto com’è incredibile e atletico, non c’è molta sostanza o profondità, ma con The Villain, ci sono molti strati. I nuovi fan del Giappone hanno appena cominciato a vederlo. ”

I wrestlers del Regno Unito che arrivano in Giappone:

“La Gran Bretagna ha sempre avuto lottatori straordinari che hanno continuato a farsi un nome da soli. Soprattutto qui nella New Japan, c’erano ragazzi come Dynamite Kid, Steven Regal e l’originale Black Tiger, Mark ‘Rollerball’ Rocco. Ma si sono fatti un nome, perché sono stati eccellenti per il loro stile europeo, che nessuno in Giappone aveva visto prima, ma il wrestling britannico è crollato per un po ‘quando è stato tolto dalla TV. Ho lottato davanti a 10 a 20 persone per pochissimi soldi [ride], così ho visto tutto! Così ho iniziato. Quindi è molto umile per me avere una piattaforma di questo tipo alla New Japan per fare quello che amo “.

Il suo abito e ombrello:

“L’ombrello è un segno del mio paese, che sono sempre orgoglioso di rappresentare. Se si guarda l’attrezzatura di Will Ospreay, o in particolare la marcia di Zack Sabre Jr., vedrai che sono coperti nell’Unione Jack, la bandiera britannica, non volevo essere così ovvio, volevo essere più sottile, proprio come tutto il mio approccio al wrestling, volevo essere diverso, fare cose che gli altri non non hanno mai fatto. Il tempo è piuttosto miserabile nel Regno Unito, molto spesso piove e l’ombrello è un cenno a questo, e mi permette di ricordare alle persone da dove vengo. Le maschere d’altra parte, rappresentano il mio “demone”. Spesso dicono: «Se mi liberassi dei miei demoni, non avrei nessun angelo». Significa che, nonostante la mia lotta nel wrestling professionale, è stato tutto necessario arrivare al punto in cui sono adesso. Non puoi avere successo senza tempi duri. Ho dovuto lavorare duramente per venire qui e far parte di questa società. La maschera è una buona rappresentazione di queste lotte che ho fatto e sono orgoglioso di mostrarle. Mi piace spiegare alle persone che nessuno è perfetto, ma puoi ancora andare a trovare la felicità e la sostanza nella vita.”

ULTIME NOTIZIE

ULTIMI RISULTATI