Rainmaker Cafè: Wrestle Kingdom 13

La New Japan Pro Wrestling ha fissato un’asticella incredibilmente alta per il loro Tokyo Dome. E ‘stato un grande spettacolo. Non è stato lo spettacolo eccezionale, migliore di tutti i tempi, ma una notte forte e stimolante, adornata dal tipo di qualità in-ring che ci si aspetta dalla NJPW, con un incontro specifico che potrebbe essere il “Match Of The Year” solo quattro giorni dall’inizio dell’anno

Coloro che hanno saltato il pre-show hanno perso diversi annunci. La NJPW ha lanciato una grande bomba per Wrestle Kingdom 14: lo spettacolo della compagnia si svolgerà per due serate consecutive, entrambe tenute all’interno del Tokyo Dome, nel 2020. Questo è enorme. Più di 38.000 persone si sono riversate nello stadio la scorsa notte ed è fantastico che la New Japan sia anche nella posizione finanziaria per fare una mossa così cocente. Dovrà certamente garantire quasi anche una costruzione immacolata, poiché le conseguenze (sia in termini di affari che di potenziale) in caso di un Tokyo Dome piena di posti vuoti sarebbero mostruose. Sono state annunciate altre date, tra cui uno spettacolo a Londra presso la Copper Box Arena di 7.500 posti il ​​31 agosto, continuando le escursioni europee iniziate nel 2018. Il modo in cui gli affari della NJPW saranno influenzati dalla emergente compagnia, All Elite Wrestling, resta ancora da vedere, in particolare fuori dal Giappone. Indipendentemente da ciò, questo è incoraggiante. Anziché essere scossa dalla comparsa di una nuova compagnia, la seconda più grande promoter di wrestling è stata autorizzata a spingere più forte verso le loro ambizioni più che mai.

L’estetica è importante. Quando la scenografia sembra grande e audace, anche lo spettacolo, poi, sembra ancor più grande e audace. WrestleMania ha un budget di gran lunga superiore rispetto a qualsiasi altro pay-per-view per la sua importanza. La New Japan, di solito, fa un ottimo lavoro con Wrestle Kingdom a riguardo. L’anno scorso c’era un gigantesco occhio di Tetsuya Naito che sovrastava l’edificio che trasmetteva un simile senso di grandezza. In confronto, WK13 è stata poco brillante. Tutto quello che hanno fatto, è stato mettere uno schermo leggermente più grande del solito e il solito ampio palco. Questo è tutto. Niente fantasia, niente migliorie in più … niente. E’ mancato un fattore importante ed è un peccato che il nuova dirigenza abbia deluso da questo punto di vista.

La main card di Wrestle Kingdom 13, vedendola, può sembrare molto piena e lunga, ma lo spettacolo ha avuto un ritmo cosi veloce che non è stato per niente pesante. Erano passate solo due ore e mezzo quando abbiamo visto Chris Jericho contro Tetsuya Naito, il penultimo incontro. Questa caratteristica ha avuto due aspetti, in quanto diversi incontri sono stati tagliati di conseguenza. Indipendentemente da ciò, le quattro ore si sono sentite significativamente più brevi dal vivo e nel momento. Tale è il potere di uno spettacolo ben organizzato. Non sembrava nemmeno un tradizionale spettacolo della New Japan, dato che un match come Will Ospreay contro Koya Ibushi di solito sarebbe stato inserito nella parte alta della card. Invece, cosi facendo, hanno riscaldato bene il pubblico, anche se, poi, le cose si sono raffreddate in seguito, fino all’arrivo di un finale strepitoso.

Pre show – Gauntlet match to determine the #1 contenders to the NEVER Openweight 6-Man Tag Team Championship: Most Violent Players (Togi Makabe and Toru Yano) and Ryusuke Taguchi vs. Yuji Nagata, Jeff Cobb and David Finlay vs. Chaos (Hirooki Goto, Beretta and Chuckie T.) vs. Suzuki-gun (Minoru Suzuki, Lance Archerand, Davey Boy Smith Jr.) vs. The Elite (Hangman Page, Yujiro Takahashi and Marty Scurll)

La NJPW ha dato più tempo del solito al Pre-show. Appropriato, considerando che erano coinvolte grandi star come Hirooki Goto e Minoru Suzuki, ma non c’è troppo da entusiasmarsi. I primi 19 minuti, nella quale si sono viste ben poche cose, a parte la rivalità fra David Finlay e i suoi ex rivali, Hangman Page, Marty Scurll e Yujiro Takahashi. Tutto è cambiato quando il team, formato dal giullare Toru Yano, ‘King Of Ass Style’ Ryusuke Taguchi, e Makabe, è sceso in campo. Hanno ottenuto un buon po’ e, infatti, con il loro ingresso, la folla è diventata viva e l’atmosfera si è riscaldata. Anche se niente di rivoluzionario, il loro scontro contro Minoru Suzuki, Davey Boy Smith Jr. e Lance Archer ha colpito nel segno. È stata veloce, divertente e con il giusto livello di stupidità, in particolare quando Yano ha interrotto l’azione per chiedere consiglio al Coach, Taguchi, mentre si faceva strada nel team di Suzuki. Dopo aver riunito il team di Most Violent Players per la prima volta dopo quasi un decennio, Yano e Makabe si sono uniti a Taguchi ottenendo una vittoria. Non sono riusciti a battere questa notte il Bullet Club a New Year Dash, nonostante l’ottima performance.

Voto: ***

 NEVER Openweight Championship: Kota Ibushi (c) vs Will Ospreay

C’era una buona probabilità che questo incontro potesse essere una delusione completa e totale. ‘The Aerial Assassin’ è appena uscito da un infortunio durato un mese e ha combattuto solo una volta da Ottobre. Il fatto che fossero stati posti nell’open card aveva sollevato molti dubbi, poiché, tradizionalmente, il primo incontro si tratta sempre di un match di coppia e mediamente ha una durata di 8-10 minuti. Poi, ovviamente, c’erano le altissime aspettative da parte di molti che lo identificavano come uno dei loro incontri più attesi della serata (incluso il sottoscritto). Fortunatamente, Ospreay e Ibushi  hanno avuto un’eccellente incontro di 18 minuti. Il match è stato pieno di atletismo, di altissimo livello, imbevuto di grande calore, fisicità e, naturalmente, un elemento forte di spericolatezza. Will, vincendo, è diventato il primo peso leggero a conquistare questa cintura in tanti anni e la sua mossa finale, Strormbreaker, ha visto Ibushi uscire su una barella. Speriamo che il suo infortunio sia un work, ma “The Golden Star” ha dimostrato ancora una volta il suo coraggio, dimostrandosi uno dei migliori wrestler al mondo, e la sua prestazione disinteressata ha reso Ospreay una potenziale stella per la categoria dei pesi massimi.

Voto: ****

IWGP Junior Heavyweight Tag Team Championship: Suzuki-gun (Yoshinobu Kanemaru and El Desperado) (c) vs. Roppongi 3K (Sho and Yoh) vs. Los Ingobernables de Japon(Bushi and Shingo Takagi)

Anche se un po ‘ostacolato da un tempo di durata inferiore ai sette minuti, il match per i IWGP Junior Heavyweight Tag Title è stato migliore dell’incontro di coppia per i pesi massimi. La sua brevità non è necessariamente un problema. Meglio aver “rubato” qualche minuto in questo incontro, in uno spettacolo così grande, piuttosto che diminuire il minutaggio in Ospreay vs. Ibushi o in Tanahashi contro Omega. I campioni sconfitti El Desperado e Yoshinobu Kanemaru sono stati a malapena coinvolti, mentre il loro lungo regno si è concluso. Invece, l’incontro si è ridotto ad un duello fra Shingo Takagi / BUSHI e i Roppongi 3K, con i ragazzi dei Los Ingobernables de Japon che hanno vinto i titoli,  grazie ad una grande performance di Shingo che ha vinto con il Last Of The Dragon. Come nell’incontro dei pesi massimi, il fatto che i campioni abbiano perso la cintura senza essere stati schienati. mantiene le cose aperte per una possibile rivincita futura in tutti e due i casi. Anche dare una cintura a Shingo così presto è grandioso. E’ stata una grande star in Dragon Gate e sarà lo stesso anche nella New Japan.

Voto: ***1/4

British Heavyweight Championship: Tomohiro Ishii (c) vs. Zack Sabre Jr.

Zack Saber Jr. vs Tomohiro Ishii era esattamente quello che ci si aspetta da un match di 12 minuti contro Tomohiro Ishii: uno scontro irresistibile di stili tra due lottatori di livello mondiale con una chimica palpabile all’interno del ring. Hanno raccontato la loro solita storia, con il brutale atteggiamento di Ishii che si è scontrato con la tecnica tagliente di ZSJ. Le prese di sottomissione complesse sono state neutralizzate con il potere e lo spirito combattivo. Zack, nel frattempo, ha pagato a caro prezzo ogni volta che ha cercato a giocare al gioco di Ishii, però la sua intelligenza e la sua tecnica sono stati sufficienti per dominare il temibile ‘Stone Pitbull’ alla fine. Avendo passato gran parte dell’incontro decimando il braccio di Ishii, Zack ha chiuso il suo avversario all’interno dell’ European Clutch, intrappolando entrambe le braccia e facendo cedere Tomohiro Ishii. La conclusione era ben prevista, ma è stata quella giusta. Dopo aver trasformato ZSJ in una stella del mdicard nel 2018, la New Japan gli ha appena regalato una grande vittoria all’interno del Tokyo Dome, preparandolo per un altro anno di crescita. Ishii, nel frattempo, rimarrà tra i migliori interpreti dei big match della NJPW, avendo una grande costanza nei suoi incontri.

Voto: ***1/4

Voto: ***1/2

IWGP Tag Team Championship: Guerrillas of Destiny (Tama Tonga and Tanga Loa) (c) vs. Los Ingobernables de Japon (Sanada and Evil) vs. The Young Bucks (Matt Jackson and Nick Jackson)

Un singolo match tradizionale tra due tag team sarebbe stato chiedere troppo a questo show? Invece di prendere la strada facile, la New Japan ha deciso di inserire nello scontro un altro team. Entrambi i match per i titoli di coppia hanno sofferto per questo, ma nessuno dei due incontri è stato del tutto negativo e per qualcuno potrebbe persino aver superato le aspettative tiepide. Dopo 10 minuti e mezzo, è stata un incontro  buono, solido, ben strutturato, con la capacità stellare di Matt Jackson di vendere i colpi ricevuti e una manciata di mosse strepitose. Tutto ciò ha portato alla fine del regno dei Guerrillas of Destiny. La sconfitta di The Young Bucks sembra allontanarli dalla federazione nipponica. Con l’annuncio di All Elite Wrestling, ci si deve chiedere quanto tempo e impegno si possano permettere per lavorare con la NJPW. Per EVIL e Sanada, vincere i titoli al Tokyo Dome è stata la giusta scelta, data per la loro immensa popolarità. Il fatto che abbiano raccolto la vittoria senza schienare The Guerillas of Destiny, come detto prima, ha creato almeno una rivincita che, si spera, migliorerà la ribaltà di Tonga e Loa, soprattutto considerando il loro status come Firing Squad del Bullet Club.

Voto: ***1/4

 IWGP United States Championship: Cody (c) vs. Juice Robinson

L’incontro sbagliato per la folla sbagliata nello spettacolo sbagliato nell’edificio sbagliato, Cody vs. Juice Robinson non ha toccato le giuste corde. Questo è sorprendente. Mentre molti lo consideravano un’incontro tra i attesi della notte, pochi avrebbero potuto prevedere che sarebbe funzionato cosi male. E’ il tipico match da mid-card in stile WWE pieno di fumo, doppi giochi, stupide interferenze, distrazioni, proteste contro gli arbitri e Robinson che si faceva prendere in giro da tutto questo. Ciò non significa che il loro ritmo sia stato sbagliato, ma hanno presentato una pantomima a un pubblico che voleva un’opera. Non era nemmeno una bella pantomima. Non è durato neanche nove minuti. E’ cosi strano che la New Japan abbia messo in piedi un tale incontro, anche se almeno hanno scelto il vincitore giusto. A parte le considerazioni relative all’AEW, l’affabile e accattivante Juice è l’uomo giusto per aiutare l’espansione americana della NJPW nella sua prossima fase. Una scelta soddisfacente alla fine di un viaggio insoddisfacente. Cody di solito è così fantastico anche in questi ambienti di intrattenimento sportivo. Questo è ciò che è più frustrante.

Voto: **

IWGP Junior Heavyweight Championship: KUSHIDA (c) vs. Taiji Ishimori

KUSHIDA contro Taiji Ishimori poteva essere un grande match. Avevano fatto un grande lavoro, avevano fatto un’ottima costruzione per stabilire “Bone Soldier” come nuovo perno della divisione dei pesi leggeri. Il problema è che hanno perso un’ottima occasione, poichè c’era bisogno di avere più di un semplice incontro al Tokyo Dome Non solo perché era uno dei momenti più attesi della notte dal punto di vista della qualità, ma c’era soprattutto il bisogno di un trampolino di lancio per Ishimori dopo mesi di mediocrità all’interno della divisione. Non è colpa della New Japan, poiché non avrebbe potuto prevedere l’orribile infortunio di Hiromu Takahashi. Hanno ricevuto pesante perdita e hanno deciso di dare la cintura ad una presenza sicura e costante come KUSHIDA. Nessuno può criticarli per questo. È un dato di fatto che il quarto trimestre del 2018 è stato così poco gratificante per la divisione leggera, che c’era proprio bisogno di un grande match. Perché i booker non hanno dato a questi ragazzi 20-25 minuti e la possibilità di provare a rubare la scena, per dimenticarsi gli ultimi mesi? ‘KUSHIDA sta per raggiungere la WWE’ è la risposta più probabile. Questo spiegherebbe molto, ma se anche cosi fosse, questo è un uomo che è considerato il miglior peso leggero degli ultimi 10 anni della New Japan. Se questo fosse “addio”, meritava un’uscita più importante. Non possiamo fare a meno di sentirci delusi per questi 11 minuti e l’incontro si è concluso proprio quando entrambi stavano per ingranare la marcia giusta.

Voto: ** 1/4

Kazuchika Okada vs. Jay White

Un colpo di genio del team creativo. Inizialmente Kazuchika Okada sembrava fosse riemerso finalmente dall’universo distrutto in cui vagava da quando aveva perso il titolo dei pesi massimi. Quando il miglior wrestler al mondo era uscito per la prima volta in veste di vero “Rainmaker”, senza più quei brutti pantaloni, senza i capelli rossi e senza quella musica techno. sembrava che la divinità, che regnò sulla New Japan per 720 giorni, fosse tornata … o almeno così sembrava. Imbastito ancora una volta dalla sua vecchia fiducia, spavalderia e spettacolarità, la rinascita del “The Rainmaker” avrebbe dovuto garantire la sua vittoria. La New Japan ha ingannato tutti, dal momento che la sua theme song è partita, quando tutti erano sicuri che avrebbe vinto. Invece ha perso. È geniale. Il wrestling migliore è spesso quando ti sorprende e questa semplice costruzione ha creato la sorpresa più grande di tutti a WK13. Jay White ha schienato il suo nemico, diventando di conseguenza il primo contendente al titolo massimo. Vedremo nei prossimi giorni se sarà lui il prossimo sfidante di Hiroshi Tanahashi. Per ora, apprezziamo solo la grande costruzione di questo giovane che sta facendo molto bene. La domanda che voglio porvi è dove vogliono arrivare con Okada, avendo fallito contro ‘Switchblade’ anche nella sua forma più forte.

Voto: ***3/4

IWGP Intercontinental Championship: Chris Jericho (c) vs. Tetsuya Naito

Chris Jericho contro Tetsuya Naito era tutto ciò che poteva e doveva essere. Una rissa amara e violenta, non è stata così sconvolgente come lo scontro tra Alfa vs Omega dello scorso anno, ma è stata lo stesso molto coivolgente. In linea con le loro minacce pre-match, questi due hanno combattuto come se stessero cercando di mettere fine alla carriera l’uno dell’altro, creando un capolavoro con richiami ai loro precedenti scontri. Va evidenziata una performance incredibile di livello mondiale da parte di Naito, che ha speso molto per dare a Jericho la giusta credibilità. In questo incontro c’è stato di tutto. Un piledriver sulla rampa. Un DDT su un tavolo che si è rotto.Sedie, kendostick e di tutto e di più. E ‘stata un’esecuzione quasi perfetta dello stile hardcore degli anni ’90. Un altro successo per Jericho nella federazione nipponica. Naito ha ottenuto grandi successi, dopo aver appreso dagli errori del passato per sconfiggere finalmente l’ex star della WWE. Chris Jericho è un vero esperto intrattenitore che non ha perso nulla nonostante la sconfitta, e se tornerà, non avrà problemi a mantenere la sua credibilità. Questo era esattamente il match che Jay White aveva bisogno oggi all’interno del Tokyo Dome.

Voto: ****1/2

IWGP Heavyweight Championship: Kenny Omega (c) vs. Hiroshi Tanahashi

Frasi come “instant classic” vengono utilizzate molto in questa era. Mai prima d’ora la lotta di livello mondiale aveva raggiunto tali livelli e con standard atletici ai massimi storici. Atleti come Kenny Omega e Hiroshi Tanahashi, che continuano a spingere al massimo, alzano sempre di più l’asticella delle apsettative ed è ovvio che oramai il main event di Wrestle Kingdom deve mantenere certi livelli, altrimenti potrebbe essere una delusione.  Tanahashi vs Omega è stato un incredibile match. Incredibile. E’ stato il culmine dell’arte e il perfetto incrocio tra atletismo, narrazione, emozione, atmosfera, psicologia e tutto il resto che rende meraviglioso questo incontro. Più di una resa dei conti tra due nemici, è stata la battaglia per il futuro della New Japan. Tanahashi, la vecchia guardia, ha cercato di salvare la sua forma d’arte dallo stile pericolosamente dannoso di Omega. Tanahashi ha colpito Omega non solo per sconfiggerlo, ma per abbatterlo completamente, anche se la situazione lo ha visto costretto a combattere allo stesso gioco ad alto rischio di Omega in più di un’occasione. Il tradizionalismo ha vinto. Strong Style ha conquistato “The Cleaner”. Considerare questo incontro come un mero scambio di mosse non può renderli giustizia. Ogni mossa ha avuto un significato ben preciso. Hiroshi Tanahashi, l’uomo che ha salvato la New Japan Pro Wrestling dai fallimenti, ha conquistato il suo ottavo IWGP Heavyweight Championship a Wrestle Kingdom 13, abbattendo il favorito occidentale Kenny Omega. E ‘stata la decisione giusta. Questa storia ha richiesto una vittoria di Tanahashi. La sua apparente caduta dallo status di Ace dopo Wrestle Kingdom 10 ha contribuito a creare la perfetta storia di un ritorno. Un commovente post-match, tradotta dal meraviglioso Chris Charlton in commento, ha visto un Tanahashi umano che è crollato psicologicamente e, pieno di lacrime, ha ringraziato coloro che lo avevano portato fino a questo punto, e ha promesso la sua immortale dedizione al IWGP Heavyweight Championship.  Chissà cosa significa questo per il futuro di Kenny Omega. Per ora, però, la New Japan è tornato all’uomo più importante. The Ace è tornato, lunga vita ad The Ace.

Voto: *****

Con questo è tutto. Wrestle Kingdom 13 oramai è gia nell’archivio e adesso puntiamo forte a New Beginning, che si svolgerà a fine Gennaio. Io vi saluto e vi auguro una buona Epifania.

 

 

Francesco Muolo

Nato nel 1995, sono un grande fan della WWE dai tempi di Smackdown con Ciccio Valenti. Dopo la morte di Eddie Guerrero, mi sono allontanato dal mondo del pro-wrestling, per poi ritornare sui miei passi nel 2012. Ho ampliato i miei orizzonti, avvicinandomi al mondo della NJPW e del Bullet Club.

Lascia un commento

1
Aggiungi il numero di telefono di Spazio Wrestling 3921662421 per ricevere tutte le notizie su Whatsapp
Powered by