lunedì, Luglio 15, 2024
HomeNewsWWE: 5 ragioni per cui CM Punk dovrebbe (o non dovrebbe) tornare...

WWE: 5 ragioni per cui CM Punk dovrebbe (o non dovrebbe) tornare in WWE

Phillip Jack Brooks, meglio conosciuto al mondo come CM Punk, è senza ombra di dubbio un personaggio di cui si fa un gran parlare, soprattutto dopo il suo rilascio dalla WWE.

Gli appassionati di wrestling ammirano ancora la tecnica e la furbizia di Punk, mentre i fan occasionali apprezzano il suo lavoro al microfono.

Ad oggi, ci sono possibilità per il suo ritorno agli eventi della WWE in tutto il mondo. Ma quanto è probabile che ciò accada? Ecco cinque motivi per cui CM Punk potrebbe tornare in WWE, ma anche cinque motivi per cui non dovrebbe tornare, presi dal noto sito Sportskeeda.

5 motivi per cui potrebbe tornare

#1 la WWE sta promuovendo talenti della sua taglia

Per la maggior parte del tempo, la WWE ha cercato solo quei lottatori di almeno sei piedi due e almeno duecentocinquanta libbre. Le eccezioni a questa regola erano rare e solitamente coinvolgevano talenti già formati altrove.

In questi giorni, tuttavia, ci sono una moltitudine di lottatori più piccoli e veloci che hanno un enorme impatto in WWE; AJ Styles, Shinsuke Nakamura e Dolph Ziggler per esempio.

#2 affari in sospeso con Brock Lesnar

L’ultima volta che Punk ha affrontato Brock Lesnar, non ha avuto moltissima fortuna.

Un match tra The Beast Incarnate e Punk avrebbe fatto la gioia di fan e creativi. Punk potrebbe rientrare in un ruolo in cui ritorna nella compagnia ed è l’uomo che finalmente sconfigge Lesnar, e i fan diventerebbero assolutamente pazzi di lui.

#3 l’uso dei part-timer

Per molto tempo, il requisito principale per essere una superstar della WWE era la volontà di disputare gli show dell’azienda non solo come lavoro, ma come stile di vita.

Ci si aspettava che i lottatori fossero in viaggio per più di 300 giorni all’anno e si perdessero cose come i compleanni dei bambini e le lauree. Coloro che si sono lamentati del rigoroso programma sono stati ridicolizzati o addirittura spinti verso il basso.

Avanzando fino al 2018 notiamo che le cose sono leggermente cambiate. La WWE ora ha diverse stelle sotto contratto part-time, come Brock Lesnar. Con la divisione dei roster, consentono anche alla Superstar più tempo da trascorrere a casa.

Per un Punk non più al top della forma, tale accordo a tempo parziale potrebbe andare a beneficio di tutte le parti interessate.

#4 la carriera di Punk nelle MMA

Mentre c’è stato un grande interesse per il primo combattimento UFC di CM Punk, la sua rapida sconfitta da parte di Mickey Gall ha ampiamente svanito l’interesse.

Brock Lesnar e Bobby Lashley sono stati in grado di passare con successo alle carriere MMA, ma erano anche in grado di vincere. A meno che Punk non sconfigga decisamente il suo prossimo avversario, probabilmente non gli verrà offerta un’altra possibilità di combattere nell’ottagono.

#5 un’opportunità lucrativa

Nonostante il fatto che Punk non sia molto apprezzato dalla direzione della WWE, la compagnia è sempre stata pronta a incassare la sua popolarità.

Con lottatori come Brock Lesnar e Chris Jericho che lavorano per le grandi aziende con contratti part-time ma molto redditizi, Punk potrebbe fare una buona quantità di denaro senza dover lavorare a tempo pieno.

5 motivi per cui NON potrebbe tornare

#1 i tanti infortuni

Punk ha iniziato la sua carriera quasi venti anni fa e per la maggior parte del tempo ha gareggiato a un livello fisico insanabile, che hanno usurato il suo corpo.

Punk ha avuto diversi interventi chirurgici e ferite fastidiose che peggiorerebbero con il ritorno alla lotta a tempo pieno.

#2 ponti bruciati

CM Punk è noto per la sua schiettezza. Tuttavia, questa tendenza lo ha portato in cattive acque con la  WWE.

Non è un segreto che Punk sia andato contro la gestione della WWE, riguardo la direzione creativa del suo personaggio. È stato anche abbastanza esplicito riguardo le critiche al suo staff medico, che hanno anche portato all’accusa da parte di un medico della WWE per diffamazione.

#3 l’odio verso Triple H

Mentre molti fan sanno del fatto che CM Punk e Triple H hanno avuto le loro differenze nei ring di wrestling come performance, la maggior parte non sono consapevoli del fatto che la loro faida si sia trasportata nel backstage.

Punk credeva di essere degno di essere il “The Guy” che portava avanti la compagnia, mentre Triple H era più coinvolto con talenti affermati come John Cena e Randy Orton. Parecchi disaccordi verbali divennero piuttosto accesi, e alcune cose molto dolorose furono dette da entrambe le parti.

#4 la disillusione nel wrestling professionistico

Dopo sedici anni di vendita del suo corpo e della sua buona salute, a volte per meno di cento dollari a notte, CM Punk potrebbe essere semplicemente stanco di tutto il gioco del wrestling.

Dal lungo tempo trascorso sulla strada alle restrizioni imposte alle sue altre attività da parte del management, Punk è diventato un po ‘disilluso dal business, come lui stesso ha dichiarato.

#5 il licenziamento nel giorno del suo matrimonio

Durante uno dei suoi numerosi impegni con la gestione della WWE, CM Punk è finito per “guadagnarsi” una sospensione di due mesi. Quando la sospensione è finita, non è stato contattato dalla direzione della WWE finché non ha chiesto i pagamenti delle royalties che credeva gli fossero dovuti.

La società finì di spedire i suoi documenti per la risoluzione del contratto nel giorno del suo matrimonio con l’ex campionessa Divas AJ Lee, facendo rimanere l’atleta piuttosto amareggiato dal tempismo della WWE.

FONTE: SPORTSKEEDA

ULTIME NOTIZIE

ULTIMI RISULTATI