AEW: Quali saranno le cose innovative?

Secondo il vicepresidente esecutivo della AEW Cody Rhodes, l’All Elite Wrestling sarà un prodotto molto meno sceneggiato di quello a cui i fan sono abituati. Di fatto, la AEW non assumerà alcun scrittore per il prossimo futuro. Come la vede Cody, i wrestler sono gli “scrittori” e l’ultima cosa che vuole fare è gestire il talento in modo microscopico.

Durante la nostra intervista esclusiva con Cody all’inizio di questa settimana, abbiamo chiesto in che modo il prodotto AEW sarà diverso dal marchio WWE. Oltre a un prodotto più sportivo, Cody dice che il talento sarà gestito con dei punti punti importanti e allentati, non con script lunghi.

“C’è un sacco di giovani e freschi talenti indipendenti là fuori che probabilmente hanno bisogno di una guida e cose di questa natura, ma c’è anche un sacco di gente a bordo che non oserei provare a dire loro come suonare ‘la propria musica’. Se ti concedo una licenza e ti sto pagando, so già cosa puoi fare. Queste sono le tue canzoni e voglio che tu esca e le suoni. Ovviamente, c’è un lato che ha bisogno di uno sforzo collaborativo e abbiamo bisogno di avere un obiettivo finale. Qual è il traguardo? Non intendo il match, voglio dire, qual è il nostro obiettivo?”

Cody ha proseguito: “Quando hai super-professionisti come Matt e Nick, come Hangman Page, quando hai simpatie dei super-professionisti, è divertente vedere come tutti lavorano per questo obiettivo comune. Di nuovo, il wrestling in cui sono cresciuto. Stiamo parlando di punti fondamentali, stiamo parlando di una conoscenza generale del business, ed ehi, lasciali uscire e giocare. Per la maggior parte, sono tutti cresciuti, uomini e donne che fanno ciò per cui sono stati assunti. Si sono fatti le ossa, hanno pagato i loro debiti e ora andranno là fuori e suoneranno la loro musica. Mi piacerebbe molto una presentazione che rispecchia questo. Non abbiamo bisogno di micro-gestione e certamente non abbiamo bisogno di scrivere una buona parte del prodotto che stiamo pianificando. “

Con così tanti talenti di wrestling là fuori che hanno esperienza nel booking di importanti promoter, volevamo sapere se la AEW ha preso in considerazione la possibilità di incontrare ragazzi come Eric Bischoff, Bruce Prichard o Jim Cornette come membri del loro team creativo o come consulenti .

“Queste risorse sono potenzialmente disponibili per noi”, ha detto. “Ho un buon rapporto con tutti e tre questi ragazzi. Ma so che vogliamo appoggiarci a ciò che abbiamo fatto con All In. E su All In, l’abbiamo fatto. Io, Matt e Nick, ce l’abbiamo fatta. Il modo in cui l’abbiamo fatto, eravamo noi. Probabilmente arriverà un momento .. non vogliamo mai essere così pieni di orgoglio o testardi da rifiutare una buona idea. Ma per ora faremo cose fatte in casa e lo manterremo nello spirito di All In. “

Cody ha continuato: “Probabilmente questa sarà una cosa impopolare da dire, ma lo dirò. Non ci sarà uno scrittore assunto per All Elite Wrestling in qualunque momento nel breve periodo. Perché i wrestler sono gli scrittori. Siamo gli scrittori. Ho conosciuto 40 scrittori in WWE e solo 4 di loro hanno fatto qualcosa di decente.”

 

FONTE: SEScoops.com