Billy Gunn si irrita durante un’intervista

L’ex stella WWE Billy Gunn è stato protagonista di un’intervista per certi versi “imbarazzante con GO Pro Wrestling, il tutto è nato durante una domanda riguardo il suo licenziamento dalla WWE.

Sull’aver stroncato ZZ durante Tough Enough:

“Non è che non mi piaceva ZZ. Adoro ZZ. E’ un ragazzo fantastico, solo che è pigro e io odio i pigri. L’unico a cui è concesso essere pigro sono io. E’ solo stato un problema di comunicazione. Quel preciso giorno, in quel preciso istante, mi ha fatto arrivare al limite e quindi ho perso la calma. Se te ne stai seduto nella casa di Tough Enough a guardare la televisione vuol dire che non  ci stai mettendo abbastanza impegno.”

Sul licenziamento da parte della WWE:

“E’ un segreto che tutti sanno sul pianeta Terra eccetto te. Volevi solo chiedermi di rispondere a una domanda a cui non ho mai risposto e non ho intenzione di rispondere nemmeno adesso.”

Sulla carriera da singolo fallita nel 1999:

“Tutti mi chiedevano sempre se non mi sarebbe piaciuto essere campione del mondo. Ehi, se fosse successo, sarebbe stato grandioso. Non rimpianti nella mia carriera. Non dico che ero il migliore, ma ero bravo, facevo bene il mio lavoro e non potrei esserne più contento, titolo del mondo o meno.”

Ricordi di Chyna:

“Non me ne frega un cazzo di quello che pensano gli altri. Era una delle mie migliori amiche nel business insieme a Brian (Road Dogg). Chyna aveva i suoi modi di fare e questo non deve far cambiare le opinioni su di lei. Era davvero fantastica.”

Sul successo a Hollywood di The Rock:

“Quel ragazzo aveva le carte in regola. Sapevo che lo sarebbe diventato (una stella del cinema)? No, ma aveva quella ‘scintilla’. Quando guardi qualcuno… c’è qualcosa in lui, quando ti trovi con lui o lo guardi pensi: ‘diamine, quello ha tutto e ha fatto di tutto’.”

Se ritornerebbe in WWE e il suo rapporto con Triple H:

“Certo che ci ritornerei. Adoro allenare. Avevo un ottimo rapporto quasi con tutti al Performance Center. (Riguardo Triple H) Rapporto in che senso? No, no, no. Gli mando messaggi e la sua segretaria mi risponde. Ma va tutto bene. E’ una persona impegnata.”