Brand War: Wrestling Matter #2

Ben ritrovati, lettori e lettrici di spazio wrestling, al secondo appuntamento con la rubrica che mette sotto esame il lottato dei due show principali della WWE.
Vi faccio un breve ripasso di come si svolgerà la rubrica, per chi non avesse letto il primo numero.
Analizzeró ogni singolo match, concentrandomi principalmente sul lato wrestling, darò un voto e, dopo aver fatto la media per entrambi gli show, stabiliró quale dei due abbia fornito la migliore prestazione.
Inoltre sceglierò il match peggiore e quello migliore della settimana.
Bene, ora che è tutto chiaro, bando alle ciance e scopriamo insieme come è andato il wrestling questa settimana, partendo dal roster rosso.

RAW

BRAY WYATT VS ROMAN REIGNS

Riassunto: partenza veloce con tentativi di Superman punch e sister abigail a vuoto, poi a prendere il sopravvento è Wyatt. Lungo controllo di Bray, con qualche reazione sporadica di Reigns. Nel finale il big dog quasi perde per count out, ma riesce a tornare sul ring in tempo e, dopo aver evitato una sister Abigail, vince con la combo Superman punch e spear.

Durata: circa 14 minuti.

Analisi: discreto match tra i due, con alcune buone mosse (la senton fuori ring di Bray e il samoan drop partendo dalle corde di Roman) e scambi (il Superman punch trasformato in uranage da Wyatt e la sequenza finale partita dal roll-up).

Voto: 6,5

SHEAMUS E CESARO VS HEATH SLATER E RHYNO

Riassunto: i the bar prendono subito il controllo dell’incontro con un diversivo di Cesaro. Slater subisce tutto il tempo e quando sta per dare il tag, Cesaro butta giù dal ring Rhyno, cosicché Sheamus connette con il brogue kick su Slater.

Durata: circa 2 minuti.

Analisi: completo dominio dei campioni e semi squash per gli ex campioni di smackdown. Praticamente nessuna mossa degna di nota e scambi quasi nulli. Considerato anche il minutaggio, match dimenticabile.
Va premiata solo la buona strategia degli heel.

Voto: 4,5

MUSTAFÁ ALÍ VS TJP

Riassunto: match equilibrato, deciso nel finale quando TJPA sgambetta Alì alle corde e poi esegue il suo detonation kick.

Durata: circa 3 minuti.

Analisi: problemi con i pesi leggeri sono sempre gli stessi, ovvero poco minutaggio e poco spettacolo. Alí mostra qualche buona cosa (il ddt partendo da un crossbody), ma non basta a salvare il match.

Voto: 5

TITUS O’NEAL VS KALISTO

Riassunto: Titus sfrutta la sua superiorità fisica, ma a vincere è Kalisto ribaltando un roll up e tenendo O’neil per il costume.

Durata: circa 1 minuto.

Analisi: definirlo match, è quasi eccessivo. Due mosse in croce e finale sporco, davvero pessimo.

Voto: 2

ENZO AMORE E BIG SHOW VS LUKE GALLOWS E KARL ANDERSON

Riassunto: enzo parte male, ma riesce velocemente a dare il tag a Big Show che fa piazza pulita e fa chiudere l’incontro a enzo con una versione alternativa del badaboom shakalaka.

Durata: circa 2 minuti

Analisi: lottato praticamente pari a zero, con Anderson e Gallows che non mettono a referto mosse e Big show che va solo di bracci tesi, splash e chokeslam. Uno squash su ex campioni, proprio ridicolo.

Voto: 3

ALEXA BLISS VS NIA JAX

Riassunto: dopo uno schiaffo della Bliss, la Jax si scatena e domina in lungo e in largo. Purtroppo per lei, alexa finisce fuori ring e attacca Mickie James e Dana Brooke, che reagiscono e fanno scattare la squalifica.
Durata: circa 2 minuti

Analisi: la Jax fa quello che sa fare meglio, domina con mosse basilari ma che trasmettono potenza. La bliss in pratica non combatte, bensì le prende tutto il tempo. Match rovinato soprattutto dal finale sporco.

Voto: 4

SAMOA JOE VS SETH ROLLINS

Riassunto: dominio pressoché totale di Joe, poi Rollins ha un grande comeback nel finale, ma il disturbo di Bray Wyatt risulta fatale, poiché il samoano lo imprigiona nella coquina clutch facendolo svenire.

Durata: circa 13 minuti.

Analisi: Joe mattatore dell’incontro, capace di sedare ogni reazione di Rollins. Il king slayer però fa scintille nel finale (tre suicide dive, block buster, flying clothesline, sling blade, falcon arrow) e perde soltanto per la distrazione di Wyatt.

Voto: 7

MEDIA VOTI: 4,5

RIFLESSIONI: puntata assolutamente insufficiente, peggiore rispetto a quello della scorsa settimana. I due match dei main eventer si salvano, pur non brillando, ma il resto è quasi inguardabile. Cinque incontri che non superano i minuti, come si puó mettere su un lottato decente?

Dopo la delusione di Raw, vediamo se lo show blu sarà capace di tirarci su il morale.

SMACKDOWN

CHARLOTTE, BECKY LYNCH E NAOMI VS CARMELLA, NATALYA E TAMINA

Riassunto: prima fasi equilibrati, poi un’interferenza di Natalya mette nei guai Becky Lynch. L’irlandese riesce dopo un periodo di sofferenza a dare il tag a Naomi che sembra poter ribaltare le sorti del match, ma l’interferenza di Lana permette a Tamina di connettere il superkick decisivo.

Durata: circa 9 minuti.

Analisi: match discreto, con Naomi che mostra le cose migliori (i suoi enziguri sono tremendamente realistici), Becky in ombra e Charlotte quasi inesistente. Il committee lavora di squadra e nessuna brilla particolarmente.

Voto: 6

DOLPH ZIGGLER VS AJ STYLES

Riassunto: prime fasi di mat wrestling, poi scambi abbastanza veloci senza un vero dominatore. Nel finale Ziggler prova a fregare AJ come settimana scorsa sgambettandolo mentre tenta il phenomenal forearm, ma Styles stavolta non ci casca. Dopo uno schienamento sporco di Dolph, AJ esegue un roll-up e lo trasforma nella Styles clash determinante.

Durata: circa 7 minuti.

Analisi: leggermente inferiore al match di settimana scorsa, ma comunque godibile. Pocho tempi morti e buoni scambi, anche se si trattengono palesemente. La manovra finale da sola fa guadagnare mezzo punto in piú.

Voto: 7

MOJO ROWLEY VS JINDER MAHAL

Riassunto: Mojo domina all’inizio, ma l’intervento dei singh brothers dà il vantaggio al marahaja. Rowley reagisce, però Mahal gli mette le dita negli occhi non visto dall’arbitro e, dopo aver sbattuto il suo avversario contro il paletto, lo finisce con la sua cobra clutch slam.

Durata: circa 4 minuti.

Analisi: Rowley fornisce una buona prova, contando i suoi limiti, mentre Mahal gioca sporco e con poche mosse ottiene la vittoria.
Match che supera le aspettative, pur restando di basso livello.

Voto: 5

NEW DAY VS THE COLONS

Riassunto: i new day partono alla grande, ma poi i caraibici mettono in difficoltà Woods. I piú longevi campioni della WWE riescono ad ottenere la vittoria d’astuzia, con un blind tag che precede la midnight hour.

Durata: circa 7 minuti.

Analisi: match che mette in mostra solamente il new day, autore delle principali mosse (ottimi il triplo belly to belly di Big E e la senton fuori ring di woods). Godibile, anche se nulla di eccezionale

Voto: 6

SHINSUKE NAKAMURA VS KEVIN OWENS:

Riassunto: Owens sale quasi subito in cattedra e tiene a bada il nipponico con delle prolungate prese al collo. KO sembra sul punto di vincere dopo una cannonball, ma Nakamura evita la pop up powerbomb e con la combo di enziguri, reverse exploder suplex e Kinshasa ottiene la vittoria.

Durata: circa 9 minuti.

Analisi: match lento e senza mosse o particolarmente coinvolgenti. Una delusione visti gli atleti in gioco.

Voto: 5,5

MEDIA VOTI: 6

RIFLESSIONI: sufficienza risicata e passo indietro anche per smackdown. Il main event è una delusione e negli altri match (escluso ovviamente AJ vs Ziggler) non ci sono grandi wrestler, quindi il lottato non splende.

PEGGIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Titus O’Neal vs Kalisto. Un minuto di match, due mosse in croce e un pin scorretto del face, devo aggiungere altro?

MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA: Samoa Joe vs Seth Rollins. C’è buona alchimia tra i due e il Joe dominante è stato un modo diverso dal solito di raccontare il match rispetto ai precedenti. Entrambi in spolvero, anche se potevano fare di piú.

CONCLUSIONI: Smackdown batte di nuovo Raw, ma i veri sconfitti sono i fans che assistono ad un peggioramento di entrambi gli show. Troppo focus sui segmenti parlati e poco tempo al lottato, cosi non va.

Con questo la rubrica odierna è giunta al termine!
Mi auguro che sia stata di vostro gradimento!
Come settimana scorsa, vi invito a farmi sapere la vostra opinione nei commenti.
Da Matteo Traversa è tutto, ci vediamo alla prossima!

The following two tabs change content below.
Avatar

Ultimi post di Matteo Traversa (vedi tutti)