Bryan Danielson confessa: “La WWE pensa che sia predisposto agli infortuni”

Bryan Danielson ha dovuto lottare per avere il via libera dei medici della WWE a tornare sul ring dopo aver sofferto numerose commozioni.

Anche dopo il suo trionfale ritorno, Bryan non ha ricevuto un grande push da parte della WWE data la loro convinzione che fosse eccessivamente predisposto agli infortuni. È una storia che ancora infastidisce Danielson perché non è necessariamente vera.

Intervistato da Sport Illustrated Media Podcast, Bryan Danielson ha discusso di come la WWE lo vedesse come troppo fragile e di come fosse un’idea completamente falsa. In oltre vent’anni di carriera sul ring ha subito un’unica operazione dovuta ad un infortunio e qualche commozione.

“Credo che l’idea che la WWE ha di me, e nella quale crede, è che io sia predisposto a farmi male. La realtà è che in 21 anni di carriera ho subito una sola operazione, quella al collo, che mi ha tenuto per nove mesi fuori dal ring e sono stato obbligato a ritirarmi per diverse commozioni completamente guarite subite nell’arco di più di 15 anni. Ho avuto pochissime ferite specialmente se messo a confronto con persone come Triple H e John Cena. Non ho mai avuto problemi alle ginocchia o niente di simile.”

Bryan Danielson ha avuto un match spettacolare con Kenny Omega a AEW Grand Slam che non sarebbe stato possibile per qualcuno così predisposto agli infortuni. La WWE avrà anche avuto quella visione di lui, ma Bryan ha lavorato sodo per dimostrare a tutti che non è questo il caso in AEW.

FONTE: RINGSIDENEWS.COM



Rispondi