Chris Jericho: “Nutro forti perplessità sugli Authors of Pain”

Durante l’ultimo episodio di Talk is Jericho (si ringrazia Wrestling Inc. per la trascrizione dell’intervento), Chris Jericho ha rivelato di essere piuttosto contrariato per la decisione della WWE di affiancare agli Authors of Pain la figura di Drave Maverick, che sostituirà quindi Paul Ellering.

Sull’abbandono di quest’ultimo da parte degli AOP si è espresso in tal modo: “Penso che il concept su cui si basano gli AOP sia piuttosto accattivante dato che erano ovviamente molto popolari ad NXT. Personalmente però ho un problema con loro: gli AOP di NXT erano gestiti da Paul Ellering, che a sua volta fu il manager dei Road Warriors. Poi portano Akam e Rezar nel roster principale e alla prima notte decidono di silurare già Paul Ellering. Non l’ho mai capita questa scelta. Non è un attacco a nessuno, ma non l’ho capita. Ora portano questo tizio, Drake Maverick, che in realtà altri non è che l’ex Rockstar Spud.

Su Drake Maverick Jericho ha commentato invece così: “Questa non è una critica contro Rockstar Spud. Ecco il mio problema: in linea di logica, perché questi due energumeni dovrebbero ascoltare questo piccoletto? Guardatelo, sembra il modello di una rivista per adolescenti! Potevo capire il motivo per cui ascoltavano un veterano brizzolato come Paul Ellering, ma perché adesso dovrebbero ascoltare ‘Rockstar Spud’ Drave Maverick? In questo momento è come se quest’ultimo stesse gestendo Undertaker e Kane, non ha alcun senso! Questa a mio parere è stata una decisione stupida, e mi infastidisce. Se fossero venuti da me e mi avessero detto ‘Drake Maverick sarà il tuo manager’, personalmente reagirei in una maniera tipo ‘Perché? No. Cosa mi dirà che non già non lo sappia?’ Akam e Rezar sono ragazzi giovani, ma anche Drake Maverick lo è. Perché quindi dovrebbero preferire un manager come Drake Maverick quando avrebbero potuto continuare ad ascoltare Paul Ellering che ha già portato una grande tag team in cima?”

Fonte: 411MANIA

  • Stex14

    Personalmente anche io ero molto scettico di quello split da Paul Ellering ma si è sempre detto che è stato il manager in persona a chiedere ciò perchè non voleva la classica vita “on the road”