Hulk Hogan: “Mi piacerebbe lottare a WrestleMania 36 contro….”

Hogan è considerato da molti come la più grande Superstar che abbia mai messo piede all’interno di un ring di Wrestling. Era la più grande Star della disciplina negli anni ’80 e ha ripreso la sua carriera come miglior heel negli anni ’90, in WCW.

La popolarità di Hogan era ancora al culmine quando tornò nella WWE nel 2002, come parte del nWo. È stato fortemente incoraggiato dai fan canadesi nel suo incontro di WrestleMania 18 contro The Rock, nonostante quest’ultimo fosse babyface.

Ciò ha portato la WWE a dargli un’altra possibilità con il titolo WWE e a battere Triple H al Backlash 2002 per il titolo massimo. Hogan ha lottato con lo stesso Vince McMahon a WrestleMania 19, in quella che è stata definita come una sfida “20 anni in preparazione”.

Mentre parlava di un potenziale ritorno, Hogan ha dichiarato di essere stato in trattative con McMahon stesso, e gli piacerebbe avere un ultimo match a WrestleMania 36. Quando gli è stato chiesto chi avrebbe voluto affrontare se avesse fatto un ritorno, Hogan ha rivelato che vorrebbe sfidare come a WrestleMania 19, Vince McMahon.

“Mi piacerebbe che fosse contro Vince. Mi sono divertito così tanto con lui sul ring di WrestleMania 19. Non avevo idea di cosa aspettarmi da lui, ma è bravissimo. Il suo tempismo è eccezionale. Mi è piaciuto molto lottare con lui, ma in tutto ciò che fa lui ti fa male davvero. Quando sei sul ring con qualcuno e ti stanno facendo del male, in qualche modo li pizzichi al polso e per tutto l’incontro e’ quello che ho fatto al polso di Vince.”

FONTE: SPORTKEEDA.COM

The following two tabs change content below.
Marco Tonsino
La vita e' una metafora del wrestling quindi meglio scrivere di wrestling, e' piu' originale , ogni tanto c'e' anche il lieto fine e ci sara' sempre una storia nuova da raccontare. Mi avessero pagato per ogni viaggio fatto sarei ricco, ma ho incrociato lo sguardo coi miei miti stringendogli la mano e strappando loro una risata. Questo non ha prezzo. Ho visto sudore e fatica a uno sputo di metri dal ring. Quando scrivo le notizie o narro di un WM week alzo il volume dello stereo perche' il wrestling e' come la musica rock, c'e' sempre qualcuno che ne canta la morte ma non morira' mai.