IMPACT WRESTLING: Sonjay Dutt corteggiato da WWE e ROH

The Pancakes and Powerslams Podcast ha di recente intervistato il wrestler di Impact Sonjay Dutt, vi riportiamo qui di sotto gli interventi più interessanti. (Trascrizione a cura di Wrestlezone.com, traduzione di SpazioWrestling).

Dutt parla del ritorno a Impact Wrestling: “Sono stato sotto contratto per un totale di sei anni. Poi me ne sono andato e poi sono ritornato. Poi sono ritornato e me ne sono andato di nuovo. E ancora una volta sono ritornato. E in parte la colpa è mia. Non volevo firmare un contratto. In questo momento tutto sembra essere come dovrebbe essere, e nel bel mezzo di tutti questi inizi e questi stop con la compagnia, non ho mai perso di vista cosa volevo veramente. Essere wrestler è l’unico lavoro che ho mai avuto e continuo a vivere di questo senza essere vincolato da un contratto con qualcuno. Ho anche avuto alcune offerte dalla ROH, alcune dalla WWE. Questo dimostra che se davvero vuoi qualcosa, ci metti tutto te stesso per riuscirci.”

Sulla vittoria del titolo X Division di Low-Ki: “Quello è stato un progetto. C’è una ragione per tutto, e credo che tutti noi sappiamo che se vogliamo raccontare una storia, dobbiamo mettere in gioco i giusti personaggi. Sicuramente non è stata una coincidenza.”

Perché i fan dovrebbero riprendere a guardare Impact: “Negli ultimi anni ci sono stati dei problemi di gestione, mettiamola così, ma quel momento per la compagnia è finito. Questo è un nuovo inizio, questo nuovo programma è molto chiaro in confronto al vecchio. Ci focalizziamo sul pro-wrestling a 360° gradi. Forse prima no. Probabilmente hanno assunto degli esperti per alcuni aspetti, ma quando si tratta di arrivare al punto, al cuore, della questione, qui si parla di pro-wrestling. E il pro-wrestling devi conoscerlo. Non si tratta di fare film o di canzoni, non ha niente a che vedere con quello. Si tratta di entrare nel ring e sapere com’è un buon prodotto. Penso che lo show abbia fatto vedere negli ultimi tre mesi che le cose sono cambiate. Ci sono facce nuove, storie nuove, il modo di raccontarle è nuovo. Alla fine riguarda tutto le personalità e le storie.