Inside Storyline: Fastlane più no che sì

Ciao a tutti amici di SpazioWrestling.it, siamo oggi qui con un nuovo numero di Inside Storyline!! Con Fastlane alle spalle, la WWE entra in piena Road to Wrestlemania. Già qualche match annunciato e qualche incontro in fase di preparazione in storyline. Andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.

RAW

A Raw abbiamo assistito al face to face tra Triple H e Batista. Nel promo di questa settimana ho notato tanta confusione con entrambi che dicevano praticamente la stessa cosa, un match a Wrestlemania. Dopo l’attacco a Ric Flair, Batista è tornato in WWE solo esclusivamente per un match contro HHH. Quest’ultimo gli ha risposto a tono concedendogli l’incontro tanto voluto aggiungendo una clausola alquanto importante: il match sarà un No Holds Barred Match. Probabilmente a Wrestlemania si potrebbe usare il fatto dell’inserimento della D Generation X nella Hall of Fame per farli interferire nel match. Unica cosa che possiamo dire ora e che speriamo che i due si incrocino di nuovo a Raw prima di Wrestlemania.

SMACKDOWN

Smackdown è sicuramente il brand che ha più novità dopo Fastlane. Pay per view che ha visto il turn heel di Shane McMahon ai danni di The Miz di fronte alla sua gente e soprattutto davanti a suo padre. I motivi del gesto Shane li ha spiegati a Smackdown Live questa settimana dove ha detto di essersi stufato di fare tutto per il pubblico e per gli altri, ora vuole solo dedicarsi a sé stesso. Inoltre ha sfidato The Miz ha Wrestlemania. Ora attendiamo la risposta di Miz nelle prossime puntate.

In più Smackdown ha visto, questa settimana, lo scontro tra AJ Styles e Randy Orton. Grande promo dei due atleti che si sono scambiati diverse frecciatine sui propri passati nel wrestling. Alla fine AJ ha sfidato Orton per un match a Wrestlemania, un incontro tra due grandi atleti in WWE.

WOMEN’S TAG TEAM CHAMPIONSHIP

Prima e vittoriosa difesa titolata per Sasha Banks e Bayley che, però, hanno potuto festeggiare poco visto l’assalto delle sconfitte Nia Jax e Tamina. Il team heel ha atterrato le campionesse coinvolgendo anche Beth Phoenix che ha provato a reagire, ma anche lei è stata messa KO insieme alla sua amica Natalya che era venuta ad aiutarla. A Raw abbiamo avuto un incontro tra Natalya e Nia Jax, match che è finito quasi subito a causa dell’interferenza di Beth Phoenix. Nia e Tamina hanno subito lasciato il ring, ma nel backstage sono state subito attaccate dalle campionesse Bayley e Banks. Ora i piani per Wrestlemania sono un po’ confusi, ma forse un ritorno di Beth Phoenix non sarebbe per niente male. In più Sasha e partner dovranno difendere i titoli ad aprile e un’idea di un match a tre non sarebbe del tutto sbagliata. Vediamo come evolveranno le cose.

SMACKDOWN TAG TEAM CHAMPIONSHIP

Caos totale a Smackdown per quanto riguarda la categoria tag. Dopo l’attacco a Kofi a Fastlane, il New Day si è vendicato sul The Bar e su Rusev e Nakamura che stavano disputando un match contro Ricochet, Aleister Black e gli Hardy Boyz. Dal backstage in più è arrivato un promo degli Usos che sono pronti a sfidare qualsiasi team per i titoli, ci resta da capire quale team.

RAW TAG TEAM CHAMPIONSHIP

Anche nel brand rosso, la categoria tag viaggia in una certa confusione. Infatti, dopo Fastlane le cose non sono migliorate. I Revival sono ancora campioni, ma continuano ad avere gli stessi sfidanti. Aleister Black e Ricochet dopo aver vinto il match contro Roode e Gable, anche loro sfidanti ai titoli, sono stati atterrati proprio dai campioni in carica. Tra questi team non finisce qui con Aleister Black e Ricochet che sono immischiati in tutte le categorie tag: a Raw, a Smackdown Live ed a NXT dove sono in finale del torneo Dusty Rhodes.

SMACKDOWN WOMEN’S CHAMPIONSHIP

Come ci aspettavamo Asuka ha vinto facilmente vinto contro Mandy Rose che entra in storyline con la sua compare Sonya Deville. Una faida basata sugli incidenti accidentali con quello successo a Fastlane e quello accaduto a Smackdown con Mandy ha ostacolare Sonya, tutto fatto molto male. All’orizzonte ancora nessuna avversaria per Asuka.

INTERCONTINENTAL CHAMPIONSHIP

Ancora un cambio di cintura sotto questo capitolo. Dopo Finn Balor, ora il campione torna ad essere Bobby Lashley aiutato ancora una volta da Lio Rush. E così, le cose tornano come prima con Lashley che domina e Finn Balor che ritorna nei bassi fondi del roster di Raw. Finn che ha dimostrato di poter valere alla WWE una fortuna dopo la grande pubblicità fatta per il match alla Royal Rumble tra Balor e Lesnar. In settimana si sono sentiti rumors su grandi piani per l’irlandese anche se ci spero, non ci credo molto dopo tutto quello fatto dalla WWE. Per il titolo intercontinentale, invece, continua la fase di declino di questo titolo che è passato da main event di Raw a cintura qualsiasi sorpassata anche dal titolo degli Stati Uniti che a Smackdown sta avendo più seguito.

UNITED STATES CHAMPIONSHIP

Titolo degli Stati Uniti che nelle ultime settimane in fatto di storyline ha avuto un’impennata clamorosa. Dopo la vittoria di R-Truth si pensava a un titolo di poco conto, invece, con l’inserimento prima di Rey Mysterio e Andrade, ci hanno regalato diversi bei match. Poi l’arrivo di Samoa Joe è stata la ciliegina sulla torta con Joe che dopo aver vinto ha riproposta la sfida ai suoi quattro avversari a Fastlane. Joe ne è uscito vincitore, ma nell’ultima puntata di Smackdown, il samoano è stato schienato da Rey Mysterio facendo infuriare Joe.

RAW WOMEN’S CHAMPIONSHIP

Dopo settimane e settimane di cui se ne parla, questa settimana se ne è parlato un po’ meno. Iniziamo da Fastlane dove Becky ha vinto per squalifica contro Charlotte, in un match che non ha regalato le emozioni che ci aspettavamo, ed è stata aggiunta al match di Wrestlemania per il titolo femminile di Raw. A provocare la squalifica è stata proprio Ronda Rousey per dei motivi ancora da chiarire. Così con il match di aprile chiaro e deciso ormai questa faida non sembra più avere niente da raccontare e attende solo di essere portata a Wrestlemania. Nelle prossime settimane l’unica cosa che mi aspetterei è una firma del contratto con un po’ di confusione sul ring.

WWE CHAMPIONSHIP

Fastlane è stata una brutta tappa, anche per questo capitolo. Prima il match senza senso per Kofi Kingston contro i The Bar, incontro che serviva solo a creare ancora più hype intorno al giamaicano come se ne avesse bisogno. Secondo, un match quello per il titolo WWE diventato improvvisamente a tre con l’inserimento di Mustafa Ali, come se la federazione non avesse voluto far perdere Kevin Owens, con Bryan che alla fine vince con il solito aiuto di Rowan. Così si torna a Smackdown con una tag team match abbastanza inutile quello con Bryan e Rowan contro Owens e Ali. Dall’altra parte un New Day, giustamente infuriato, chiede spiegazione a Vince McMahon. Il capo della WWE risponde a Kofi con un Gauntlet match che si terrà la settimana prossima con Kingston che affronterà: Samoa Joe, Randy Orton, Cesaro, Sheamus e per finire Rowan. Se Kofi vincerà avrà una shot a Wrestlemania. Incontro questo che ci fa capire i piani che avevano per Kofi dopo Elimination Chamber, pubblicizzandolo per il grande evento di aprile dove probabilmente sfiderà Bryan per il titolo WWE. Non ci resta che aspettare il grande match della settimana prossima che regalerà emozioni.

Per questo numero di Inside Storyline è tutto!! A me non resta che darvi appuntamento al prossimo numero di Inside Storyline, un saluto e alla prossima!!

Lascia un commento