Report: WWE Raw 24-09-2018

Amici ed amiche di spaziowrestling ben ritrovati per una nuova puntata del Monday Night Raw, io come sempre sono Umberto e vi accompagnerò durante tutto il report. Stasera Live dal Pepsi Center di Denver, Colorado. bando alle ciance però perché una limousine si avvicina all’arena e da questa esce fuori Stephanie McMahon! Baron Corbin la accoglie e comincia col farle gli auguri e intonando una canzone di compleanno; Steph guarda perplessa e subito dopo dall’auto scende anche Triple H che solo con lo sguardo ferma Corbin e il suo entusiasmo. Calmati gli animi Corbin dice che è tempo di andare nel suo ufficio perché deve parlarle. Steph però dice che non c’è bisogno di andar lì, può dire quello che deve anche adesso, mentre Triple H, si allontana verso l’arena lasciando i due. Steph comincia  così a redarguire Corbin, dicendo che non sta per niente facendo un ottimo lavoro da quando Angle se ne andato, addirittura settimana scorsa si è sancito un match valevole per il titolo solo per lui. Corbin pare non accettare le critiche e dice che stasera ha trovato due persone con cui occuparsi dello Shield. Steph però lo blocca e dice che ormai ha perso il controllo, rimettendo in mezzo Angle e zittendo ancora Corbin se ne va verso lo stage.

entriamo nell’arena dove i commentatori ci danno il benvenuto a questa nuova puntata, neanche il tempo di ambientarsi che lo Shield entra nell’arena tra i pop del pubblico. I tre come di consueto scendono attraverso gli spettatori mentre JoJo dal ring fa le presentazioni. Ambrose prende il microfono e dice che stanno osservando i 3 cavalli vincenti della WWE, che da soli potrebbero portare avanti lo show. Anche se loro qualche battaglia l’hanno persa non hanno mai perso una guerra e per questo sono ancora qui. Roman Reigns prende la parola allora vantandosi dei loro scontri e sopratutto dei loro titoli, dunque l’unica cosa da fare è questa: Reigns e Rollins alzano al cielo i titoli aggiungendo poi che quelle sono le chiavi del loro regno e tutti vogliono togliergliele. E’ proprio per questo che Lesnar è tornato e perché quell’incapace di Corbin si da match per il titolo; questi titoli possono cambiare le vite e gli unici uomini che meritano questi titoli, sono quelli che sono sul ring adesso e nessun altro. Prende parola allora anche Rollins che aggiunge che loro sono il meglio che c’è e che Strowman per batterli ha deciso di ingaggiare una banda di “stronzi ” per cercare di farli fuori a SSD ma ciò non succederà; Rollins allora si rivolge a Corbin, chiamandolo il peggior supplente che ci sia al mondo e poi passa ad i match di stasera, dicendo che il GM deve uscire fuori perché questi possono essere un problema.  Corbin si presenta dunque subito sulla scena, dicendo che ha una notizia: stasera il suo capo sarà qui a raw e lui non lascerà che lo show si trasformi nella follia e promette che lui e i suoi uomini malmeneranno lo Shield fino a che non andrà via dal ring se sarà necessario e li smaschererà per quello che sono realmente: individui egoisti. Corbin aggiunge poi che nessuno negli spogliatoi può vedere lo Shield come gruppo, ma anche individualmente.  La musica di Braun Strowman però colpisce l’arena! Braun esce fuori dallo stage con i campioni di coppia, Ziggler e Mcyntyre. Braun prende il microfono e si rivolge a Reigns dicendo di godersi il titolo finchè può, poichè presto glielo strapperà dalle mani. Strowman dice poi che comincia a vedere le crepe crearsi nello “Shield” ed è solo una questione di tempo prima che implodano e inoltre tiene a fargli sapere che a SSD saranno in quattro e il quarto non è Baron Corbin. Rollins comincia a prendere in giro Braun perché evidentemente la sua matematica è un po’ scarsa. Strowman però ribatte che Ambrose sta per vedere la luce, dicendo che lui sa che non ha bisogno di loro ma lo Shield ha bisogno di lui. Ziggler prende parola allora e aggiunge che lui sa che Ambrose è buono e che ne soffre che è l’unico della stable a non avere un titolo. Rollins ribatte che i suoi tentativi sono ridicoli ma Drew stavolta incalza, dicendo che se Ambrose ha bisogno di comprensione in loro la troverà e che i suoi amici non lo apprezzano come dovrebbe. Ziggler dice che Strowman vincerà il titolo a Crown Jewels e se Ambrose vorrà e passerà con loro, non avrà ostacoli: il titolo intercontinentale sarà tutto suo. Ziggler si fa avanti allora e chiede ad Ambrose di voltare le spalle allo Shield! Reigns lo interrompe e gli intima di stare zitto! la gente non ha pagato per sentirlo parlare ma per vederli combattere quindi crede sia arrivata ora! I due team arrivano quasi alle mani ma vengono però divisi da Baron Corbin che calma gli animi dicendo che i campioni stasera devono difendere e che si occuperà personalmente dello Shield con i suoi uomini più tardi. La musica di Strowman esplode allora in arena mentre lo show va in pubblicità.

Jinder Mahal vs Finn Balor
I due atleti sono accompagnati durante l’incontro dalle rispettive partner del MMC, Bayley per Balor e Alicia Fox per Jinder sempre accompagnato da Sunil Singh. Il match comincia con Jinder che sbatte al tappeto Finn tenendo il controllo fino a che questo non risponde con un dropkick e lanciando poi l’avversario fuori dal ring e tenendocelo saltando dalla terza corda e stendendolo sul pavimento.  Di ritorno dalla pausa Jinder colpisce Finn e va di nuovo in controllo, Jinder prova il pin dopo qualche colpo, ma Balor evita e lo colpisce con un altro dropkick e rincarando la dose con dei bracci tesi volanti. Balor allora fa cadere Mahal dal ring e lo lancia negli angoli; Jinder dopo poco si riprende e lo colpisce con un calcio alla testa. Questo però si distrae e Balor ne approfitta e lo stende con una slingblade ma Sunil interviene approfittando di una distrazione dell’arbitro e fermando Balor. Anche Bayley allora si intromette e fa cadere Jinder non vista dall’arbitro! Alicia allora la raggiunge e le due cominciano a darsi addosso! Sunil Singh si avvicina ma Bayley lo colpisce con un Bayley to Bally stendendolo! Balor approfitta delle distrazioni e in fretta chiude su Jinder!

Vincitore: Finn Balor

Natalya e The Bella Twins vs Riott Squad
Liv Morgan comincia contro Nikki e subito comincia a prenderla in giro; Nikki non si fa incantare e la colpisce subito provando il conteggio ma ottenendo solo il conto di 2. Le due gemelle ora si danno il cambio e Brie calcia Liv che ora è in ginocchio. Tuttavia questa riesce a divincolarsi e a cambiare per Ruby che entra e stende la sua avversaria. Brie però reagisce e inchioda un missile dropkick subito dopo questa prova il controllo ma interviene Sarah Logan, che con Ruby, colpisce l’avversaria con un double suplex. Nikki corre dentro per aiutare la sorella e Liv prova a bloccarla ma a sua volta questa è colpita da Natalya. Le face poi riescono a colpire le avversarie con un triplo suplex mandandole al tappeto. Queste avvilite cercano di guadagnare tempo e si raggruppano fuori dal ring. Ruby entra e con furbizia fa cadere Brie. Dopo la pausa Sarah Logan controlla Brie al centro ring pavoneggiandosi contro la sua avversaria. Liv intanto sembra essersi infortunata e Michael Cole ci avvisa che è stata portata in infermeria per esser valutata. Intanto sul ring comincia Logan cambia con Ruby e Brie con Natalya che le assesta un german suplex! Ruby prova ad intervenire ma Nikki prova a fermarla,beccandosi una gomitata che la fa finire fuori dal ring. Brie accorre da lei per vedere come sta e Ruby si autotagga lestamente, Natalya infatti non se ne accorge e prova la Sharpshooter su Sarah. Ruby allora la colpisce col Riott kick e chiude la contesa!

Vincitrici: Riott Squad

Di ritorno dalla pubblicità, Stephanie McMahon è sul ring col marito Triple H e con loro tante superstar e tanti bambini. Questo segmento infatti è dedicato alla ricerca del cancro pediatrico e dopo aver parlato di quanto la WWE abbia a cuore la situazione e quanto aiuta raccogliendo soldi, i due consegnano due titoli personalizzati speciali per due bambini che stanno lottando contro questa brutta malattia.

Subito dopo lo stacco pubblicitari vediamo Dean Ambrose dietro le quinte che viene avvicinato da Dolph Ziggler. Ambrose subito prende per il colletto il suo avversario che però è venuto in pace: non è qui per lottare ma è qui per dirgli quanto lo Shield non lo apprezzi e che stasera, se vorrà, basterà un cenno a lui e Mcyntyre e loro lo aiuteranno conciarli per le feste. Ziggler si allontana poi.

Konnor vs Chad Gable
Il match sembra essere solo una formalità per Gable che parte forte e tiene l’avversario quasi sempre sotto, colpendolo con bracci tesi e german suplex. Gable prova qualche pin ma ottiene solo conti di 2. Così subito dopo prova ancora a chiudere ma viene lanciato contro le corde e colpito con un sit down powerbomb modificata che vale a Konnor il conto inaspettato di 3.

Vincitore: Konnor

Charlie Caruso ferma nel backstage Stephanie e Triple H chiedendogli di Undertaker. Paul fa per rispondere ma Steph la stoppa subito. Il triplo dice che va bene e chiede a Caruso cosa vuole sapere.  HHH dice che se Taker è preoccupato di prendersi la sua anima questo è un problema, poichè la persa tempo fa aggiungendo che per Taker ormai è finita e infilandosi con la moglie nella limousine andando via.

The Revival vs Ziggler e Mcyntyre in title match
Scott Dawson comincia con Ziggler e subito parte bene tenendo il controllo. Dash allora entra subito dopo ma anche Ziggler lesto riesce a taggare. Mcyntyre stende subito il suo avversario  poi dopo qualche colpo i due danno di nuovo il tag e dentro ritornano Dawson e Ziggler.  Quest’ultimo prova un ddt ma viene respinto e sbattuto a centro ring. Dawson allora tiene Ziggler al centro ring con una mossa di sottomissione e poi prova il conteggio, trovandolo solo di 2.  I due però vanno verso le corde e si scontrano cadendo al tappeto. Dash si alza per primo e aspetta Ziggler ma Mcyntyre ottiene il tag e stende Dash. Mcyntyre prova allora un potente suplex che gli vale solo il conto di 2.  Dopo la pausa nel ring ancora Ziggler che ostacola Wilder nel tag tuttavia non riuscendoci. Dawson allora scarica dei colpi su Dolph colpendolo con una butterfly powerbomb e ottenendo solo un conto di 2! Dawson allora porta Dolph sulla corda più alta e poi cercare col compagno una double team, ma Mcyntyre interviene e travolge Wilder cadendo con lui dal ring. Dash però lo prende e lo colpisce con un forte DDT. Ziggler e Dash vanno avanti e indietro sul ring ora ma Dolph dal nulla connette un DDT e ci prova: 1..2..no! Solo 2. Ziggler va per un fame-asser ma viene fermato e chiuso in un roll up! i revival si aiutano con le corde: 1..2..NO, Quasi 3,balza felino di Ziggler giusto alla fine! Dawson adesso sfoga la sua frustrazione con l’arbitro mentre i fan cantano “this is awesome”. Mcyntyre intanto tira fuori Dawson mandandolo al tappeto, intervenendo poi anche con Dash e continuando la rissa. La fase del match ora è confusa e Drew approfitta colpendo prima i suoi avversari e poi chiudendo con Ziggler con una combo Zig-Zag/Claymore che mette fine al match!

Vincitori e ancora campioni: Mcyntyre e Ziggler

Dolo lo spot torniamo sul ring, dove Elias è fuori per un’altra esibizione. Tuttavia come sempre dice che Denver non merita di ascoltare la sua musica quindi lascerà il tutto a un suo amico: Kevin Owens. Questo ringrazia Elias del gesto, dicendosi suo amico e suo grande fan per questo match da sogno contro Lashley e e Cena nel prossimo PPV in Australia. Owens adesso chiama i suoi avversari sul ring dicendo di Cena che è uno dei più grandi atleti della WWE, così grande, che lui lo ha battuto alla sua prima sera a Raw. Tuttavia Owens dice che anche se vorrebbe, non è di questo che vuole parlare ora, ma di quanto accaduto settimana scorsa con Lashley e Lio Rush.  Owens dice che non sa molto di Rush, non lo conosce, sa soltanto che c’è un sacco di Hype attorno a questo “Lashley guys” e dunque lo ha invitato per la serata, invitandolo successivamente sul ring come ospite del suo programma.  Rush esce sul palco e ringrazia Owens dicendo che lui e Lashley settimana scorsa li hanno fatti sembrare dei pazzi e tutti sappiamo che se Owens è qui stasera è per compensare ai suoi fallimenti. Lio aggiunge poi che lui è l’uomo di punta di Lashley, è puro oro, e anche se ha 23 ed è giovane lui non è ingenuo, quindi oltre il palco stasera non andrà, declinando l’offerta di Owen di raggiungerlo sul ring. Elias però dice di aver preparato un posto speciale per Rush e indica un sediolone per bambini schernendo Rush. Lio però non si fa scoraggiare e dice che ora è il momento di dare al pubblico quello che vuole: Rush introduce Bobby Lashley, che arriva tra i pop del pubblico! I due si avviano dunque verso il ring.

Elias vs Bobby Lashley 
Lashley da subito in controllo su Elias lo sbatte di qua e di là nel ring fino a spingerlo in un angolo per colpirlo ripetutamente. Elias riesce però a farlo impattare contro il paletto e a colpirlo con una mossa dal basso. I fan intonano per Bobby e quindi l’atleta con una spallata manda a terra l’avversario e poi lo lancia ancora in un angolo colpendolo poi con un crossbody. Lashely allora lo colpisce con un colpo laterale e poi prova il conteggio, ottenendolo solo di 2. Elias allora riesce a far cadere ancora Lashley e comincia a colpirlo furiosamente mentre si trova a terra in un angolo, con l’arbitro che dopo poco lo redarguisce e lo minaccia di squalifica.  Elias allora colpisce l’avversario con un calcione e comincia a colpirlo alle gambe che con furia fa impattare contro il paletto.  Owens intanto prende in giro Lashley e Elias adesso prova una sottomissione sulla gamba presa di mira. Lashley dopo qualche tentativo riesce a liberarsi della presa e lancia l’avversario fuori dal ring. I due ora sono al tappeto e vengono contati ma si rialzano poco dopo e si scambiano una serie di colpi, fino a che Elias non ricomincia a prendersela con la gamba del suo avversario facendolo cadere a terra. Di ritorno dallo spot Lashley riesce a liberarsi di Elias e lo sbatte al tappeto con un ddt inverso e poi lo colpisce con un vertical suplex. Lashley ora alza il suo avversario dal paletto, ma il ginocchio dolorante si fa sentire e i due cadono dal ring proprio vicino Lio Rush, Owens allora comincia a rincorrere Lio che batte in ritirata. Owens sale sul ring e colpisce con una ginocchiata Bobby, facendo così scattare la squalifica.

Vincitore per DQ: Bobby Lashley

Subito dopo il match Owens e Elias provano ancora a colpire Rush che però si fa inseguire e con un grande salto li evita, salendo sul ring dove Bobby Lashley interviene e salva tutto, mettendo in fuga gli avversari.

Drew Mcyntyre è nel backstage quando gli si avvicina Seth Rollins che lo accusa di voler fuorviare Ambrose dicendo che lo usano quando in realtà è Ziggler a usare Mcyntyre. Seth inoltre pensa che anche Strowman lo stia sfruttando per ottenere quello che vuole e che tra i tre, si sa, l’anello debole è Ziggler ma nonostante ciò, tutte le occasioni per il titolo intercontinentale sono state le sue e non di Drew, che le avrebbe meritate molto di più.  Lui accusa Rollins e Reigns di usare ma in realtà dovrebbe guardarsi allo specchio e farsi le giuste domande. Rollins va via lasciando Drew pensieroso. Ziggler poco dopo si avvicina al compagno e gli chiede cosa c’è che non va, ma questo gli risponde che non c’è nulla che non va e che è tutto ok.

Nia Jax vs Alicia Fox
Subito Nia comincia a lavorarsi la Fox mandandola fuori tra le sue alleate. Intanto Ember Moon vedendo Micky agitata la colpisce con una rolling cannonball e la manda al tappeto. Alicia ci prova in tutti i modi a combinare qualcosa, ma troppa è la differenza tra le due atlete e infatti Nia chiude in poco tempo dopo un potente Samoan Drop.

Vincitrice: Nia Jax 

Dean Ambrose è nel backstage quando viene avvicinato da Drew Mcyntyre. Dean va faccia a faccia con lui e gli chiede cosa vuole e Drew dice che dovrebbe chiedere la stessa cosa a lui. Mcyntyre parla ad Ambrose del discorso che poco prima gli ha fatto Rollins e si chiede che cosa sarebbe disposto a fare. Drew dice che due sono le cose: o quello che Rollins vuole è uno Shield di 4 componenti o tutto ciò che loro hanno detto su Ambrose è vero e quindi vogliono sostituirlo. Drew ricorda inoltre che gli è già capitato di essere pugnalato alla schiena dai suoi fratelli e se ne va, lasciando Ambrose alquanto pensieroso.

The Shield vs Baron Corbin e AoP
Corbin esce fuori con un ghigno sul volto, dicendo che questa sarà la prima apparizione dello Shield a distanza di un anno e che quindi questo potrebbe essere il loro ultimo match “insieme” poiché tutti vedono la rottura in arrivo. Corbin dice che l’intero roster gli ha bussato alla porta oggi per essere suo partner stasera ma lui ha scelto: entrano in arena gli Authors of Pain, accompagnati dal loro manager nonché Gm di 205 Live, Drake Maverick.  Il match sta per iniziare quando risuona la musica di Braun Strowman, che accompagnato da Ziggler e Mcyntyre si presenta con impugnate delle sedie d’acciaio che poi aprono per sedersi e  godersi da vicino il match. Ambrose comincia con Corbin e quasi subito, approfittando del fattore sopresa prova un roll up che però non ha successo. Ambrose cambia poi con Rollins e con questo lo colpisce con un doppio suplex che finisce con un conteggio di solo 2. Entra allora Akam che comincia a colpire Rollins e poi lo fa cadere con una spallata. I due allora cambiano ma Rezar stende sia Ambrose che Rollins con quest’ultimo che poi cambia con Reigns. I due ora si guardano e Rezar comincia a inveire e a invitare Reigns allo scontro. Reigns si lancia ma Rezar lo porta all’angolo con delle spinte alla spalla. Reigns allora prova una reazione con un samoan drop ma non riesce a tirarlo su e dopo ciò tutte e 6 le superstar convergono nel ring e cominciano una rissa! Lo Shield riesce a disfarsi dei suoi avversari e a lanciarli fuori dal ring mentre i fan scoppiano! Strowman, Ziggler e Mcyntyre allora si alzano, impugnano le sedie e si dirigono verso il ring con aria minacciosa e con lo Shield che pare aspettarli. Corbin e Gli AoP ne approfittano e mandano Rollins e Ambrose fuori dal ring contro le barriere. Corbin allora colpisce Reigns con una chokeslam backbreaker e prova il conteggio, ma lo ottiene solo di 2.  Akam e Rollins prendono l’hot tag e cominciano a darsele con Rollins che inchioda un enziguri dopo un colpo andato a vuoto del suo avversario. Rollins allora si esalta e si prepara per lo stomp ! Rollins però viene disturbato da Corbin che lo sbatte di nuovo nelle barriere. Poi gli AoP lo prendono in consegna e lo colpiscono, guidati dai comandi del loro manager. Corbin riporta Rollins sul ring ma Rezar si intromette. Ambrose chiede l’hot tag ma Rollins viene fermato da una double team degli AoP che provano il conteggio ma lo trovano solo di 2! Entra Corbin e Ambrose prova ad affrontarlo ma viene fermato dall’arbitro ma da tempo a Rollins di rialzarsi e di stendere l’avversario con una slingblade! Reigns intanto colpisce Akam ma Rezar effettua il salvataggio e lo manda contro i gradoni d’acciaio. Gli AoP lo finiscono poi con la last chapter; Corbin alza Rollins sul ring e lo colpisce con un deep six trovando ancora solo il conto di 2.  Gli AoP allora salgono sul ring e provano ad aggredire Rollins che però li fa cadere dal ring entrambi trovando l’hot tag per Ambrose che entra come una furia! Corbin riesce a scansare un tentativo di Dirty Deeds ma questo grazie all’intervento dei compagni si salva e prova la End of Days ma Ambrose si libera con un guizzo. Subito dopo però i tre si ricongiungono sul ring e cominciano a pestare Ambrose, con Rollins e Reigns KO  fuori dal ring. I tre sembrano in controllo quando dal nulla Roman Reigns colpisce con un superman punch Rezar  e Rollins con uno stomp fa fuori Corbin, lanciandolo fuori e connettendo un big dive! Dirty Deeds di Ambrose su Corbin con Reigns che chiama la spear e la connette, chiudendo un bellissimo match!

Vincitori: The Shield

Dopo il match, lo Shield si erge sul ring in segno di vittoria e Strowman, Mcyntyre e Ziggler li guardano da bordo ring mentre Drake Maverick rialza i suoi due bestioni. Ambrose a un certo punto però sembra allontanarsi pensieroso e i tre fuori dal ring si avvicinano, pensando che fosse il segnale di cui avevano parlato a Ambrose. Dean però appena questi si avvicinano torna al centro ring con i suoi compagni, deridendo gli avversari che in fondo, un po’, ci avevano creduto.