STORIA DI MONEY IN THE BANK: L’edizione del 2011 sotto il segno di John Cena e CM Punk


Siamo nelle settimane che precedono “Money In The Bank”. Questo PPV sancirà anche il ritorno definitivo dei fan nelle arene. Prima, però, per entrare in clima diamo uno sguardo al passato e agli storici momenti che ci ha regalato questo evento da 11 anni a questa parte.

Prima del 2010, non c’era un evento che portava questo nome, bensì, era il nome di una tipologia di incontro. Diversi wrestler che lottano per un unico obbiettivo: la valigetta del Money In The Bank. Per raggiungere la valigetta bisogna portare a termine una scalata ed aggrappare il premio che garantisce al detentore, un match titolato per uno dei due titoli maggiori della WWE.
Oggi rivivremo un evento storico e l’edizione più memorabile del PPV: Money In The Bank 2011. I match che andremo a vedere in particolare sono: il “ladder match” valido per la valigetta di SmackDown e il Main Event valido per il titolo mondiale WWE tra John Cena e CM Punk.

Il primo incontro è uno dei migliori della storia nel suo genere. A lottare per la valigetta ci sono Daniel Bryan, Cody Rhodes, Heath Slater, Wade Barrett, Kane, Sin Cara, Sheamus e Justin Gabriel. Ritmi molto alti e match superiore di gran lunga al “MITB Match” di Raw. Lo spot di Sheamus che distrugge Sin Cara gettandolo su una scala con una powerbomb cattivissima, rimane sempre un classico. Il finale a dir poco emozionante. Con Wade Barrett che sembra andare verso la vittoria ma poi perde a discapito di un eroico Daniel Bryan che fa volare l’avversario dalla cima della scala rifilandogli un calcione sulla nuca. Bryan completa la scalata ed è il detentore della valigetta del Money In The Bank di SmackDown. Bryan incasserà poi la valigetta ai danni di Big Show a TLC 2011 e diventerà per la prima volta, campione del mondo dei pesi massimi.

Torniamo al Money In The Bank di quell’anno. Il Main Event con il titolo mondiale in palio. John Cena vs. CM Punk per il titolo WWE. CM Punk era in scadenza di contratto e quella sera ci sarebbe stato il suo ultimo match in WWE. Se mai fosse diventato campione, Punk sarebbe andato via con la cintura. Punk esplose durante quell’estate perché fece vedere a tutti il grande potenziale che aveva ed è anche per questo che tuttora i fan pregano ad un suo ritorno nel wrestling. Aggiungiamo del pepe alla già piccante situazione. L’evento andava in onda da Chicago, città natale di CM Punk. Tutto il pubblico è dalla sua parte e in caso di vittoria Punk sarebbe scappato con la cintura lasciando la WWE senza titolo massimo. Punk vinse, Punk divenne campione dopo un match spettacolare contro una delle leggende più grandi di questo sport. John Cena dovette arrendersi alla supremazia di Punk e della sua Chicago. Mr.McMahon tentò in maniera disperata di mandare contro Punk, Alberto del Rio che aveva appena vinto la valigetta rossa di Raw ma anche lui cadde subito dopo un calcione di Punk. L’evento si concluse così ed entrò nella storia. Poche settimane dopo Punk tornò ma quella è una storia che vi racconterò a ridosso di Summerslam.

Per oggi è tutto. Abbiamo ripreso due grandissimi match e vi invito di recuperare subito i due incontri. Grazie per la vostra attenzione.