THE DEBATE: Extreme Rules 2019

Salve ragazzi e bentornati in questa nuova edizione del THE DEBATE; oggi andremo ad analizzare  Extreme Rules!

TOP MATCH: (Tommaso)

Il ppv è stato contraddistinto da una card che presentava match interessanti, ma nessuno di questi che facesse tenere col fiato sospeso i farn, lo stesso vale per quello che si è visto sul ring, molti buoni match ma a mio avviso non c’è stato quell’incontro che ha attirato l’attenzione in particolare. Alla fine questo premio lo do all’opening dello show: Shane&McIntyre vs Reigns&Undertaker, sia per i nomi altisonanti sul ring sia perché comunque abbiamo visto bei movimenti sul ring, sia standar che appunto “extreme”.

TOP MATCH: (Nicola)

Mi son trovato in difficoltà nella scelta del match della serata. Extreme Rules ha presentato degli incontri, quasi tutti, andati oltre la sufficienza, ma alla fine ho optato per Ricochet vs AJ Styles. I due, nelle ultime settimane, si sono visti coinvolti in una faida davvero bella, forse la migliore degli ultimi tempi. L’incontro che ci hanno offerto è stato sensazionale dal punto di vista tecnico (parliamo di due performer mondiali), l’intervento dei Good Brothers ci stava in chiave storyline e la conquista dello US Championship da parte di AJ è la ciliegina sulla torta. Certo, da loro due possiamo vedere molto, ma molto di più e sono convinto che a Summerslam ci sarà un re-match, magari senza la presenza di Gallows ed Anderson a bordo ring.

FLOP MATCH: (Tommaso)

Bayley vs Alexa Bliss & Nikki Cross. Incontro brutto ed inutile che poteva perfettamente esser messo nel kick-off, soprattutto se si pensa che quello spazio è stato occupato dal match valido per il titolo intercontinentale tra Nakamura e Finn Balor

FLOP MATCH: (Nicola)

Così come la storyline in generale (eccetto la gestione di Nikki Cross), l’Handicap match valevole per lo Smackdown Women’s Championship non mi è piaciuto affatto. Un incontro che già dall’inizio non mi creava nulla, ero convinto così come probabilmente tanti altri che le atlete sul ring non avrebbero messo su un incontro quantomeno sufficiente. Alexa e Nikki hanno lavorato bene in coppia, ma farci vedere solo calci e pugni, per me, è zero totale. Bayley, anch’essa, mi ha deluso e devo dire che, salvo 2/3 puntate di Smackdown, ha fatto vedere pochi spunti interessanti come campionessa. Spero che adesso in vista di Summerslam possa avere una sfidante di primo livello, in modo tale da creare qualcosa che ci possa attirare, magari una faida con Charlotte Flair oppure con Ember Moon.

TOP MOMENTS: (Tommaso)

1) La prestazione di Undertaker va elogiata. Dopo lo scempio di Super ShowDown, il Dead Man ha voluto rimettersi in carreggiata e l’ha fatto in maniera impeccabile. Parlando del No Holds Barred Tag Team match, non abbiamo visto nulla di eclatante, ma comunque è stato un modo sorprendente per poter iniziare il PPV. Gli atleti hanno seguito perfettamente il copione, regalando un match godibile.

2) Ancora una volta, complimenti a Braun Strowman e Bobby Lashley. Dopo quello spot scioccante di Raw, i due hanno dato un minimo di credibilità alla parola “Extreme” dato che lo show si chiama Extreme Rules. The Monster e The All Mighty hanno combattuto per quasi venti minuti e, a parte un po’ di lentezza che per due mostri come loro ci sta, devo dire che abbiamo visto degli ulteriori spot davvero molto molto belli. Bravissimi.

TOP MOMENTS: (Nicola)

1) Beh, senza ombra di dubbio l’incasso di Brock Lesnar che, ancora una volta, ci sorprende tutti e diventa campione universale. Qui mi dilungherò un po’, per parlare anche del Main Event, comunque: partiamo da quello che è stato appunto il Main Event di Extreme Rules, ovvero il Mixed Tag Team match che vedeva coinvolti Seth Rollins e Becky Lynch da una parte, Baron Corbin e Lacey Evans dall’altra; c’erano pochissime attese, la storyline che si è creata non mi è piaciuta affatto, anche se durante il match ho visto degli spot interessanti, che comunque mi hanno sorpreso; personalmente, penso che le quattro Star abbiano reso al meglio e la contesa è stata abbastanza godibile. Poi, però, accade l’impensabile. Brock Lesnar arriva dal nulla, incassa su Seth e si riporta a casa quella che ormai è la sua cintura. La sua gestione come Mr. Money In The Bank è stata perfetta, nulla da dire seppur inizialmente eravamo tutti scettici. Adesso a Summerslam avremo Brock vs Seth, ancora una volta, ma alla fine penso che sia stata la scelta migliore da fare.

2) Alla faccia del PPV di transizione. Quattro cambi di titoli e l’incasso del Money In The Bank. Wow! Quanti colpi di scena ci sono stati ad Extreme Rules: Intercontinental, United States, Smackdown Tag Team e Universal Championship sono passati di mano. Davvero sorprendente.

3) Kevin Owens vince contro Dolph Ziggler grazie ad una Stunner dopo pochi secondi. Che sia il momento buono per lanciare nei piani alti KO? Questa vittoria è un segnale importantissimo. Adesso mi aspetto una rivalità con Shane McMahon a Summerslam, vittoria di KO e il Best In The World che se ne va per un po’ di tempo.

FLOP MOMENTS: (Tommaso)

1) Ero convinto che il match tra Kevin Owens e Dolph Ziggler sarebbe stato il match of the night, sia per gli atleti coinvolti che per la costruzione che sta avendo Owens. Purtroppo hanno deciso di prendere quella decisione che comunque ha una sua logica, ma avrei preferito un vero match.

FLOP MOMENTS: (Nicola)

1) Ma WWE pensavi davvero che credessimo in una vittoria di Samoa Joe? Lo status di quest’ultimo, ormai, è pari a zero, andrebbe ricostruito, e mandarlo contro Kofi Kingston per me è stata una scelta sbagliata. Avversario di transizioni per Kofi che chiude le pratiche con la solita Trouble In Paradise. Match tra l’altro che non mi ha particolarmente tenuto incollato davanti alla TV, spero in un qualcosa di più entusiasmante per il WWE Championship.

2) La card dello show prevedeva dodici match e solo tre avevano la stipulazione adatta al nome del PPV, Extreme Rules. Questo aspetto va sottolineato e come: potevano fare un Ladder match, che sarebbe stato ancora più entusiasmante, per i titoli di coppia di Smackdown e magari aggiungere un’altra stipulazione speciale ad altri due incontri. Il che sarebbe stato ulteriormente bello.

CONSIDERAZIONI FINALI: (Tommaso)

Come ho detto all’inizio questo ppv aveva diversi match interessanti ma nessun vero match di cartello (non ritengo il tag team match iniziale un incontro di questo calibro). Ma quasi tutti quei match hanno rispettato e in alcuni casi superato le aspettative, elevando di molto il livello (ed il voto) di tutto l’evento, poiché prima non percepivo grande hype da parte dei fan, e neanche da parte mia.

VOTO: 7

CONSIDERAZIONI FINALI: (Nicola)

Assieme a Money In The Bank, devo dire che Extreme Rules è stato il miglior PPV del 2019, almeno fino ad adesso. Il livello di lottato non è stato eccezionale, ma abbiamo  visto tantissimi bei match, andati oltre la sufficienza; alcune scelte mi hanno davvero colpito, come la vittoria rapida di Kevin Owens e la conquista dello United States Championship da parte di AJ Styles, un heel che adesso acquisisce molta credibilità; e poi la ciliegina sulla torta, l’incasso di Brock Lesnar, rendendo tutto perfetto. Come potete vedere, sono molto contento di Extreme Rules e adesso si entrerà in un mese rovente, che ci porterà dritti a Summerslam, con Paul Heyman ed Eric Bischoff a capo di tutto.

VOTO: 8

Lascia un commento

1
Aggiungi il numero di telefono di Spazio Wrestling 3921662421 per ricevere tutte le notizie su Whatsapp
Powered by