WWE: Bill Goldberg parla di Kevin Owens, Undertaker e della sua entrata nella Hall of Fame

Bill Goldberg ha recentemente intervistato da DigitalSpy.com. L’Hall of Famer ha parlato del suo ritorno nel 2016 , di Undertaker, Kevin Owens e della Hall of Fame.

Riguardo  Kevin Owens:

“Kevin è un bravo ragazzo e un grande atleta. Mi è dispiaciuto non poter lavorare maggiormente con lui perchè è un grande heel ma le tempistiche non me l’ha permesso. Nel backstage ci sono molti giovani con cui un veterano come me può lavorare ma come già ho detto il tempo è tiranno.

I fan ti hanno tifato quando sei tornato alle Surivor Series del 2016 ma poi hanno iniziato a fischiarti  durante la tua induzione nella Hall of Fame nonostante sei sempre il solito Goldberg; come mai?:

“Penso che il moveset fatto di sole tre mosse mi ha danneggiato molto. Se sei giovane e fai tre mosse è una cosa, ma quando sei più in là negli anni non  funziona più il tuo stile sul ring. La sera della mia induzione nella Hall of Fame ho detto ha Vince che qualcosa andava cambiato, non era corretto nei confronti degli spettatori e nei confronti delle persone che erano presenti alla cerimonia della Hall of Fame.”

“I ragazzi di questa generazione poi vogliono essere loro stessi protagonisti. Viviamo nell’era dei social ed il pubblico vuole avere un ruolo importante. In passato i ragazzi osservavano i match , avevano un’approccio più pacato. Oggi invece vogliono intromettersi nei promo di un atleta intonando cori di dissenso o che inneggiano ad altri atleti.”

“Questo tipo di fan è un veleno per la disciplina perchè non permette al resto del pubblico di godere del prodotto che gli viene fornito. Spero che il resto dei fan sappiano riconoscerli ed isolarli.”

Che ne pensi di Undertaker? Dovrebbe ritirarsi o continuare fino a quando è in grado di competere:

“Dipende tutto da quello che Mark ritiene sia più giusto. Sicuramente certe decisioni non vengono prese in base ai soldi che ti offrono perchè carriere del genere lasciano un’eredità che va oltre i guadagni di una o due apparizioni all’anno. Forse solo Vince ha la capacità di interferire su una decisione di Undertaker di apparire o meno. Personalmente all’inizio non volevo tornare sul ring ma poi pensandoci sopra ho cambiato idea e anche se non era al massimo della  forma.”

Hai parlato di Roman Reigns e della sua Spear durante il tuo discorso di entrata nella Hall of Fame, vedremo Goldberg  vs. Roman Reigns a Wrestlemania 35?

“Non dipende da me. Che sia Reigns o Undertaker il mio avversario per una mia ipotetica apparizione non dipende certo da me ma sicuramente stiamo parlando di  due nomi appetibili per ragioni diverse. Anche Brock non sarebbe male ma per ora la nostra faida è sul 2 a 1 per me quindi la vedo meno sensata come sfida”

FONTE: WRESTLINGSOURCE.COM

Lascia un commento