WWE: CM Punk parla delle proteste negli USA

CM Punk era a WWE Bakstage quando è scoppiata la rivolta dopo la morte di George Floyd in America.

Mark Henry ha detto la sua mostrando un video in cui marciava assieme ai protestanti in una delle “Black Lives Matter march”, ed è poi toccato a CM Punk dire la sua, e lo ha fatto parlando alle persone di pelle bianca.

CM Punk ha detto:

“Sono qui per dire alle persone bianche di ascoltare i vostri fratelli e le vostre sorelle nere e guardare da dove vengono. So che è difficile mettersi nei panni delle persone o capire la loro storia. Questo paese è diviso in due: se vengo fermato in auto ho paura di ricevere una multa, ma non voglio vivere in un mondo in cui un ragazzo nero debba avere paura di venire ucciso se fermato dalla polizia. Sono qui solo per dire alle persone bianche che dovrebbero tacere di più e ascoltare di più. Il paradosso è che per combattere intolleranza serve l’intolleranza. Noi bianchi siamo purtroppo privilegiati, ma dobbiamo usare questo privilegio per supportare chi non lo è, combattiamo l’intolleranza con l’intolleranza verso chi discrimina.”

E continua dicendo:

“Non c’è spazio per l’intolleranza, e lo so bene perché anch’io ho vissuto una cosa simile. Il primo tatuaggio che vidi in vita mia fu un numero sul braccio di mio nonno. Combatté i carri armati nazisti a cavallo, ed ora viviamo in un paese dove il presidente dice che i nazisti sono persone ‘veramente molto carine’ e non c’è un solo modo di intendere questa frase diversa da ciò che è. Se sei bianco, usa la tua voce per aiutare i nostri fratelli neri.”

FONTE: SPORTSKEEDA.COM