WWE: Finalmente John Cena rompe il silenzio sui tanti licenziamenti


In WWE, nel corso del 2021, ci sono stati tantissimi rilasci di Superstar e non solo. Fra i nomi più importanti ricordiamo, ovviamente, i vari Braun Strowman, Bray Wyatt, Aleister Black, Karrion Kross e Keith Lee.

Al riguardo, in una recente intervista al “Rich Eisen Show”, ne ha parlato così John Cena:

“C’è molto da disfare lì. Ve lo dirò, quando ho iniziato in WWE avevano appena assorbito la WCW e la ECW, e c’erano anche due territori di sviluppo. I roster erano abbondanti. All’epoca, sempre agli inizi, c’erano tagli due volte l’anno. Questo creava una posta in gioco per i talenti che cercavano di farsi un nome. Perché lo sapevamo. Sapevamo che in un anno solare, poco dopo WrestleMania o durante le vacanze, ci sarebbero stati dei tagli. C’erano sempre. Ma questo sembrava fermarsi quando abbiamo iniziato a ridefinire noi stessi con la nostra nuova scuola, ovvero lo stile dei personaggi della Ruthless Aggression Era mio, di Brock, di Randy e Dave. Quando quei ragazzi hanno cominciato a formarsi e a sviluppare programmi per il prossimo decennio o più, abbiamo cominciato ad espanderci ed avere più programmazione. I roster diventavano sempre più abbondanti.  E penso molto a questo, alla strategia di assunzione da parte della WWE. Si è trattata, a mio modo di vedere, di una strategia di assunzione molto difensiva. C’era e c’è ancora oggi un boom pazzesco nell’intrattenimento sportivo. C’è chi sta assorbendo questi nuovi contenuti, che sono coinvolgenti. C’è chi si sta facendo un nome fuori dalla WWE. Se la WWE crede che una persona sia adatta al loro mondo, cercherà in tutti i modi di dargli una chance. Loro sono anche abbastanza ottimisti nel continuare ad assumere nuovi talenti”

FONTE: WRESTLINGINC.com