WWE: Jinder Mahal era vicino alla TNA




In un recente episodio di Talk Is Jericho il Maragià Jinder Mahal ha parlato con Y2J di diversi argomenti, tra cui il suo ritorno in WWE e l’opportunità per il titolo che si è guadagnato.

Mahal dice che i due anni che hanno seguito il suo primo rilascio dalla WWE sono stati momenti molto bui. Beveva ogni sera, era ormai fuori forma e raschiava il fondo del barile. Poi ha preso la decisione di smettere di bere e iniziare una dieta. Due mesi dopo era di nuovo in WWE.
“The Secret – Il segreto” è un libro che fa affidamento sul potere del pensiero positivo e Jinder Mahal ne è un sostenitore. Ogni giorno fa esercizi cardio e poi scrive su un foglio i suoi obiettivi. Uno di questi obiettivi è diventare campione WWE e potrebbe diventare realtà a Backlash. Ora si sente benissimo e vede grandi cose all’orizzonte per lui.

Mahal ha anche parlato del suo rapporto con il capo, Vince McMahon:
“Vedo i risultati e vedo che mano a mano salgo di importanza. Mi sono avvicinato molto a Vince. E’ strano. Prima del mio rilascio, quando facevo parte dei 3MB, cercavo di evitare Vince. Beh, non proprio evitare, ma… […] Sa essere minaccioso, ma ora abbiamo un ottimo rapporto.”

 Jericho ha poi chiesto a Mahal se è stato Vince a dirgli della sua opportunità ai piani alti:
“In realtà è arrivato al palazzetto piuttosto tardi, alle 18.30 circa, e al match mancava molto e noi altri ci siamo allenati per l’incontro per un’ora e mezza prima del match. Ma mi ha riscritto il promo (intervista che ha lo scopo di pubblicizzare il wrestler e mandare avanti le faide). Il promo originale è completamente diverso.
Quindi finisce il match e uno degli sceneggiatori viene da me e mi dice che Vince lo aveva cambiato, io dico: ‘okay, portamelo.’ Ho letto tutta la parte sui commenti sull’America e ho pensato: ‘nah, il vecchio promo era più bello.’ Dovevo dire qualcosa del tipo: ‘ho cercato di essere pacifico ma nessuno mi è stato a sentire, ora finalmente ho la vostra attenzione. Ho battuto cinque dei migliori atleti di SmackDown e l’ho fatto da solo.’ O comunque una cosa del genere, era il classico promo da heel, ma quello nuovo era tutto: ‘voi americani di qua e voi americani di là.’ Non mi piaceva, ma l’aveva scritto Vince, quindi andava bene. Però l’ho messo in scena e la reazione che ha avuto il pubblico mi ha fatto capire che Vince è un genio. Sa bene come far infiammare il pubblico.
Non me ne sono accorto subito, ma poi ho percepito la reazione della folla. Quando sono tornato nel backstage sono andato a sedermi con Vince e lui mi ha detto – perché eravamo in ritardo con i tempi – ‘scordati delle tempistiche, fatti fischiare ancora di più prima ancora di aprire bocca.'”

 

Jericho fa notare che il fatto che ora che Vince ha scritto il promo di Jinder Mahal, è ancora più coinvolto in questa situazione. Mahal ha approfondito l’argomento:
“In realtà quando eravamo lì ho chiesto a Vince: ‘Vince, ti prego, mi fai fare un promo ad ogni singolo evento live?’ e lui mi ha detto di sì. Allora Michael Hayes ha scritto il ‘promo di Jinder’. Vado a controllare le mie mail qualche giorno fa e vedo il copione dei promo per gli house show e non mi era mai capitato prima. E il giorno dopo mi sono arrivate delle annotazioni extra (da parte di Vince McMahon).”

Jinder dice di sentirti più preparato adesso e Vince sa quello che sta facendo. Il tempismo è tutto, inclusa la scelta di assumere di nuovo Jinder Mahal dopo che lo avevano rilasciato.

“E’ stato strano, dopo due mesi di dieta e tutto mi è arrivata anche la chiamata di un’altra federazione.” Jericho, senza peli sulla lingua, chiede: “Ah, quindi ti ha chiamato la TNA?” e Jinder conferma.
“C’era questo pay-per-view ad Orlando quella domenica e io vivo a Tampa. E (Impact Wrestling) mi chiede di andare a parlare con loro. Stavo per andarci, ma il giorno prima ho ricevuto una chiamata da parte dal Dirigente dei Rapporti con i Talenti della WWE Mark Carrano e mi ha detto che mi volevano di nuovo.”

Jinder ha spiegato a Carrano che aveva un incontro con Impact Wrestling e voleva vedere cosa avevano da offrigli.
“Ovviamente volevo tornare in WWE, ma avevo già detto (ad Impact Wrestling) che sarei andato a parlare con loro, volevo mantenere la mia parola. Quindi sono andato, ho parlato con loro e poi ho chiamato Carrano e gli ho detto: ‘mandami il contratto’.”

Mahal dice che è stata tutta una questione di tempismo, perché la WWE stava dividendo i roster e aveva bisogno di altri lottatori. Lui e molti altri sono stati riportati nella compagnia. Ma, al momento, sembra che le cose stiano andando meglio solo per lui.

La trascrizione in lingua originale è stata a cura di Still Real To Us, l’intervista è stata realizzata da Talk Is Jericho.