WWE: Kurt Angle rivela la prima offerta ricevuta da Vince McMahon


Kurt Angle è stato un pilastro della WWE per molti anni ma, nel podcast di Stone Cold, ha rivelato un retroscena sul suo primo contratto.

Kurt ha rivelato che la WWE gli fece una prima offerta molto importante: 500.000$ all’anno per 10 anni ma lui rifiutò perchè non conosceva ancora bene il mondo del wrestling. Circa un anno dopo, quando andò a chiedere un contratto, gli fu detto che avrebbe dovuto guadagnarsi una grossa cifra: Jim Ross ne rimase impressionato e lo mise subito sotto contratto ma, inizialmente, guadagnava 50.000$ all’anno. Dopo 10 mesi, però, vinse il suo primo titolo e iniziò a lavorare con The Rock e Stone Cold nei main event, quindi per lui fu facile farsi aumentare lo stipendio.

FONTE: SPORTSKEEDA.COM

 

Emanuele Panza

Sono un super appassionato di wrestling e videogiochi. Mi sono avvicinato al wrestling nel 2014 quando, a 12 anni, mi innamorai della lotta di John Cena contro l'Authority. Scrivo per il sito Spaziowrestling.it e mi occupo della sezione news.

3 thoughts on “WWE: Kurt Angle rivela la prima offerta ricevuta da Vince McMahon

  • 29 Settembre 2020 in 23:36
    Permalink

    @fatriico:disqus, piccolo OT, tanto in queste lande chi ci caca: ma tu che ne pensi dell’affaire Ilicic? (Atalanta)

    Sarebbe facile dire: “oh, con i soldi che prendono, ecc.”, però la prima è l’Atalanta che non ha licenziato in tronco l’atleta, per essersi defilato prima della partita più importante della storia del club, la scorsa stagione…

    E’ proprio per questo che sono dubbioso e non riesco a farmi un’idea vera della situazione: se nel calcio di oggi, sempre più danaroso ed asettico, una società riesce accettare un comportamento, stringi stringi, non professionale, vuol dire che hanno capito una situazione difficile e l’hanno accettata, magari obtorto collo

    Anche perché, vendendolo, ci avrebbero fatto una marea di soldi…

    Tu che ne pensi? E cmq, chapeau a Percassi, bravissimo… ha creato un’Atalanta importante a livello internazionale nonostante abbia cancellato, de facto, la squadra femminile, la mia AtalantaMozzanica, perché non interessato… meglio una non affiliazione perché non interessati che mille “revolutions”, femminismo di facciata… e lo dico da tifoso del calcio femminile deluso… il calcio femminile, come il rrulestling di questo tipo, devono essere rappresentati per convinzione e non per convenzione….

    • 30 Settembre 2020 in 1:24
      Permalink

      Sono frasi qualunquiste e superficiali. Il problema della “stronza” è serio e non si può dirimere con quattro battute da caserma.
      Percassi ha fatto il bis dopo gli anni novanta, superando se stesso. Il suo lavoro è sotto gli occhi di tutti. C’è da ammettere che a Bergamo resiste da tempo, una tradizione calcistica di primo livello. In primo luogo, dalle giovanili che hanno bagnato il naso a quelle del Toro, un tempo, la massima espressione in quel campo, prima che arrivasse Calleri a fare piazza pulita per (a detta sua) sistemare i conti. Bisognerebbe sapere cosa ne pensi il vate Vatta a tal proposito: Uomo di calcio e profondo conoscitore di giovani. Vai a ripescare i migliori elementi italiani che hanno calcato i campi negli anni ottanta e novanta e si scopre che buona parte di loro, arrivava dal settore giovanile granata.
      Siccome siamo in zona OT, lontani da sguardi severi, vorrei sapere se conoscevi questa perla….
      https://youtu.be/OW0uNAcKP5I

I commenti sono chiusi