WWE: Logan Paul si è reso conto a WrestleMania 37 che il wrestling non è finto

Logan Paul è stato l’ospite d’onore speciale di Sami Zayn per il suo match di WrestleMania 37 contro Kevin Owens. Alla fine, Owens ha ottenuto la vittoria e ha colpito Paul con una Stunner, eseguita in maniera molto dura, specialmente per un non wrestler come Logan Paul. Durante il suo Impaulsive Podcast, Logan ha parlato della sua esperienza in WWE e ha elogiato le Superstar per avere un set di abilità unico che consente loro di subire un’enorme quantità di colpi. Pensava che la WWE fosse in qualche modo finta, ma quel pensiero ovviamente è cambiato:

Delle persone sono venute da me dicendo ‘Hai venduto bene quella stunner!’ Venduto? In realtà ne sono stato travolto. È vero. Andando lì, questa è una delle cose che ho capito della WWE. Questi atleti ci vanno così duramente che stanno letteralmente picchiando a morte i loro corpi, lanciandosi da distanze da cui nessun uomo dovrebbe mai lanciarsi. Non ho mai visto niente di simile. L’intero pensiero sul fatto che sia finto è morto perché le persone si rendono conto che è reale. È uno skillset. L’ho visto con la Stunner. Non appena l’ha fatta, l’arbitro si è avvicinato e mi ha chiesto se stavo bene perché sembrava reale. Mi sono impegnato a farlo.”

FONTE: THIRSTYFORNEWS.COM



Rispondi