WWE: Pete Dunne racconta le origini di NXT UK

In un’intervista rilasciata per Pod of Awesomeness di Edge & Christian, Pete Dunne ha rivelato ciò che Triple H gli ha promesso quando ha firmato per la WWE, di voler affrontare Brock Lesnar in futuro e di altro ancora.
Qui di seguito sono riportati i punti salienti:

Sulla promozione del marchio NXT UK: “Questa è un’opportunità unica che non avremmo mai pensato esistesse. Inoltre, essere in grado di farlo, essere responsabile delle proprie carriere mentre si prova a fare il passo successivo, e sentire poi… forse dire “pressione” è sbagliato perché ci siamo goduti l’esperienza, ci ha permesso di sentirci liberi di [dire], ‘okay, facciamo un brand per tutti nel Regno Unito, non solo per i wrestler che lo fanno ormai da tanto tempo’, e dal momento in cui ha esordito in TV, per cinque anni o per quanto tempo ancora, di colmare le nostre lacune. Tempo fa tutti si chiedevano ‘quando torneranno in TV i wrestler britannici?’, per permetterci di avere l’opportunità di riportare in auge la disciplina nel nostro Paese e di maturare un po’più di esperienza, responsabilizzandoci e imparando a lavorare più concentrati. Invece di pensare di aver bisogno di arrivare al main roster il più velocemente possibile, abbiamo un obiettivo completamente diverso, che è stato ‘iniziamo questo progetto dal nulla e facciamo qualcosa di completamente originale'”.

Sulla promessa di Triple H: “Ci è stato promesso dal primo giorno che sarebbe successo qualcosa. Rimaneva solo da sapere quando e cosa sarebbe stato esattamente. Accadde molto tempo dopo che l’incontro di Tyler Bate a TakeOver venne disputato, ma avevo fin dall’inizio la sensazione che quel match avrebbe contribuito a consolidare un po’lo status di NXT UK, soprattutto per un pubblico mondiale. Quell’evento vendette NXT UK come qualcosa che valeva la pena di vedere e ha legittimato ulteriormente il titolo massimo del brand. Ma in realtà ci dissero dal primo giorno di Regal e Triple H, nel corso della loro conferenza stampa, che lo spettacolo avrebbe avuto un seguito”.

A proposito dei suoi dream match: “Quello che per me è da sempre una sorta di dream match sarebbeun incontro con Brock Lesnar. Penso che possa rivelarsi un interessante mix di stili, soprattutto perché molti ragazzi della mia taglia non adottano il mio stile, quindi penso che sarebbe davvero interessante da guardare. Anche AJ Styles sarebbe un enorme privilegio per me. È qualcuno con cui ho sempre voluto lottare. Così come Rey Mysterio. Ma anche nel roster NXT ci sono così tanti talenti con cui non ho ancora avuto la possibilità di lavorare. Devo fare uno o due incontri con Matt Riddle nella scena indipendente, ma mi piacerebbe lavorare con lui ad NXT. Penso che saremmo in grado di fare cose davvero interessanti che la gente non ha mai visto prima”.

Su un crossover tra i brand: “Stiamo arrivando al punto in cui diversi brand della WWE possono mescolarsi tra loro e ci sono tantissime opzioni diverse sotto la stessa federazione, cosa che non è mai accaduta prima e non pensavo davvero che fosse possibile. È successo tutto così in fretta. Prima potevi davvero solo farti un nome nelle indies o in Giappone, adesso, per esempio, un Mustafa Ali è qualcuno che è emerso dal torneo dei cruiserweight. Ha ottenuto questo ruolo nel main roster che gente come AJ Styles o Samoa Joe, avrebbe avuto nelle indies, eppure è stato in grado di farlo all’interno di questa compagnia. Tutto ciò è davvero interessante e sono curioso di vederlo ancora di più nei prossimi anni”.

Fonte: 411MANIA

Lascia un commento

1
Aggiungi il numero di telefono di Spazio Wrestling 3921662421 per ricevere tutte le notizie su Whatsapp
Powered by