mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeNewsWWE : The Greatest Royal Rumble mette in evidenza l'ipocrisia della WWE?

WWE : The Greatest Royal Rumble mette in evidenza l’ipocrisia della WWE?

The Greatest Royal Rumble si terrà venerdì, e segnerà l’inizio di una problematica alleanza decennale tra la WWE e il Regno dell’Arabia Saudita.

Anche se la card dell’evento che si terrà all’interno del King Abdullah Sports City Stadium nella città di Jeddah, è stata costruita con incontri e lunghezza simili a WrestleMania, una differenza clamorosa con Wrestlemania 34 è che alle donne non sarà permesso di esibirsi.

Ciò è in contraddizione con l’iniziativa della WWE per promuovere l’uguaglianza tra le sue Superstars maschili e femminili, con le donne, precedentemente note con il nome di Divas, poi rinominate Womens nel 2016.

In una recente intervista con The Independent, Paul “Triple H” Levesque, vice presidente dei talenti, eventi dal vivo e creativo della WWE, ha commentato le questioni sociopolitiche che affliggono la più grande Royal Rumble:

“Capisco che le persone lo stiano mettendo in discussione, ma dovete capire che ogni cultura è diversa e solo perché non siete d’accordo con un certo aspetto di essa, non significa che non sia una cultura rilevante. Non possiamo dettare legge o religione su come gestiscono le cose, ma detto questo, la WWE è in prima linea nell’evoluzione delle donne nel mondo, e non si può cambiare qualcosa standone lontani.”

Mentre parti della risposta di Triple H lo hanno fatto sembrare una “bambola” da liquidazione aziendale, l’evoluzione delle donne nella WWE è qualcosa di davvero reale. La firma dell’ex megastar della UFC Ronda Rousey condurrà ancora più avanti il wrestling in WWE.

WrestleMania 34 ha segnato una prima volta nella storia della WWE dato che l’evento era caratterizzato da più incontri femminili in singolare con i titoli in palio. Con la Rousey a bordo, sembra che anche Wrestlemania 35 sarà un evento senza precedenti per tutte le atlete femminili.

Anche prima dell’arrivo di Ronda, le donne avevano conquistato i principali eventi di Raw, i pay-per-view e match speciali – come Money in the Bank, la Royal Rumble e l’Hell in a Cell – una volta riservati ai loro colleghi uomini.

Il fatto che la compagnia abbia accettato denaro dall’Arabia Saudita come parte di  Vision 2030 ( un programma economico nazionale che prevede uno sviluppo economico meno dipendente dal petrolio, ecc ), dimostra che la WWE accetterà pratiche oppressive in cambio di guadagni finanziari.

Non è ancora noto quanto il governo saudita abbia pagato la WWE per The Greatest Royal Rumble. Ma la nazione avrebbe fatto un investimento di 400 milioni di dollari in UFC, e l’evento si caratterizzerà per lo stravagante spettacolo di una scenografia  simile a quella di Wrestlemania, con una card di alto profilo che includerà personaggi come Roman Reigns, Chris Jericho, The Undertaker, John Cena, Rey Mysterio e Brock Lesnar, e ha aggiunto il lungo viaggio in un programma internazionale già frenetico. Aggiungiamo anche la seria probabilità che la WWE perda consensi di pubbliche relazioni per la messa in onda di un evento per soli uomini co-sponsorizzato da un regno draconiano, e il fatto che il prezzo richiesto per the Greatest Royal Rumble sia stato senza dubbio alto.

Ma l’Arabia Saudita ha risorse più che sufficienti per pagare una spesa simile.

Il PIL dell’Arabia Saudita è di $ 646 miliardi e l’iniziativa Vision 2030 per incrementare gli investimenti nel settore dell’intrattenimento fa parte di un piano più ampio per ridurre la dipendenza dal petrolio.

Dal punto di vista di un ottimista, Vision 2030 è solo uno dei numerosi cambiamenti progressivi guidati da un principe di 32 anni fatto su misura per l’era moderna. Il regno del principe Mohammad bin Salman ha recentemente nominato la principessa Reema bint Bandar come prima donna presidente della Federazione Saudita per gli sport della comunità.

A partire dal giugno 2018, l’Arabia Saudita emetterà una legislazione storica che consentirà alle donne di guidare.

Un punto di vista più cinico di questi passi altrimenti incoraggianti verso l’uguaglianza potrebbe essere che fa tutto parte di una campagna di relazioni pubbliche superficiali in Arabia Saudita, che è stata criticata per un sistema di tutela e che è stata classificata141ª su 144 nel Forum economico mondiale Global Gender Gap Report nel 2016.

Sebbene la maggior parte dei biglietti per The Greatest Royal Rumble vengano offerti a un prezzo di vendita da $ 2,70 a $ 5,30, solo 10.000 su circa 52.000 biglietti sono stati messi a disposizione di singoli uomini. Data l’abbondanza di singoli uomini che guardano il wrestling professionistico, è ovvio che quei biglietti sono andati esauriti rapidamente.

Anche quei biglietti, tuttavia, disporranno singoli spettatori di sesso maschile in sezioni lontane all’interno dello stadio, mentre i posti VIP (disponibili per $ 80) e le sezioni che mostrano gli spettatori sono riservati ai membri dell’Autorità sportiva saudita, ospiti famosi e famiglie che devono includere almeno una donna adulta.

Gli estremisti maschilisti e i fan locali di wrestling sono rimasti estremamente turbati da questi sviluppi.

La WWE sicuramente brandizzerà innumerevoli volti di donne nella folla che si godranno lo show. Non è progresso. È propaganda.

Nonostante l’intensa reazione negativa che ha influenzato gli sponsor ad incoraggiare un cambio di nome della Fabulous Moolah Battle Royal, che può o non può aver ingiustamente aggravato l’ex campione femminile polarizzante, la reazione contro la WWE per la sua proficua collaborazione con un regno oppressivo è stata relativamente attenuata.

La WWE metterà in onda un importante pay-per-view che vieta le interpreti femminili di fronte a un movimento femminile a livello di società, mentre i fan e i membri dei media di wrestling in tutto il mondo condivideranno l’ipocrisia.

E forse questo è solo parte del problema.

Fonte: forbes.com

ULTIME NOTIZIE

ULTIMI RISULTATI