THE DEBATE: Royal Rumble 2020 | Spazio Wrestling


THE DEBATE: Royal Rumble 2020



Ciao amici di Spazio Wrestling e ben ritrovati in questo nuovo numero del The Debate. Oggi io e Marco Tonsino analizzeremo la Royal Rumble, PPV pieno di emozioni andato in onda la scorsa notte da Houston (in Texas). Che dire, cominciamo subito:p

Nicola Morisco

TOP MATCH

Non vedevo un Royal Rumble match maschile così bello da tanti anni. Lo sappiamo, le risse reali sono speciali perché regalano sempre delle grandi emozioni, ma non tanto dal punto di vista del lottato, bensì dai vari ritorni, dagli spot, dalle eliminazioni e dal vincitore finale. Ecco, questi quattro “ingredienti” la WWE ha saputo amalgamarli in maniera sublime ed è riuscita a mettere su un piatto prelibatissimo. In parole più semplici, la rissa reale maschile è stato il match più bello di questa Royal Rumble. Ma analizziamo, passo dopo passo, l’intero Royal Rumble match: partiamo da Brock Lesnar, che ha dominato praticamente metà incontro ed è giusto così, per qualcuno potrà risultare monotono, ma secondo me il modo in cui hanno proposto il tutto è stato bello e divertente; dopo un po’ arrivano Ricochet e Drew McIntyre, il primo si vendica di ciò che ha subito proprio da Lesnar nell’ultima puntata di Raw e gli sferra un Low Blow, poi però accade l’inaspettato, Claymore di McIntyre e Lesnar va fuori, non vi nego che ho esultato più per questo “spot”, che per un ritorno avvenuto poco dopo; e parliamo proprio di lui, si del rientrante Edge, ma ragazzi che prestazione ha tirato fuori dal cilindro? Complimenti davvero, uno dei ritorni più belli degli ultimi anni; e alla fine accade ancora l’inverosimile, contro ogni pronostico, Drew McIntyre sferra un’altra Claymore, questa volta a Roman Reigns, e successivamente lo va a gettare fuori dal quadrato per andare in paradiso e aggiudicarsi la Royal Rumble 2020. Che dire, mi sembrava di essere tornato bambino, grazie WWE!

FLOP MATCH

Alla vigilia della Royal Rumble era il match che mi creava meno interesse e, alla fine, è risultato essere anche l’incontro più brutto dello show. Non posso che riferirmi, ovviamente, alla sfida valevole per lo Smackdown Women’s Championship tra Bayley e Lacey Evans. Le due non hanno raccontato nulla durante il match, anche dal punto di vista del lottato ho visto davvero pochissima roba, per non parlare di alcuni errori commessi dalla Evans. Insomma, match che oltre ad essere bocciato, a mio parere non raggiunge neanche la sufficienza.

TOP MOMENTS

-Come ho già scritto prima, ho gridato come un pazzo quando Drew McIntyre ha buttato fuori dal ring il WWE Champion, Brock Lesnar. Per non parlare di quando ha fatto altrettanto con Roman Reigns, per poi vincere il Royal Rumble match. Dunque, in questo caso non voglio optare per un “moments” in particolare, bensì per tutto ciò che ha fatto lo scozzese durante la rissa reale. Grande Drew!

-Il suo ritorno, ovviamente, non può passare in secondo piano. Sentivo la sua mancanza e quando è partita Metalingus sono rimasto col fiato sospeso per almeno un minuto. Che spettacolo rivederlo, bentornato a casa Edge!

-Anche il Royal Rumble match femminile ha regalato diversi spot molto belli e sopratutto divertenti. Uno fra tutti è sicuramente l’atterraggio di Mandy Rose su Otis, con quest’ultimo che ovviamente ha permesso alla stessa Mandy di non essere eliminata dalla contesa. Questi due mi strappano sempre un sorriso, la loro “storyline” mi piace un sacco, proprio come quella tra Rusev, Lana, Bobby Lashley e Liv Morgan (si scherza ovviamente, lo sappiamo benissimo che il triangolo amoroso di Raw fa schifo).

-Altro Top moments è sicuramente il ritorno di Santina Marella. L’interazione con Beth Phoenix e Natalya è stata oro puro, per non parlare poi di quando si è eliminata da sola. Che bello….

-E infine, restando sempre in tema Rumble femminile, ho adorato il modo in cui hanno pushato Bianca Belair. La giovane atleta di NXT si è fatta un nome, il suo status adesso si è rafforzato e non poco e ricordiamo che a TakeOver: Portland affronterà la campionessa di NXT, Bianca Belair. Quindi che altro dire, complimenti alla WWE per la gestione del tutto.

FLOP MOMENTS

-Ho deciso di non inserire nessun Flop moments, in quanto ritengo che non ci sia stato un momento in particolare che non mi è piaciuto per nulla.

COMMENTO FINALE

La WWE ha iniziato il 2020 come meglio non poteva. La Royal Rumble, quest’anno, è stata fantastica. Charlotte vincitrice della Rumble femminile e McIntyre di quella maschile, sono scelte che condivido pienamente. Chiudendo il discorso risse reali, entrambe sono state il pezzo forte dell’evento. Gli altri match di “contorno” hanno raggiunto quasi tutti la sufficienza, alcuni sono andati anche oltre, come lo Strap match, dove Daniel Bryan ha fatto il Daniel Bryan che consociamo e The Fiend si è comportato molto bene, ma molto bene hanno fatto anche Roman Reigns e King Corbin nel divertentissimo Falls Count Anywhere match. Che dire, la Road To Wrestlemania promette scintille con Edge e Drew McIntyre che, per ora, sono i due Top name. La strada è quella giusta, adesso bisognerà continuare su questa strada. E sono fiducioso, WWE facci sognare!

VOTO: 8

Marco Tonsino

TOP MATCH

La Royal Rumble maschile. Hanno imbrogliato le carte davvero bene facendoci credere delle cose per finire sempre su strade diverse da quelle immaginate. Lesnar che elimina avversari in serie faceva temere che vincesse lui invece calcio castrante di Ricochet e Claymore di Drew McIntyre e Lesnar fuori e io alle 4:30 del mattino che bestemmio di gioia. Il ritorno di Edge, mai avrei immaginato che il suo grave infortunio di tanti anni fa gli permettesse il recupero, invece è tornato in grandissima forma fisica. Tanti bei momenti di lottato dopo l’uscita di Lesnar, e quando sembra che Roman Reigns sia il vincitore quasi annunciato dopo aver vinto il match con Corbin e soprattutto dopo aver sconfitto la leucemia, Drew McIntyre vince si commuove e non tiene le lacrime. In tanti speravamo nel ritorno di CM Punk, oggi sono contento cosi, è stata la Rumble migliore da diversi anni e un vincitore che non è uno dei soliti nomi.

FLOP MATCH

Bayley vs Lacey Evans. Brutto noioso come troppo spesso capita coi match di Bayley , in teoria lei è bravissima, in passato ha fatto i botti da paura ma sarà il personaggio, sarà lei demotivata o scazzata, ma i suoi match hanno bisogno del doping a base di caffeina per non dormire. Lacey Evans poteva fare ben poco da sola per rendere il match godibile con una Bayley che lotta in questo modo. Mi aspettavo poco e ho avuto meno ancora.

TOP MOMENTS

-Il rientro di Edge sicuramente è stato un momento molto importante, tutti lo aspettavano da quando si ritirò per motivi di salute ma io non avrei mai creduto che potesse avere di nuovo l’ok dei medici per tornare sul ring. Mi sbagliavo e sono contento di essermi sbagliato.

-Drew McIntyre che elimina Lesnar con l’aiuto di Ricochet è stato un godimento epico, una liberazione dall’incubo di vedere Lesnar vincere e frantumare tutti i record che iniziava a prendere forma, e soprattutto Drew McIntyre che vince la Rumble quando ormai credevamo che a vincere sarebbe stato Roman Reigns, Drew che poi si commuove perché dopo mille traversie, dopo anni in cui ha mangiato merda gratuita facendosi un mazzo bestiale sarà dove ogni wrestler vorrebbe essere, nel Main Event di Wrestlemania. La vittoria del duro lavoro contro le difficolta , gli infortuni, le possibilità concesse ai predestinati , ai raccomandati, ai mercenari come Lesnar. A Wrestlemania spero distrugga la bestia una volta e per sempre.

FLOP MOMENTS

-La vittoria di Becky. Adoro Becky da quando non esisteva quasi più nella card, da quando ancora doveva arrivare nel main roster, ma ormai le sue vittorie sono diventate una cosa ovvia e scontata. Nessuno ha mai dubitato un solo secondo che potesse perdere contro Asuka, che sul ring può essere dura e cazzuta come poche al mondo. Poteva essere un incontro esplosivo epico, è stato un match in attesa della Rumbe maschile e niente di più, nessuno se ne ricorderà già da oggi.

-Secondo flop moment l’assenza di R-Truth, dopo il suo segmento di Raw con Lesnar sarebbe stato divertente vedere cosa avrebbe potuto combinare quel mattacchione geniale, e sarebbe stato sicuramente molto meglio del segmento di Santina Marella, grandissima cagata McMahonata.

COMMENTO FINALE

L’evento mi è piaciuto molto, ci sono stati tanti alti , non è scontato vedere un bel match quando c’e’ The Fiend, ma quel genio di Daniel Bryan ha fatto il miracolo, non era scontato divertirsi nel match tra Reigns e Corbin, essendoci stato proposto in tutte le salse da mesi, ma si sono massacrati per riuscirci con ottimi risultati, e pochi bassi. Sicuramente un PPV molto emozionante. bello e con molte sorprese. Nessuna McMahonata che abbia fatto venire la voglia di spaccare il televisore o imbracciare un fucile, e questa è una gran bella sorpresa.

VOTO: 7.5

The following two tabs change content below.
Nicola Morisco
Sono un amante del wrestling da sempre. È una delle mie passioni preferite. Lunedì, mercoledì, venerdì e domenica mi diverto a guardare Raw, NXT, Smackdown e i vari PPV. Scrivo per Spazio Wrestling da più di un anno e mi occupo della sezione news/report e le varie rubriche AEW/NXT Predictions e The Debate.